168 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
La morte di Alexei Navalny

“Il corpo di Alexei Navalny è stato restituito alla madre”: l’annuncio della portavoce

Il corpo di Alexei Navalny è stata restituito alla madre. Lo scrive la portavoce Kira Yarmysh: “I funerali sono ancora in sospeso. Non sappiamo se le autorità interferiranno per portare a termine la cosa come vuole la famiglia e come merita Alexey”.
A cura di Susanna Picone
168 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Il corpo di Alexei Navalny è stato finalmente consegnato alla mamma Lyudmila Yarmysh. A comunicarlo nel pomeriggio di sabato 24 febbraio è stata Kira Yarmysh, portavoce dell'organizzazione dell'attivista d'opposizione russo morto in un carcere siberiano la scorsa settimana.

Ha scritto su X che il corpo di Navalny e la madre si trovano ancora a Salekhard, la città dove la salma è stata finora conservata nell'obitorio di un ospedale. Non è ancora chiaro se i funerali del dissidente morto in carcere potranno essere pubblici o dovranno rimanere segreti.

"Non sappiamo ancora se le autorità interferiranno nella possibilità che vengano celebrati nel modo in cui vuole la famiglia e che Alexei merita, vi terremo informati quando ci saranno notizie", è quanto per il momento ha fatto sapere la portavoce. Il team del dissidente aveva detto in precedenza che il Cremlino voleva evitare il funerale pubblico.

Nelle scorse ore a scagliarsi contro Putin era stata la vedova di Navalny, Yulia Navalnaya, che in un video aveva attaccato il presidente russo. "Oggi sono 9 giorni che è mio marito è morto. Nove giorni da quando Putin ha ucciso Alexei Navalny. Ma l'omicidio per Putin non era sufficiente. Ora il corpo di mio marito è tenuto in ostaggio", aveva detto aggiungendo che viene umiliata la madre di Alexei "per costringerla ad accettare un funerale segreto".

Su Navalny è intervenuta oggi anche la presidente del Parlamento Ue, Roberta Metsola: "Abbiamo perso un portabandiera della democrazia. Continueremo a condannare l'aggressione della Russia e a sanzionare" Mosca. "Lo faremo per tutto il tempo necessario. Questa invasione rappresenta una minaccia per i nostri valori e la nostra libertà. L'Europa è sinonimo di umanità, vogliamo una pace vera. Con dignità e giustizia", ha detto Metsola.

168 CONDIVISIONI
48 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views