3.172 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 15 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 7 minuti fa
Opinioni
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
29 Luglio 2022
08:57

Il centrosinistra vuole perdere le elezioni, non c’è un’altra spiegazione possibile

Di fronte alla minaccia del governo più a destra che l’Italia abbia mai avuto, il centro sinistra si presenta al voto più diviso che mai. Una scelta talmente masochista da far venire il dubbio che lo stiano facendo apposta.
3.172 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Ricapitoliamo, dunque. Il Pd non vuole più allearsi coi Cinque Stelle, dopo aver lavorato all’alleanza per tre anni, perché Giuseppe Conte ha cospirato alla caduta del governo guidato da Mario Draghi. Azione non vuole allearsi col Pd, a meno che non sottostia al patto repubblicano vergato da Carlo Calenda, a meno che non tagli i ponti con l’alleanza tra Sinistra Italia ed Europa Verde, e nemmeno con Italia Viva, che a sua volta bisticcia pure col Pd.

Questo è il quadro a meno di due mesi dalle elezioni, con la destra unita che veleggia sicura attorno al 45% dei consensi e con una legge elettorale che premia le coalizioni che si presentano unite, perlomeno nel sostenere i candidati dei collegi uninominali, che valgono circa un terzo dei seggi di Camera e Senato. E quasi quasi verrebbe da pensare che lo stanno facendo apposta, che non è possibile che di fronte allo scenario di una potenziale slavina a favore della coalizione più a destra che l’Italia abbia mai conosciuto, dopo cinque anni a parlare di pericolo sovranista, di derive putiniane, di amici di Orban, con sei anni di fondi del Pnrr da spendere e una transizione energetica tutta da costruire il centrosinistra italiano consegni il Paese a Salvini e Meloni e si arrenda senza combattere perché impegnato in liti da pollaio tra i suoi galletti.

Eppure no, a quanto pare non lo stanno facendo apposta. A quanto pare Carlo Calenda è convinto che il suo 6% in solitaria, non si sa bene come, possa arginare Giorgia Meloni nel nome della sacra agenda di Mario Draghi, che probabilmente non degnerà nemmeno di un blandissimo sostegno il suo volonteroso, autonominato epigone. A quanto pare Enrico Letta è davvero convinto che il Partito Democratico “con gli occhi della tigre” (cit) polarizzerà tutto il consenso di chi si oppone a Giorgia Meloni, svuotando i Cinque Stelle. E a quanto pare Giuseppe Conte è davvero convinto che quella dello splendido isolamento sia una scelta sensata, e non un suicidio politico.

La diciamo meglio: a quanto pare sono tutti convinti di poter vincere da soli, di non aver bisogno del contributo di tutti. Oppure, seconda ipotesi, sotto sotto sono convinti che sia meglio perdere anziché provare a vincere, col rischio di dover poi governare assieme. Che il peggio del peggio sia nel proprio campo, non in quello avverso: la sinistra per Calenda, i Cinque Stelle per Renzi, Renzi e Calenda per i Cinque Stelle. Un messaggio implicito, questo, grazie al quale la destra può stravincere senza nemmeno far campagna elettorale. Lasciando che il centro della scena se lo prenda il pollaio avverso.

Contenti loro. A tutti loro, però, proviamo a fare una domanda. Cosa penserebbero Calenda, Letta, Renzi, Conte se domani la destra annunciasse una clamorosa rottura, se Salvini, Meloni e Berlusconi decidessero di correre ognuno per sé nei collegi uninominali? Se di fronte alla prospettiva di prendersi il governo del Paese decidessero che invece è il momento di regolare i conti, dopo cinque anni passati su fronti avversi? Penserebbero che sono dei geni, o dei pazzi masochisti?

Ecco: provate a rispondere. E poi guardatevi allo specchio.

3.172 CONDIVISIONI
Francesco Cancellato è direttore responsabile del giornale online Fanpage.it. Dal dicembre 2014 al settembre 2019 è stato direttore del quotidiano online Linkiesta.it. È autore di “Fattore G. Perché i tedeschi hanno ragione” (UBE, 2016), “Né sfruttati né bamboccioni. Risolvere la questione generazionale per salvare l’Italia” (Egea, 2018) e “Il Muro. 15 storie dalla fine della guerra fredda” (Egea, 2019)
Luigi Di Maio non è stato rieletto, non farà parte del prossimo Parlamento
Luigi Di Maio non è stato rieletto, non farà parte del prossimo Parlamento
De Luca:
De Luca: "Meloni dopo la vittoria elettorale ha mostrato grande intelligenza"
Perché la battaglia sul reddito di cittadinanza rischia di far saltare governo e opposizione
Perché la battaglia sul reddito di cittadinanza rischia di far saltare governo e opposizione
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni