Trasporto pubblico a Napoli
10 Novembre 2021
18:06

Il treno nuovo della Circumvesuviana si blocca sotto il tunnel: blackout e panico tra i passeggeri

Panico a bordo del treno nuovo Metrostar della Circumvesuviana, oggi pomeriggio, bloccato 40 minuti sotto la Galleria tra Meta e Seiano e in blackout per alcuni minuti. Una condizione claustrofobica che ha scatenato la paura tra i passeggeri, in alcuni casi con crisi di pianto e disperazione. Eav: “Tutte le operazioni nella massima sicurezza”.
A cura di Pierluigi Frattasi
Foto FB "Circumvesuviana. Guida alle soppressioni e ai misteri irrisolti"
Foto FB "Circumvesuviana. Guida alle soppressioni e ai misteri irrisolti"
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Trasporto pubblico a Napoli

Panico a bordo del treno nuovo Metrostar della Circumvesuviana, oggi pomeriggio, bloccato sotto la Galleria poco dopo la stazione di Meta e in blackout per alcuni minuti. Una condizione claustrofobica che ha scatenato la paura tra i passeggeri, in alcuni casi in preda a crisi di pianto e disperazione. Secondo alcuni viaggiatori, il convoglio sarebbe rimasto bloccato per circa 40 minuti nel tunnel che si trova tra le fermate di Seiano e Meta, a tratti anche completamente al buio. Difficili anche i tentativi di contattare i numeri di emergenza, visto che in Galleria i cellulari non avevano segnale. Per Eav, l'azienda partecipata regionale dei trasporti, "tutte le operazioni sono avvenute nel rispetto delle norme di sicurezza e nella massima tutela dei passeggeri".

Il guasto al Metrostar delle 14,48

Secondo le prime ricostruzioni, il guasto sarebbe avvenuto sul Metrostar delle 14,48 che da Sorrento era diretto a Napoli. Il convoglio sarebbe rimasto fermo in galleria per una quarantina di minuti e per un certo periodo anche senza l'illuminazione, a causa della necessità di staccare le batterie della locomotiva di testa e agganciare quelle di coda. Il treno quindi sarebbe tornato indietro alla stazione precedente dove i passeggeri sono stati fatti scendere e hanno potuto così proseguire la corsa con il treno successivo.

Il racconto

Tanti i commenti lasciati dagli utenti sulla pagina Facebook satirica “Circumvesuviana. Guida alle soppressioni e ai misteri irrisolti”. “Il vagone in cui viaggiavo – racconta una utente – uno degli ultimi, non ha visto nessuna assistenza necessaria. Abbiamo premuto tutti i pulsanti di emergenza, quelli che funzionavano mettevano solo in attesa. Le luci sono mancate più e più volte. Alcune persone hanno aperto le porte da soli per mancanza d'aria, dato che il treno nuovo ha quei vetrini che non si aprono sempre a mano, ma con il chiavino. È venuta una persona solo alla fine per controllare che non ne avessero aperte altre. Alcune ragazze erano sedute a terra e piangevano. Nessun annuncio dall'altoparlante o a voce una volta arrivati nel nostro vagone”.

Trasporto pubblico a Napoli
contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni