6.206 CONDIVISIONI
Covid 19
6 Dicembre 2020
16:14

Covid, Arcuri assicura: “Vaccineremo anche i migranti, hanno stessi diritti degli italiani”

Il commissario straordinario per l’emergenza Coronavirus, Domenico Arcuri, assicura che il vaccino anti-Covid verrà somministrato anche ai migranti: “Hanno diritti uguali a quelli dei cittadini italiani. Sarebbe molto importante che tutte le persone che attraversano le nostre strade, e che non lo facciano clandestinamente, possano essere sottoposte alla vaccinazione”.
A cura di Stefano Rizzuti
6.206 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Il vaccino anti-Covid verrà somministrato anche ai migranti presenti in Italia regolarmente. Ad affermarlo è il commissario straordinario per l’emergenza Coronavirus, Domenico Arcuri. Intervenendo durante la trasmissione Mezz’ora in più afferma: “I migranti hanno diritti uguali a quelli dei cittadini italiani. Sarebbe molto importante che tutte le persone che attraversano le nostre strade, e che non lo facciano clandestinamente, possano essere sottoposte alla vaccinazione”. “Tutte le persone che vivono in Italia dovranno avere la possibilità di essere vaccinati, nei limiti della gerarchia delle priorità e delle regole”, aggiunge.

Arcuri: vaccino prima a chi non ha avuto Covid

Il vaccino, ricorda il commissario che si occuperà anche della distribuzione delle dosi, sarà “gratuito e non obbligatorio. Tutti comprendiamo che quanto più alto sarà il numero delle persone che vivono in Italia che si vaccineranno tanto più rapido sarà il raggiungimento della cosiddetta immunità di gregge”. Per Arcuri sarà “più urgente vaccinare chi non ha avuto il Covid perché non ne è immune. Per chi lo ha avuto, il periodo di immunità si concluderà e quindi sarà ragionevole che siano vaccinati anche loro. Ma non saranno i primi e neppure i secondi”.

Per Arcuri si vede luce in fondo al tunnel

Arcuri parla anche delle prossime festività: “Sarà un Natale di responsabilità, sacrificio e di speranza perché un po' di luce alla fine del tunnel si comincia a vedere”. Tornando ai vaccini, per il commissario straordinario “c’è una sola ragione per la quale questo piano possa andare male: che gli enti preposti non autorizzino una quantità di imprese sufficiente a mettere tutta la popolazione del mondo che lo vorrà nelle condizioni di essere vaccinata”. Secondo Arcuri l’Italia potrebbe ricevere oltre 200 milioni di dosi di vaccino nei prossimi 15 mesi.

6.206 CONDIVISIONI
31024 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni