Si stava per gettare nel vuoto dal tetto di casa sua, ma sono intervenuti i Carabinieri che l'hanno convinta a scendere. Il suicidio è stato sventato mercoledì 21 ottobre nella periferia di Roma. Non tutti in questo periodo di difficoltà riescono ad affrontare la vita allo stesso modo. E la signora che era salita sul tetto era di fronte a un crollo psicologico. Un passante l'ha notata e ha subito chiamato i carabinieri. Appena avvisati, i militari dell'Arma sono intervenuti. Sono saliti sul tetto dove si trovava la donna, si sono avvicinati e l'hanno convinta a desistere da quel suo gesto estremo.

Carabinieri: "Rispondiamo alla vostra richiesta di aiuto"

Sulla pagina Facebook dei Carabinieri si legge: "Contrastiamo il crimine, vigiliamo sulla sicurezza dei cittadini, ma soprattutto rispondiamo alla vostra richiesta di aiuto". Poi il post prosegue: "Ieri eravamo anche seduti su un tetto accanto a qualcuno in difficoltà per abbracciare il suo dolore, garantire la nostra presenza e donare la speranza in uno sguardo".

Sostegno psicologico per l'emergenza Covid-19

Il timore di poter essere contagiati, di perdere il lavoro, di restare chiusi a casa può essere insopportabile per alcune persone. È questo il motivo per cui da quando è iniziata l'emergenza Covid-19 la Regione Lazio e alcune strutture del Servizio Sanitario Nazionale hanno attivato uno sportello di ascolto psicologico. Basta chiamare il numero verde 800 118 800 oppure uno di quelli delle Asl di Roma. Alcuni sono attivi tutto il giorno, 24 ore su 24, altri solo parte della giornata. È sufficiente consultare la lista. Una parola di conforto può essere d'aiuto ed evitare guai ben peggiori.