Molly Webb, popolare calciatrice inglese, è morta all'improvviso all'età di 25 anni, pochi giorni dopo aver manifestato sintomi simil-influenzali. Come riportano i tabloid britannici, la ragazza giocava per i Loughborough Foxes nel Leicestershire, si era da poco specializzata come insegnante e aveva iniziato a lavorare nel servizio carcerario. In una dichiarazione, i parenti di Molly hanno fatto sapere: "A nome della famiglia vorremmo ringraziare tutti voi per il vostro sincero sostegno e i bellissimi messaggi. Sono molti confortanti in questo momento difficile. Apprezziamo davvero quanto tutti riconoscano la natura meravigliosa, gentile e premurosa di Molly che lascerà un impatto duraturo su tutti coloro che sono stati benedetti nel conoscerla".

Molly Webb faceva parte della squadra di calcio del Loughborough Foxes dall'età di 13 anni ed era capitano della squadra di Vixens, squadra degli U12 di cui era anche manager, oltre che membro del comitato del club. Il direttore della squadra, Steve Wilkinson, ha dichiarato che il club non sarebbe stato lo stesso senza di lei: "Era sempre una gioia trascorrere del tempo con Molly; era vibrante, entusiasta, motivatrice: una persona che vuoi sempre nella tua squadra qualunque sia la situazione. Molly ha passato la maggior parte della sua adolescenza e la prima età adulta con i Loughborough Foxes: è stata una presenza-chiava; ha allenato diverse squadre juniores e ha anche svolto un ruolo fondamentale dietro le scene” ha detto Wilkinson. “L'enorme numero di messaggi sui social media e il fatto che i club di tutto il Paese, hanno avuto un minuto di silenzio o un applauso di un minuto nel fine settimana, sottolinea il riconoscimento che Molly aveva nel mondo del calcio e l'impatto che aveva su tutti coloro che sono entrati in contatto con lei”. La data del funerale non è stata ancora confermata.