148 CONDIVISIONI
Elezione del Presidente della Repubblica 2022
28 Gennaio 2022
15:32

Tra i votati all’elezione del Presidente della Repubblica c’è anche un alpino di 99 anni

Si chiama Enrico Chiapponi ed è uno degli ultimi reduci della campagna di Russia, in cui morirono 5.000 italiani. Lo stupore dell’ex soldato: “Mi ha sorpreso, ho riso”.
A cura di Giacomo Andreoli
148 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezione del Presidente della Repubblica 2022

Nel caos dell'elezione del Presidente della Repubblica, tra scelte improbabili come quelle di Amadeus, Alfonso Signorini, Dino Zoff e Claudio Baglioni è spuntato anche lui, Enrico Chiapponi, un ex soldato alpino di 99 anni. Il suo nome è stato letto una volta, ieri, dal presidente della Camera Roberto Fico, durante il quarto scrutinio per l'elezione del prossimo o della prossima inquilina del Colle.

Chiapponi si è detto decisamente stupito. «Mi sono messo a ridere – ha commentato ad Agi – forse qualche amico si è ricordato di me». Poi sui veri nomi papabili per l'elezione, spiega: «Spero in una scelta condivisa, di alto profilo e al di sopra delle parti. Vorrei che ci fosse un'intesa a breve tra le forze politiche. Forse siamo vicini».

Elezioni Quirinale, la storia del centenario Chiapponi

Si tratta di un vero e proprio testimone vivente di alcuni momento storici per l'Italia. Fu arruolato quando aveva 20 anni, nel 1922. Allora entrò nell'ottavo reggimento alpini, partecipando alla tragica campagna di Russia. L'operazione, decisa dal regime di Adolf Hitler e appoggiata dal fascismo, portò alla morte di più di 5.000 soldati italiani. Chiapponi, dopo essere stato inviato sul fronte del Don, sopravvisse a una delle battaglie più cruente della storia: quella di Nikolaevka (del 26 gennaio 1943). Dopodiché è tornato in Italia, percorrendo oltre 800 chilometri, di cui 400 a piedi.

Arrivato alla soglia dei 100 anni, che compirà a giugno, è ancora perfettamente lucido e sta per rinnovare la patente. Nel suo paese, Felegara di Medesano, in provincia di Parma, è il simbolo di una memoria che non passa. Porta ancora una ferita di guerra a un avambraccio e da 70 anni ripete lo stesso refrain: evitare ogni tipo di guerra e mantenere uno Stato libero e democratico. Insomma: dittature mai più.

Il suo, come detto, non è l'unico nome curioso tra quelli votati dai grandi elettori come possibile Presidente della Repubblica. Questo l'elenco completo: Dino Zoff, Claudio Baglioni, Enrico Ruggeri, Alberto Angela, Roberto Mancini, Claudio Lotito, Giorgio Agamben, Massimo Giletti, Claudio Sabelli Fioretti, Alfonso Signorini, Mauro Corona, Giuseppe Cruciani, Antonio Razzi, Christian De Sica, Giorgio Lauro, Claudio Sabelli Fioretti, Fulvio Abbate, Francesco Verderami, Giovanni Rana, Terence Hill, Antonio Pappalardo, Marino Bartoletti, Massimo Torre, Massimo Morini, Marco Tardelli, Alessandro Altobelli, Luigi Vicinanza.

148 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni