230 CONDIVISIONI
Elezione del Presidente della Repubblica 2022
20 Gennaio 2022
13:14

Quirinale, Salvini: “Centrodestra compatto e ruolo Berlusconi fondamentale”. Meloni: “Serve vertice”

“Il centrodestra ragionerà e voterà compatto dall’inizio alla fine. Sarà determinato e determinante. E il ruolo di Berlusconi è e sarà fondamentale”: lo ha detto Matteo Salvini parlando con i giornalisti in merito all’elezione del presidente della Repubblica. “Il vertice di centrodestra deve essere ancora convocato. Deve svolgersi prima della fine della settimana. Spero sia calendarizzato nelle prossime ore, altrimenti lo chiederò ufficialmente”, ha commentato invece Giorgia Meloni.
A cura di Annalisa Girardi
230 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezione del Presidente della Repubblica 2022

"Sto proseguendo gli incontri, la certezza che ho è che il centrodestra ragionerà e voterà compatto dall'inizio alla fine. Sarà determinato e determinante. E il ruolo di Berlusconi è e sarà fondamentale. Sto facendo incontri di ogni livello con tutte le parti in causa. Ci sono ottimi riscontri e sono estremamente fiducioso": lo ha detto Matteo Salvini durante un punto stampa con i giornalisti a Roma, parlando della partita del Quirinale che inizierà tra pochissimi giorni. Nei giorni scorsi si era ipotizzato per questo pomeriggio un vertice del centrodestra, ma al momento non è ancora stato convocato: continua ad esserci molta attesa sulle intenzione di Silvio Berlusconi, che ufficialmente deve ancora sciogliere le riserva sulla sua candidatura. Salvini nei giorni scorsi aveva messo in chiaro che il leader di Forza Italia avrebbe dovuto farsi "i suoi incontri e i suoi conti" entro lunedì, giorno del primo scrutinio, in modo da dare alla coalizione di centrodestra il tempo di mettere sul tavolo un altro nome prima dell'inizio delle votazione nel caso in cui Berlusconi decidesse di non correre personalmente.

Saltato il vertice di centrodestra

Anche Giorgia Meloni è intervenuta sul tema oggi, parlando con i giornalisti a margine del flash mob organizzato da Fratelli d'Italia in piazza Montecitorio contro le misure anti Covid del governo: "Il vertice di centrodestra deve essere ancora convocato. Per come la vedo io, ovviamente, è inevitabile che si svolga prima della fine della settimana. Spero sia calendarizzato nelle prossime ore, altrimenti lo chiederò ufficialmente", ha detto Meloni aggiungendo che nel centrodestra "c'è sempre unità".

La posizione del centrosinistra

Ieri invece c'è stato l'incontro tra i leader di Movimento Cinque Stelle, Partito democratico e Liberi e Uguali: Giuseppe Conte, Enrico Letta e Roberto Speranza si sono visti a Roma, nella casa del presidente M5s. Non è emerso alcun nome dal vertice dei giallorossi, che hanno affermato di essere in attesa della prossima mossa del centrodestra. Per il momento M5s, Pd e LeU continuano a ripetere di non avere intenzione di sedersi al tavolo delle trattative finché non verrà ritirata la candidatura di Berlusconi.

"Il fatto che la candidatura di Berlusconi sia aperta rende tutto più complicato: se per ora non è successo nulla non è colpa nostra, non c'è una interlocuzione col centrodestra perché  finora era indisponibile, con l'assalto al Colle e la candidatura del fondatore del centrodestra", ha commentato oggi Letta a Radio Immagina, continuando a sottolineare che serva un accordo condiviso. "Non sto a sottilizzare su primo, secondo o quarto turno, quello che è chiaro è che il presidente della Repubblica dovrà uscire da un accordo tra centrodestra e centrosinistra. Oggi il governo Draghi è sostenuto da una maggioranza larga e sarebbe strano se il presidente della Repubblica dovesse essere eletto con una maggioranza risicata".

230 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni