L'ipotesi di candidare Guido Bertolaso come sindaco di Roma per il centrodestra, rimbalzata negli scorsi giorni, trova il pieno appoggio di Silvio Berlusconi. Lo ha spiegato l'ex presidente del Consiglio e leader di Forza Italia in un'intervista al quotidiano "La Repubblica": "Personalmente ritengo che Guido con la sua capacità e la sua esperienza possa garantire la gestione professionale di cui Roma ha bisogno", ha detto l'ex Cavaliere, aggiungendo un "però": "Su Roma, come su tutte le altre città, stiamo lavorando molto bene con Giorgia Meloni e Matteo Salvini, cercando i candidati più validi senza veti né pregiudiziali".

Il nome di Bertolaso era già stato fatto per le comunali del 2016

L'ammirazione per Bertolaso, da parte di Berlusconi, non è una cosa recente: già durante le scorse elezioni comunali del 2016 l'ex capo della Protezione civile venne candidato al Campidoglio da Forza Italia, ma poi la sua candidatura venne ritirata per lasciare spazio ad Alfio Marchini, poi sconfitto da Virginia Raggi. Adesso il nome di Bertolaso potrebbe tornare per sfidare, per il momento, Carlo Calenda e Vittorio Sgarbi, i due nomi finora in corsa per la poltrona di sindaco della Capitale, mentre si è in attesa di capire cosa deciderà alla fine la sindaca uscente Virginia Raggi che è però formalmente "bloccata" dalla regola dei due mandati imposta dai Cinque stelle.

Nell'intervista Berlusconi ha evidenziato che il nome del candidato sindaco del centrodestra a Roma, così come nelle altre grandi città, arriverà dopo di concerto con gli altri partiti della coalizione: "Per Roma come per ogni città ragioneremo insieme per trovare le soluzioni migliori". Il leader di Forza Italia ha poi confermato come la strategia del centrodestra sia di puntare su nomi esterni alla politica: "Forza Italia è nata proprio per portare in politica le figure migliori del mondo dell'impresa, del lavoro, della cultura, dell'impegno sociale – ha spiegato l'84enne leader azzurro -. Persone che abbiano dimostrato nella vita e non solo in politica quello che sono in grado di fare".