33.888 CONDIVISIONI
Coronavirus
25 Luglio 2021
14:25

Green pass, l’obbligo non verrà esteso alla messa e alle funzioni religiose

Il green pass è stato esteso ad altri ambiti della vita sociale, a partire dal prossimo 6 agosto. Per il momento il governo non pensa comunque di rendere il documento che attesta l’avvenuta vaccinazione, la guarigione dal Covid, o un tampone negativo effettuato nelle ultime 48 ore, anche alla messa e alle cerimonie religiose.
A cura di Annalisa Cangemi
33.888 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Il green pass obbligatorio non sarà esteso alle cerimonie religiose. Lo ha spiegato il sottosegretario alla Salute Sileri, che in un suo intervento a Radio Capital, ieri ha detto che su un eventuale estensione dell'obbligo di esibire la certificazione verde per coloro che vanno a messa il governo non ha fino ad ora previsto nulla.

Il momento della messa insomma non rientrerà tra le situazioni sociali, a rischio a assembramento, per cui governo ha già introdotto il green pass obbligatorio, dal prossimo 6 agosto, come appunto per i bar e ristoranti al chiuso, spettacoli all'aperto,  eventi sportivi, piscine, musei, palestre, sagre, convegni, parchi tematici, centri sociali, sale gioco, casinò, bingo e procedure concorsuali. Il pass insomma non sarà più richiesto unicamente per matrimoni, visite alle Rsa o viaggi in Europa, ma anche per questi luoghi pubblici.

Per accedere a questi posti servirà un pass he attesti l'inoculazione almeno della prima dose vaccinale Sars-CoV-2 (in questo caso la validità del documento sarà di 9 mesi); oppure la guarigione dall'infezione da Sars-CoV-2 (in questo caso il documento ha validità di 6 mesi); o un pass che dimostri effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo (il green pass in questo caso sarà valido 48 ore).

È possibile che l'obbligo di green pass venga allargato anche ad altri ambiti e settori della vita quotidiana: si discute infatti di estendere l'obbligo ai docenti (in questo caso si parla di imporre l'obbligo vaccinale, già previsto per i sanitari) oppure di introdurre il green pass obbligatorio per chi lavora a contatto con il pubblico nella Pubblica amministrazione, come suggerito oggi dal ministro Brunetta.

Durante il lockdown nella primavera 2020 anche per la partecipazione alle cerimonie religiose erano state introdotte restrizioni, fino al 18 maggio dello stesso anno. Poi un protocollo siglato dal governo Conte e dalla Conferenza episcopale italiana, con successive aggiunte concordate con il ministero dell’Interno e con il Comitato tecnico scientifico, ha stabilito regole di sicurezza anti Covid tutt'ora in vigore, come mascherine obbligatorie, distanziamento tra i banchi, comunione solo nella mano, niente scambio della pace con la stretta di mano, acquasantiere vuote, proprio per evitare l'esplosione di focolai nelle chiese.

33.888 CONDIVISIONI
27047 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni