I romani si apprestano a festeggiare il Capodanno 2021 insieme, ognuno rigorosamente all'interno della propria abitazione. C'è chi, per rispettare le regole imposte dal Decreto Legge del Governo, che rende la Capitale e il Lazio, come il resto d'Italia a partire da oggi, 31 dicembre e fino al 6 gennaio zona rossa, si è dato appuntamento per il brindisi di mezzanotte affacciato ognuno dal proprio balcone, rigorosamente in pigiama. Accade in un palazzo in via Antonio Pigafetta alla Garbatella, dove i residenti stasera si ritroveranno (a distanza) per farsi gli auguri di un sereno anno nuovo. Il cartello appeso nei corridoi recita: "Si invitano i signori condomini a ritrovarsi al veglione di Capodanno, che si terrà rigorosamente nel proprio appartamento. Troviamoci a mezzanotte provvisti di spumante, sul proprio terrazzo, per brindare al nuovo anno. Verranno distribuite gratuitamente delle lanterne da accendere e far volare in cielo, con la speranza di uno spiraglio di luce in questo anno che verrà. Si richiede, facoltativo, l'abito da sera….il pigiama!"

Quella che si apprestano a festeggiare i romani sarà dunque una serata decisamente diversa rispetto agli anni passati. Il tradizionale concertone al Circo Massimo è stato annullato, così come gli altri eventi in città attesi per il 1 gennaio e per la festa dell'Epifania, il Comune di Roma ha organizzato un appuntamento in streaming, ‘Oltre tutto' che sarà trasmesso stasera, son artisti, cantanti, narratori, conduttori e cinematografi, che si esibiranno con le loro performance da vari luoghi della città.

Capodanno dai balconi sì, ma senza lanterne

Un'iniziativa quella del Capodanno in pigiama dai balconi che prende spunto dai cori del primo lockdown, quando i cittadini si ritrovavano affacciati dalle finestre delle proprie abitazioni per chiacchierare, cantare o suonare, per restare simbolicamente uniti e sentirsi meno soli. Un'idea che ha fatto il giro dei social network e dalla quale prenderanno sicuramente spunto altri condomini, improvvisando magari anche all'ultimo momento, sortite su terrazze e balconi. E mentre la proposta del dress code è stata ben accolta, quelle delle lanterne ha suscitato le critiche dei più, perché "sono vietate" e "inquinano", dunque meglio evitarle.