3 Gennaio 2022
13:54

Elezioni regionali, Dino Giarrusso in corsa per la presidenza della Sicilia

L’eurodeputato M5s Dino Giarrusso si candida per la presidenza della Regione Sicilia: “Mi metto a disposizione nella speranza che ci possano essere delle primarie di coalizione”. Le elezioni si terranno nell’autunno 2022.
A cura di Annalisa Cangemi

L'europarlamentare Dino Giarrusso si candida alla guida della Regione Sicilia, per il post Musumeci. È stato lo stesso esponente pentastellato ad annunciare la sua candidatura durante la trasmissione di La7 ‘L'aria che tira'. Le elezioni regionali in Sicilia sono previste per il prossimo autunno.

"Sono state migliaia le richieste in tal senso che mi sono giunte, non solo da parte di attivisti del Movimento ma anche da parte di esponenti della società civile di area di centrosinistra e di centro, orfani di una rappresentanza forte. E anche da esponenti politici siciliani di una certa importanza", ha spiegato Giarrusso, interpellato dall'Adnkronos.

"Mi metto a disposizione – ha sottolineato l'ex ‘Iena' – nella speranza che ci possano essere delle primarie di coalizione e prima, qualora ci fossero altri candidati del M5S, delle elezioni interne, come da tradizione visto che siamo il Movimento della democrazia diretta. Io mi auguro che ci siano delle primarie perché se si fanno le primarie, se si fa una coalizione ampia, si ha la possibilità per una volta di governare bene e degnamente la Regione Sicilia. L'esperienza Musumeci è disastrosa, il centrodestra è spaccato e noi auspichiamo un cambio di passo. Si può vincere se ci sono una squadra e un candidato credibili e scelti dai cittadini. Sarebbe un drammatico errore la candidatura venisse scelta in un tavolino romano".

Secondo Giarrusso per gli esponenti grillini ricoprire già una carica elettiva non impedisce di correre per un'altra carica: "Nella nuova carta dei valori non mi pare ci siano richiami a questo. E comunque sarebbe singolare che questa trasgressione venisse concessa a qualcuno e a qualcun altro no. Non è quello il problema". Giarrusso è intenzionato a discutere con il leader Giuseppe Conte della sua candidatura: "Parlerò con Conte, ci mancherebbe altro".

Il M5s intanto ha fatto sapere che l'annuncio non era stato concordato con i vertici: "In merito alle dichiarazioni dell'europarlamentare Dino Giarrusso che si è dichiarato disponibile a candidarsi alla presidenza della Regione Siciliana si chiarisce che si tratta di un'iniziativa assolutamente personale non concordata con i vertici del Movimento. Non sono ancora decise le modalità delle candidature e qualsiasi anticipazione in questo senso risulta fuori luogo".

"La candidatura di Dino Giarrusso alle primarie del centro sinistra è un'ottima notizia che spazza via l'alibi di chi, nascondendosi dietro le resistenze dei nostri alleati, continua a fare ‘melina' sull'organizzazione delle primarie per la scelta del candidato Sindaco di Palermo", ha commentato Antonio Rubino, coordinatore regionale di Left Wing (area che fa riferimento a Matteo Orfini).

"In questi giorni – ha aggiunto – si sono susseguite tante disponibilità alla costruzione di un percorso partecipativo al quale tutti abbiamo il dovere di contribuire e riteniamo un grave errore far finta di non accorgersene. Il gruppo dirigente del PD eviti di continuare ad arroccarsi dentro ad un ‘fortino' incomprensibile alimentando una contrapposizione, per noi assurda, fra chi crede alle primarie e chi crede alla politica: le due cose non sono in contrapposizione ma devono e possono camminare insieme".

Giarrusso: "Embargo al gas sarebbe duro colpo a cittadini, non è giusto che paghino loro per guerra"
Giarrusso: "Embargo al gas sarebbe duro colpo a cittadini, non è giusto che paghino loro per guerra"
Giarrusso a Fanpage.it: "Giusto potersi difendere da guerra, ma non si risolverà solo mandando armi"
Giarrusso a Fanpage.it: "Giusto potersi difendere da guerra, ma non si risolverà solo mandando armi"
1.640.377 di Fanpage.it
Cosa sta succedendo nel centrodestra in Sicilia e perché le ripercussioni saranno nazionali
Cosa sta succedendo nel centrodestra in Sicilia e perché le ripercussioni saranno nazionali
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni