10 Maggio 2022
13:54

Salvini contro gli USA: “Non usare vite ucraini per propri obiettivi strategici, no nuove armi a Kiev”

“La Russia ha aggredito e l’Ucraina è stata aggredita, ma ora entrambe le parti vogliono la pace. Se qualcuno dall’altra parte del mondo vuole conseguire su campi altrui i propri obiettivi strategici non è il caso”: lo ha detto Matteo Salvini a poche ore dall’incontro tra Biden e Draghi, tornando ad accusare Washington di aver “intrapreso un percorso bellico”.
A cura di Annalisa Girardi

Matteo Salvini torna a puntare il dito contro il presidente statunitense Joe Biden nel giorno dell'incontro bilaterale con Mario Draghi a Washington. "L'amministrazione americana ha intrapreso un percorso bellico, anche se negli stessi Stati Uniti il dibattito è aperto con tante parti che chiedono la pace", afferma il leader della Lega durante una conferenza stampa alla Camera. "La Russia ha aggredito e l'Ucraina è stata aggredita, ma ora entrambe le parti in guerra vogliono farla finita. Se qualcuno dall'altra parte del mondo vuole conseguire su campi altrui i propri obiettivi strategici non è il caso e non è il momento", aggiunge, sottolineando di sperare che nessuno dei 27 Stati membri dell'Unione europea faccia il tifo per la guerra.

Cosa ha detto Salvini su Biden e nuove armi all'Ucraina

L'ex ministro dell'Interno non risparmia le critiche nemmeno a Londra: "C'è anche qualche ex Paese europeo che per motivi interni usa la parola guerra. Nessuno usi per politica interna le vite altrui, i morti ucraini e russi, dice attaccando Boris Johnson. Per poi ribadire: Spero che emerga l'Italia che è sempre stata. L'Italia di Moro, Craxi, Prodi e Berlusconi. Questo mi aspetto". E ancora: "Si tratta di costringere Putin e Zelensky a sedersi a un tavolo e poi saranno loro due a decidere cosa fare e cosa chiedere, senza intromissioni esterne". Quindi arriva la stoccata anche alla Nato e alle dichiarazioni del segretario Jens Stoltenberg riguardo alla possibilità di un accordo senza la Crimea: "Chi ha sentito il discorso di Putin ha tratto le indicazioni che trovate sui giornali, da entrambe le parti mi sembra ci sia voglia di pace, Zelensky ha detto che la Crimea può essere considerata russa ma qualcuno da fuori ha detto no e mi  domando a che titolo qualcuno da fuori debba spiegare loro cosa chiedere e cosa fare".

Quindi il riferimento diretto al presidente del Consiglio, che incontrerà il presidente statunitense in serata: "Conto che sul tavolo del presidente Biden arrivino richieste di pace e percorsi che portino al cessate il fuoco, non richieste di armi e percorsi che avvicinino ad una terza guerra mondiale che non vorrei lasciare in eredità ai miei figli". Se l'Italia dovesse essere messa di fronte alla richiesta di un nuovo invio di armi, Salvini si dice contrario: "Se ci fosse una richiesta di più armi dovrei riunire la Lega: io personalmente sono contrario, non sono Re Sole, dovrei riunire la Lega e chiederlo alla Lega". Ma conclude: "Inviare nuove armi allontanerebbe la pace e non sarebbe opportuno".

La replica di Renzi: "Salvini contro le armi? Voleva armare pure i benzinai"

Non si è fatta attendere la replica a queste dichiarazioni da parte di Matteo Renzi. A L'Aria Che Tira, su La7, il leader di Italia Viva commenta: "Oggi Salvini è contro le armi, io me lo ricordo quando voleva armare pure i benzinai. A un certo punto c'era una roba di libera arma e libero Stato". E sulla visita di Draghi a Biden: "La partita non la risolvi né con l'incontro Draghi-Biden né con il tweet del politico di turno tipo quello di Salvini che dice mi aspetto la pace, serve lavorare per una soluzione diplomatica. La guerra non la può vincere nessuno, ma vediamo se l'Europa vince la pace. Io non sono critico con la Casa Bianca che sta facendo una battaglia per i valori, però dispiace che non siano stati mantenuti un anno fa, nessuno parla più dell'Afghanistan dove le bambine non vanno più a scuola. La posizione che gli Stati Uniti hanno avuto in Ucraina l'avrei voluta vedere in Afghanistan".

Ucraina, Salvini: "Draghi spieghi nuovo invio armi, ho impressione che obiettivi siano cambiati"
Ucraina, Salvini: "Draghi spieghi nuovo invio armi, ho impressione che obiettivi siano cambiati"
242.544 di Marco Billeci
Mozione parlamentare contro l'invio di armi in Ucraina, Salvini: "Prima parlerò con Draghi"
Mozione parlamentare contro l'invio di armi in Ucraina, Salvini: "Prima parlerò con Draghi"
L'elenco delle armi all'Ucraina resta segreto, M5s e Lega a governo: "No a quelle sempre più letali"
L'elenco delle armi all'Ucraina resta segreto, M5s e Lega a governo: "No a quelle sempre più letali"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni