2.815 CONDIVISIONI
Coronavirus
20 Aprile 2021
19:37

Vaccini, dal commissario Figliuolo stop alle prenotazioni per under 60: “Prima completare i fragili”

Il commissario all’emergenza Figliuolo ha chiesto alle Regioni di vaccinare subito le persone più fragili e le classi d’età più a rischio “in proporzione tale da garantire la loro messa in sicurezza”. In un nuovo comunicato arriva quindi l’indicazione di sospendere le prenotazioni per gli under 60.
A cura di Annalisa Cangemi
2.815 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Un nuovo comunicato del commissario all'Emergenza Figliuolo ha decretato lo stop delle vaccinazioni per gli under 60. "Dai dati in possesso della Struttura Commissariale è emerso che le categorie poste in priorità dall'ordinanza n. 6 del 9 aprile (persone fragili ed appartenenti alle classi di età più esposte e vulnerabili qualora infettate dal virus SARS-CoV-2) non risultano ancora coperte da vaccino in proporzione tale da garantire, ad oggi, la loro messa in sicurezza", ha scritto l'ufficio del commissario all'emergenza generale Figliuolo.

"La Struttura Commissariale ha raccomandato alle Regioni e alle Province autonome di attenersi puntualmente al dettato dell'ordinanza n. 6, fino ad assicurare la copertura delle categorie in essa indicate, senza estendere – fino a nuove disposizioni – le prenotazioni a soggetti di età inferiore a 60 anni".

L'ordinanza numero 6 è quella che indicava le priorità del piano vaccinale: in linea con il Piano nazionale del ministero della Salute, approvato con il decreto 12 marzo 2021, la vaccinazione deve procedere vaccinando subito gli over 80, i fragili ed eventuali familiari conviventi e caregiver, soggetti della fascia tra i 70 e i 79 anni, e a seguire a quelli di età compresa tra i 60 e i 69 anni, utilizzando prima in via preferenziale i vaccini di AstraZeneca.

Parallelamente a queste categorie è previsto il completamento della vaccinazione di tutto il personale sanitario e sociosanitario, "in prima linea nelle diagnosi, nel trattamento e nella cura del Covid-19 e di tutti coloro che operano in presenza presso strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private". Solo in un secondo momento toccherà alle altre categorie, considerate "prioritarie" dal Piano vaccinale, "parallelamente alle fasce anagrafiche secondo l'ordine indicato". Mentre chi ha già ricevuto la prima dose potrà completare il ciclo vaccinale con il medesimo farmaco.

2.815 CONDIVISIONI
26033 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni