L’appello di Giuseppe Conte ai suoi vice, Matteo Salvini e Luigi Di Maio, riceve immediatamente una risposta di entrambi. Prima è intervenuto, con un post su Facebook, il leader della Lega. Ora tocca al capo politico del Movimento 5 Stelle, sempre su Facebook, rassicurare sulla volontà del suo partito di sostenere l’esecutivo. “Noi siamo leali, vogliamo metterci subito al lavoro. Da domani stesso serve un vertice di governo”. Di Maio chiede che cessino gli attacchi ai ministri del M5s e che non vengano proposti temi non concordati con il contratto di governo. Secondo il capo politico M5s, comunque, questa “è l’unica maggioranza possibile”. Per questo la sua risposta sembra essere positiva: “Andiamo avanti con lealtà e coerenza”.

Di Maio inizia il suo post ricordando che “il MoVimento 5 Stelle è la prima forza politica di maggioranza e ha sempre sostenuto questo Governo. Lo abbiamo sempre fatto lealmente e crediamo che ci sia ancora tanto da fare e soprattutto un contratto da rispettare”. Il messaggio sottolineato dal vicepresidente del Consiglio riguarda il passato ma anche il futuro: “Noi siamo leali, vogliamo metterci subito al lavoro e crediamo che i fatti siano la migliore risposta in questo momento”.

Per questo motivo il ministro del Lavoro prosegue:

Da domani stesso serve subito un vertice di governo in cui vogliamo discutere insieme:

– la revisione dei vincoli europei per abbassare finalmente le tasse agli italiani anche con la Flat Tax;

– il salario minimo orario per i lavoratori italiani;

– il provvedimento sugli aiuti alle famiglie che fanno figli.

Il vicepresidente del Consiglio sottolinea anche un altro elemento, non strettamente politico: “Ci sono due cose importanti dal punto di vista umano: chiedo finiscano gli attacchi ai ministri del MoVimento 5 Stelle, rispettando il lavoro di ognuno e, siccome nel contratto c’è ancora tantissimo da fare, non è certamente il momento per proporre temi divisivi mai condivisi fuori dal contratto”. In ogni caso, per Di Maio la strada da seguire sembra chiara: “Questa è l’unica maggioranza possibile e che può servire meglio il Paese. Andiamo avanti con lealtà e coerenza. Dobbiamo cambiare ancora tante cose”.