423 CONDIVISIONI

Aveva lasciato il Pd con Renzi segretario: ora la cugina dell’ex premier riprende la tessera

Elisa Simoni, ex deputata, è nota anche per essere la cugina di Matteo Renzi: nel 2017 aveva deciso di lasciare il Pd proprio in protesta contro l’allora segretario. Oggi, dopo le primarie del 3 marzo e la vittoria di Nicola Zingaretti, ha deciso di riprendere la tessera dem e tornare all’interno del suo partito.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Stefano Rizzuti
423 CONDIVISIONI
Immagine

Elisa Simoni riprende la tessera del Pd. Dopo aver lasciato il partito nel 2017, in polemica con la linea politica seguita dal suo segretario di allora, Matteo Renzi. In questi giorni, dopo le primarie che hanno visto il trionfo di Nicola Zingaretti, sono stati in molti a riavvicinarsi al Pd. E la Simoni non è di certo la prima. C’è però un altro aspetto che rende curiosa la vicenda: Elisa Simoni, ex deputata nella scorsa legislatura, è infatti la cugina di Matteo Renzi, ex segretario dem ed ex presidente del Consiglio. Simoni aveva lasciato il partito nel 2017, spiegando che era ormai diventato “più simile a Forza Italia del ’94 che al Pd del Lingotto”. Non risparmiando critiche all’allora segretario Renzi.

Oggi Simoni riprende la tessera del Pd, dopo un breve passaggio – finito dopo le elezioni – con Mdp. Alle politiche del 2018 l’ex deputata non è stata rieletta. Negli scorsi giorni, alle primarie del Pd, ha partecipato votando per Nicola Zingaretti. E dopo aver visto la partecipazione e le file ai gazebo ha deciso di “tornare a casa”, come riporta l’Agi: “Ho parlato con i miei genitori, militanti storici, e ieri ho ripreso la tessera. Alle file ai gazebo delle primarie ho visto tanti dei nostri che se ne erano andati due anni fa e che ora vogliono tornare nel Pd. ‘Simoni che si fa, si torna?' mi hanno chiesto”.

L’adesione a Mdp si è interrotta con la restituzione della tessera, dopo la mancata rielezione in un collegio del Sud, lontano dalla sua Toscana, da dove proviene. Simoni, nel frattempo, ha lasciato la politica attiva, tornando alla sua vita professionale: “Due anni fa tanti dei nostri erano usciti e io li avevo seguiti con la presunzione di riprenderli. Ma molti avevano preferito andare direttamente con i 5 Stelle. Ora li ho rivisti in fila alle primarie e ho deciso di tornare anch'io con loro”. Qualche segnale negli scorsi giorni l'ex deputata lo aveva già lanciato su Twitter. Il giorno delle primarie aveva annunciato il suo voto e aveva scritto: “Leggo meraviglia e sdegno perché gente di sinistra dopo anni torna a votare alle primarie del Pd! Senti Segretario vincente tienitela stretta la gente di sinistra perché quando ama come quando odia lo fa per amore”. Il giorno dopo, un nuovo messaggio positivo, parlando di “buona salute della sinistra a sostenermi”. Infine, oggi la conferma anche attraverso i suoi canali social.

423 CONDIVISIONI
Telefonata tra Schlein e Meloni: cosa si sono dette su Gaza e sulla guerra tra Israele e Hamas
Telefonata tra Schlein e Meloni: cosa si sono dette su Gaza e sulla guerra tra Israele e Hamas
Cosa sta succedendo tra Lega e Fdi: lite su terzo mandato per i governatori e sulla guerra a Gaza
Cosa sta succedendo tra Lega e Fdi: lite su terzo mandato per i governatori e sulla guerra a Gaza
Perché le opposizioni hanno lasciato il Giurì d'onore sul caso Meloni-Conte e cosa può succedere ora
Perché le opposizioni hanno lasciato il Giurì d'onore sul caso Meloni-Conte e cosa può succedere ora
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni