Il popolo delle primarie ha scelto il nuovo segretario del Pd: sarà Nicola Zingaretti, attuale presidente della Regione Lazio e favorito nella corsa alla guida del partito secondo i sondaggi. I dati delle rilevazioni delle ultime settimane sono stati confermati dai primi dati emersi dai gazebo, con Zingaretti nettamente davanti a tutti gli altri candidati e oltre la soglia del 50%, necessaria per essere eletto subito, senza dover passare per un accordo interno durante l’Assemblea nazionale. I dati finora resi noti evidenziano, per il presidente della Regione Lazio, più del 60% dei voti. Nettamente avanti rispetto ai suoi contendenti: Maurizio Martina e Roberto Giachetti. Proprio quest’ultimo è stato il primo a riconoscere la vittoria di Zingaretti, con un tweet nel quale ha fatto sapere di aver telefonato al presidente della Regione Lazio per complimentarsi “per il suo risultato”, affermando che sarà lui “il prossimo segretario del Pd”. Poco dopo ha fatto lo stesso anche Martina.

Chi è Nicola Zingaretti

Una lunga appartenenza politica, prima coi Ds e poi nel Pd, tante cariche ricoperte tra provincia di Roma, Regione Lazio ed Europarlamento, Nicola Zingaretti fa politica dagli anni ’90. Sposato e con due figlie, Zingaretti inizia la sua carriera con la Fgci romana, la Federazione giovanile comunista. Nel 1991 diventa segretario nazionale della Sinistra giovanile, carica che ricopre fino al 1995. Nel frattempo, nel 1992 diventa consigliere comunale di Roma. Poi prosegue la sua attività nel partito, diventando nel 1998 responsabile delle Relazioni internazionali nella Direzione nazionale dei Ds. Nel 2000 viene eletto segretario dei Ds di Roma. Alle elezioni europee del 2004 si candida riuscendo a conquistare un seggio da europarlamentare. Nel 2007 viene eletto segretario regionale del Lazio nei Ds.

Nel 2008 viene eletto presidente della provincia di Roma, carica che ricopre fino alla fine del 2012, quando si dimette – con qualche mese di anticipo – per correre alla presidenza della Regione Lazio. Nel 2013 viene eletto battendo il candidato del centrodestra, Francesco Storace, con il 40% dei voti. Si ricandida alla presidenza della Regione nel 2018, durante le elezioni che si sono tenute in contemporanea con quelle politiche. Nonostante la disfatta del Pd a livello nazionale, Zingaretti riesce a vincere in Regione, venendo rieletto – primo nella storia a raggiungere questo obiettivo – presidente della Regione Lazio. Ha lanciato ufficialmente la sua candidatura alla guida del Pd a ottobre 2018. Nel voto dei circoli, che si è tenuto a gennaio 2019, si è affermato con il 47,4% dei voti.