6.929 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 2 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 8 minuti fa
Opinioni
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
28 Luglio 2022
08:26

Giorgia Meloni sta ottenendo tutto quel che vuole senza fare nulla

Hanno messo in crisi il governo, hanno portato il Paese a elezioni anticipate, non hanno cambiato la legge elettorale e le hanno consegnato le chiavi di Palazzo Chigi. Mentre c’è chi grida al pericolo fascista, la politica sta già consegnando le armi a Fratelli d’Italia.
6.929 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Se il buongiorno si vede dal mattino, per Giorgia Meloni questa campagna elettorale sarà una marcia trionfale. Accreditata già oggi come leader della prima forza politica, in crescita, ieri ha incassato dagli alleati Salvini e Berlusconi la promessa che sarà lei a indicare il prossimo – meglio: la prossima – presidente del Consiglio se il suo partito prenderà più voti degli altri. Pronostico facile, questo, visto lo stato in cui si trovano la Lega e Forza italia dilaniate al loro interno dai mal di pancia di chi non ha digerito la caduta del governo Draghi.

Buon per Giorgia, pure questo, visto che si è goduta la caduta dell’esecutivo dall’opposizione, senza muovere un dito, lasciando agli alleati, ai Cinque Stelle di Conte e all’orgoglio ferito del Presidente del Consiglio il compito di buttar giù l’esecutivo sostenuto dalla più ampia maggioranza parlamentare che si sia mai vista. Di fatto, risparmiandosi le accuse di aver cospirato contro un esecutivo amico dell’Europa e dell’Occidente e nemico di Putin, esecutivo che ha addirittura sostenuto quando ha votato a favore degli aiuti militari all’Ucraina.

Strike perfetto, se si considera poi che la caduta di Draghi ha provocato pure la fine del campo largo di centrosinistra cui Enrico Letta aveva lavorato da quando si era seduto sulla poltrona di segretario del Partito Democratico, balcanizzando il fronte avverso alla coalizione di destra, che a oggi è diviso in tre fazioni una contro l’altra armate, più Renzi che non se lo vuole pigliare nessuno.

Un capolavoro, questo, che spiana la strada alla destra trazione Meloni in quei collegi uninominali che eleggeranno più di un terzo del Parlamento e dove Giorgia & co avranno vita facilissima contro il centrosinistra diviso. Capolavoro, giova ricordarlo, per il quale dobbiamo ringraziare il Partito Democratico allora guidato da Matteo Renzi, che promosse l’attuale legge elettorale che prende il nome dall’attuale capogruppo alla camera di Italia Viva Ettore Rosato, e l’attuale (ex) maggioranza di governo tutta, che quella legge non è riuscita a cambiarla.

Tutto questo, lo diciamo di nuovo, è successo a prescindere da Giorgia Meloni, negli ultimi scampoli di un ciclo politico in cui ha scelto di stare all’opposizione senza toccar palla, dall’inizio alla fine. Tutto quel che succederà, lo diciamo ancora meglio, succederà perché tutti i partiti stanno regalando l’Italia a Giorgia Meloni, mentre dicono di combatterla.

Se il buongiorno si vede dal mattino, insomma, è notte fonda.

6.929 CONDIVISIONI
Francesco Cancellato è direttore responsabile del giornale online Fanpage.it. Dal dicembre 2014 al settembre 2019 è stato direttore del quotidiano online Linkiesta.it. È autore di “Fattore G. Perché i tedeschi hanno ragione” (UBE, 2016), “Né sfruttati né bamboccioni. Risolvere la questione generazionale per salvare l’Italia” (Egea, 2018) e “Il Muro. 15 storie dalla fine della guerra fredda” (Egea, 2019)
Cosa sarebbe successo se Letta, Conte e Calenda fossero andati assieme alle elezioni: i dati
Cosa sarebbe successo se Letta, Conte e Calenda fossero andati assieme alle elezioni: i dati
De Luca:
De Luca: "Meloni dopo la vittoria elettorale ha mostrato grande intelligenza"
Sandro Ruotolo:
Sandro Ruotolo: "È un governo di destra-destra. Le opposizioni non possono non parlarsi, il rischio è il declino"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni