Ex consigliere comunale e ora candidato consigliere regionale in Calabria con la Lega: Alfio Baffa è finito al centro della polemica per un video inviato in un gruppo su Whatsapp e poi diffuso sul web. Nel video, che gira ormai su tantissimi cellulari, si vede Baffa fumare il sigaro e bere un bicchiere di rum, inviando un saluto ai suoi amici. Ma lo fa, inoltre, in un gruppo dal nome quantomeno inopportuno: ‘Revenge porn’. Il revenge porn è quel fenomeno di pornografia che avviene quando una persona invia immagini o video di un’ex, per esempio, per vendetta nei suoi confronti.

Alfio Baffa è stata consigliere comunale di Corigliano dal 2013 al 2018 con Forza Italia. Ora il passaggio alla Lega e la sua candidatura per le elezioni regionali del 26 gennaio. E il video nella vasca idromassaggio di un hotel di Roma. Il video è stato registrato dopo il comizio di Matteo Salvini nella capitale. Baffa fuma un sigaro e sorseggia rum da un bicchiere di plastica. “Cari amici del gruppo revenge porn, volevo fare un saluto da Roma dopo la manifestazione di Salvini”, dice nel video. E poi propone anche un brindisi ai suoi amici.

Dopo che il video è diventato virale Baffa si è giustificato con un lungo post su Facebook:

In merito al video che mi sta rendendo famoso mi chiedo: un bagno in vasca fa notizia perché i candidati delle altre liste non sono molto “puliti”? O forse è una questione di buon gusto? Perché in quel caso ci tengo a scusarmi: non si può bere del rhum in un bicchiere di plastica! Che un video mandato goliardicamente a qualche amico potesse finire sulle testate nazionali non me lo sarei mai aspettato, ma grazie a questo video avrò qualche vecchio amico in meno ma tanti nuovi amici in più che stanno esprimendo solidarietà per questo sciacallaggio. La politica calabrese è cattiva, me lo avevano detto, ma pensavo mi giudicassero per i temi o per le categorie che intendo rappresentare, non certo per aver detto qualche parola inopportuna in una chat goliardica! Chiedo scusa se qualcuno si fosse sentito offeso o non abbia gradito la mia vista in una vasca, per farmi perdonare durante la mia campagna elettorale distribuirò gratuitamente sigari a chi ne vorrà. Credo che nella vita si può sbagliare qualche parola o qualche scelta, ma dagli errori si guarisce. Di cattiveria, invece, si muore. Vi aspetto per fumarci un sigaro insieme, e crepi l’avarizia.