La nave Sea Watch 3 dell'ong tedesca Sea Watch ha portato a termine un altro salvataggio: 102 migranti sono stati recuperati questa mattina. Si tratta del secondo soccorso in due giorni, da quando l'imbarcazione dell'organizzazione umanitaria si trova in zona Sar libica. L'ong resterà ancora nel braccio di mare di fronte alla Libia, per cercare di salvare dalle onde quante più persone possibile. Poi attenderà l'indicazione di un porto sicuro per lo sbarco dei migranti.

Le condizione di salute delle persone soccorse oggi non sono buone: "Erano a bordo di un gommone con un tubolare sgonfio avvistato stamattina da Sea Watch 3. Molti presentano ustioni da carburante e stanno ricevendo assistenza medica", fa sapere l'organizzazione umanitaria, che ora ha a bordo 147 persone in tutto.

L'ong ha spiegato che se la Sea Watch 3 fosse arrivata pochi minuti dopo i migranti sarebbero stati catturati dai libici e riportati indietro: "Una motovedetta della cosiddetta guardia costiera libica è arrivata sul luogo del soccorso poco dopo di noi. Se SeaWatch3 fosse arrivata pochi minuti dopo avremmo assistito all'ennesimo respingimento".

Altri migranti erano stati già recuperati ieri. Sea Watch aveva comunicato il salvataggio dei 45 naufraghi ieri: si trattava di un gruppo che si trovava su un barcone al largo delle coste libiche, tra cui ci sono 5 donne (una incinta) e 16 minori.

E sempre questa mattina la nave aveva comunicato l'avvistamento di un gommone vuoto. Con ogni probabilità si trattava della carretta del mare che trasportava i 142 migranti che sono stati respinti in Libia, dalla cosiddetta ‘Guardia costiera' di Tripoli: "Ieri dopo il soccorso abbiamo assistito impotenti a un respingimento da parte dei libici. SeaWatch3 e Moonbird hanno avvistato un gommone vuoto, mentre 142 persone venivano respinte in Libia. Alla gioia del salvataggio è subentrata l’angoscia per la loro sorte", ha twittato l'ong tedesca.

Non ci sono conferme su questo, ma è probabile che si tratti dello stesso gruppo che aveva chiesto aiuto al call center per i migranti in difficoltà, Alarm Phone, che oggi denuncia l'accaduto: "Non siamo riusciti a ricontattare le ~150 che ci hanno chiamati ieri. Sappiamo che la cosiddetta gc libica ha catturato 142 persone (inizialmente dissero 151), ma non abbiamo dettagli per confermare si tratti dello stesso gruppo, e le autorità non forniscono info.