Covid 19
4 Febbraio 2022
18:45

Scuola, quanti sono gli studenti in quarantena Covid: i dati del ministero

Il ministero dell’Istruzione ha diffuso i dati del monitoraggio settimanale sulla didattica a distanza e la quarantena nelle classi.
A cura di Annalisa Cangemi
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Secondo gli ultimi dati del monitoraggio sulla didattica a distanza diffusi dal ministero dell'Istruzione, un una settimana, classi e studenti in presenza nelle scuole italiane sono calate rispettivamente dell'1,7% (che corrisponde all'aumento delle classi in Dad o quarantena) e dello 0,7%.

Su un campione pari al 78% delle istituzioni scolastiche statali (pari a 6.360 scuole su 8.157 scuole in totale) nella settimana dal 24 al 29 gennaio gli alunni in presenza sono stati 4.676.728 pari all'81,2%, le classi in presenza sono state l'82,8% di cui 14,6% in didattica digitale integrata (Ddi), le classi in dad e le sezioni in quarantena sono state 50.579 pari al 17,2%.

In particolare è nella scuola dell'infanzia che i bambini hanno potuto frequentare meno a causa del Covid: gli alunni in presenza sono stati 494.460, quelli positivi o in quarantena 151.891, pari al 23,5%. Nella scuola elementare invece, 1.390.981 sono stati i bambini in presenza, e i positivi o in dad sono stati 407.810 ovvero il 22,7% del totale. Numeri più incoraggianti nelle scuole secondarie, dove su 2.791.287 in presenza il numero degli allievi in Dad o Ddi è stato pari a 525.524, ovvero il 15,8%.

Per quanto riguarda i docenti, il 92,1% ha insegnato in presenza, come ha lavorato in presenza il 93,6% del personale Ata. Il ministero fa anche sapere che il 99,2% del personale docente e ATA è in regola con l'obbligo di vaccinazione e il personale destinatario di provvedimenti di sospensione dal servizio per inadempienza ammonta a meno dell'1% della platea complessiva. Tra le regioni con il maggior numero di alunni che ha frequentato in presenza ci sono quelle del sud: Calabria (92,5%), Sicilia (88,7%), Campania e Basilicata in testa.

Dal 7 febbraio scattano le nuove regole per la quarantena

Da lunedì 7 febbraio entreranno in vigore le nuove regole per la quarantena in classe: si tratta delle nuove norme su scuola, vaccinati e Green pass, contenute nel decreto del 2 febbraio varato dal Consiglio dei ministri.

Per la scuola d'infanzia, cioè la fascia da 0 a 6 anni, è prevista la sospensione delle attività in presenza per tutti dopo l'accertamento del quinto caso di positività al Covid. La didattica a distanza avrà una durata di cinque giorni. Alle elementari, fascia da 6 a 12 anni, la dad sarà prevista solo per i non vaccinati, a partire dal quinto caso di positività in poi. Al primo caso di positività, invece, scatta solo l'obbligo di autosorveglianza. Anche alle medie e alle superiori scatterà la didattica a distanza solo per gli studenti non vaccinati. Le nuove regole prevedono che dal secondo caso in poi i ragazzi che abbiano completato il ciclo vaccinale da meno di 4 mesi, i guariti da meno di 4 mesi e i ragazzi con terza dose restino in classe, mentre per i non vaccinati si sospenderà la didattica in presenza per cinque giorni.

31290 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni