Tragedia sfiorata nelle scorse ore lungo le strade venete. Uno scuolabus carico di scolari ha improvvisamente sbandato rovesciandosi di lato sull'asfalto nel territorio del comune di Arquà Petrarca, nel Padovano. Nell'impatto sono rimasti feriti otto studenti. Si tratta di bimbi e ragazzini tra i sette e i quattordici anni di età. Tutti sono stati soccorsi dai sanitari e trasportati al pronto soccorso dell'ospedale di Schiavonia. Fortunatamente nessuno di loro sarebbe in gravi condizioni. Dopo l'impatto, l'autista del mezzo si è allontanato volutamente dal luogo dell'incidente fuggendo in mezzo ai campi e facendo perdere le sue tracce ma è stato successivamente rintracciato dalle forze dell'ordine. Dopo i controlli è emerso che si era messo al volante ubriaco.

Lo schianto all'ora di pranzo, intorno alle 13.30 di oggi venerdì 17 maggio, lungo la strada provinciale 21 mentre il mezzo stava riaccompagnando i piccoli studenti a casa dopo una giornata di scuola. Come informano i vigili del fuoco, accorsi sul posto insieme alle ambulanza del Suem 118, al momento dell'incidente sullo scuolabus viaggiavano oltre 15 studenti. Otto di loro hanno riportato lesioni che hanno reso necessario il trasporto in ospedale ma fortunatamente nessuno ha riportato ferite gravi. Sul posto sono accorsi anche i carabinieri e la polizia stradale che ha effettuato i rilievi del caso e a cui spetterà ora il compito di ricostruire l'esatta dinamica dei fatti.

Autista positivo ad alcoltest

Secondo un prima ricostruzione dell'accaduto in base alle testimonianze, si tratterebbe di un incidente autonomo che non ha coinvolto altri mezzi. Pare che lo scuolabus fosse lungo una strada in discesa e si apprestava ad affrontare un tornante quando, forse per la troppa velocità, ha sbandato finendo per rovesciarsi sul fianco destro. Secondo i ragazzini, in precedenza pare che il mezzo avesse sbandato più volte come se andasse a zig zag. Maggiori certezze arriveranno dopo aver ascoltato l'autista, un uomo di 51 anni di origine romena che si è allontanato senza prestare soccorso ai ragazzini. L'uomo è stato rintracciato da una pattuglia dei Carabinieri lungo la strada regionale 10 dopo due ore di fuga. Alla vista dei militari ha tentato nuovamente di scappare ma è stato bloccato. Dopo i controlli sul suo stato psicofisico, in serata la conferma: il 51enne è risultato positivo all’alcoltest. Lo confermano i Carabinieri di Este spiegando che l'uomo non ha saputo dare spiegazioni su quanto accaduto

Nell'inchiesta in corso però potrebbero finire ora anche  coloro che gli ha affidato il compito di guidare lo scuolabus, vale a dire la cooperativa a cui il Comune padovano aveva dato l’appalto. Dai successivi accertamenti a carico dell'uomo, infatti, sarebbe emerso che avrebbe addirittura diversi precedenti. Non solo, Come racconta il Corriere del Veneto, cosa molto più grave per il ruolo ricoperto, il fatto che  nel 2017 all’uomo pare fosse già stata ritirata la patente per guida in stato di ebbrezza.

Del caso si è interessato anche il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia che si è messo in contatto con il direttore generale dell'Ulss 6 Euganea Domenico Scibetta. "Dal direttore generale  ho appreso che i ragazzi coinvolti sono otto, tutti assistiti in ospedale. Alcuni sono stati già' dimessi, altri sono ancora sotto osservazione, ma sembra fortunatamente trattarsi di traumatologia di tipo minore" ha spiegato il governatore veneto, aggiungendo: "Ho raccomandato a Scibetta di non tralasciare comunque nessun approfondimento diagnostico".