67 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
La morte di Alexei Navalny

Salvini attaccato alla piazza pro Navalny: “Non so cosa accade da noi, possibile che io sappia come è morto?”

Salvini ha replicato alle contestazioni ricevute dalla Lega alla fiaccolata pro Navalny a Roma: “Difficilmente riesco a sapere quello che succede in tempo reale in Italia. Come posso giudicare cosa succede dall’altra parte del mondo?”.
A cura di Annalisa Cangemi
67 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

La Lega di Salvini è stata contestata alla fiaccolata organizzata ieri sera in piazza del Campidoglio a Roma, a cui hanno partecipato tutte le forze politiche (ma non i leader del centrodestra) e i rappresentanti del Carroccio sono stati invitati ad andarsene. Il capogruppo Romeo ha risposto così alle critiche e ai manifestanti che gridavano "Vergogna, vergogna": "Ipocrita è chi si dichiara liberal democratico e vorrebbe vietare alla Lega di essere qui".

Oggi è Matteo Salvini, ai microfoni di Rtl 102.5, a rispondere, sottolineando che sulla morte di Aleksej Navalny "è giusto fare chiarezza. C'è un morto e bisogna farla assolutamente. Ma la chiarezza la fanno i medici e i giudici. Non la facciamo né io né altri. Sicuramente" il decesso del dissidente russo non è stato causato "dalle emissioni di Co2 in centro a Milano".

"Difficilmente riesco a sapere quello che succede in tempo reale in Italia. Se la moglie dice che è stato avvelenato ci saranno elementi, immagino uscirà qualcosa. Come posso giudicare cosa succede dall'altra parte del mondo? Capisco la posizione della moglie di Navalny, bisogna fare chiarezza. Ma la fanno i medici, i giudici, non la facciamo no", ha detto ancora.

Da parte di Salvini e della Lega non sono mai arrivate parole chiare di condanna del Cremlino e di Putin. Anzi, il suo numero due, Andrea Crippa, ha detto che è presto per individuare e additare eventuali colpevoli.

Salvini ha poi minimizzato le contestazioni di ieri sera alla manifestazione a Roma: "Contestazioni da parte della sinistra ci sono tutti i giorni, sulla Tav, sul Ponte sullo stretto, sulla riforma del fisco e della giustizia.  Ieri eravamo in piazza per chiedere chiarezza e la fine di tutti i conflitti aperti", in Ucraina, in Medio oriente e nel mar Rosso. "Ci siamo andati, e tutte le fesserie sentite in questi anni sui legami con la Russia e i finanziamenti inesistenti della Russia sono state archiviate dai giudici, non è successo nulla. Noi siamo andati a manifestare silenziosamente e pacificamente e qualcun altro meno pacificamente ha sputato e ha urlato". 

Oggi Massimiliano Romeo è tornato sulla polemica: "Io penso che su Putin abbia sbagliato tutto l'Occidente. Adesso che si voglia dire che è colpa di Salvini e della Lega mi sembra davvero che è qualcosa che non sta minimamente in piedi. Hanno sbagliato tutti i governi occidentali. Le distanze la Lega le ha prese subito. Il giorno stesso che Putin ha invaso l'Ucraina", ha detto intervenendo ad Agorà Rai Tre.

67 CONDIVISIONI
48 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views