3.737 CONDIVISIONI
5 Agosto 2022
15:40

Picchia lo zio e lo arrestano: esce dopo 12 ore e prende a pugni anche la madre, di nuovo in manette

Un 28enne con problemi di tossicodipendenza ha prima picchiato lo zio e poi, rimesso in libertà, ha picchiato anche la madre: in 12 ore, arrestato due volte.
A cura di Giuseppe Cozzolino
3.737 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Un 28enne di Vico Equense, in provincia di Napoli, è "riuscito" a farsi arrestare due volte in 12 ore, prima per aver picchiato lo zio e poi, dopo il primo rilascio, la madre. Alla fine, l'uomo è stato arrestato e portato in carcere a Poggioreale prima di dover rispondere dei vari reati di cui è accusato, tra cui rapina e lesioni personali. Una vicenda surreale quella accaduta nella cittadina della penisola sorrentina, famosa anche per aver dato i natali allo chef Antonio Cannavacciuolo.

L'aggressione allo zio e il primo arresto

Tutto è iniziato nella giornata di ieri, quando il 28enne, noto per problemi di tossicodipendenza, ha aggredito lo zio per avere dei soldi: e per farlo non ha esitato ad entrare in casa dell'uomo con violenza. Dopo averlo riempito di botte, l'uomo è riuscito a chiamare il 112: i carabinieri sono arrivati che il giovane aveva già ripreso a malmenare brutalmente lo zio. Arrestato per lesioni e violazione di domicilio, il 28enne è stato processato per direttissima e rilasciato con obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Per lo zio, ferite ritenute guaribili in sei giorni.

La seconda aggressione stavolta alla madre

Ma poco dopo essere tornato a casa, il 28enne si è diretto verso casa della madre, anche qua per chiedere soldi: la povera donna è stata presa a pugni, con il 28enne che le ha anche preso il cellulare di mano e glielo ha spaccato, forse per evitare chiamasse i soccorsi. La donna, nonostante le botte, è riuscita a scappare, inseguita dal figlio che ormai aveva perso ogni controllo: tanto da non accorgersi che la donna stava scappando verso la caserma dei carabinieri, dove i militari dell'Arma se la sono ritrovata davanti in lacrime e sanguinante, inseguita ancora dal 28enne, che è stato così arrestato di nuovo, a dodici ore di distanza. Stavolta per lui niente rimessa in libertà: deve rispondere di rapina e lesioni personali, e si trova ora nel carcere di Poggioreale, in attesa di giudizio.

3.737 CONDIVISIONI
Prende a pugni una guardia giurata all'Ospedale del Mare dopo una lite
Prende a pugni una guardia giurata all'Ospedale del Mare dopo una lite
Bambino di 12 anni travolto e ucciso da un pirata della strada a Milano
Bambino di 12 anni travolto e ucciso da un pirata della strada a Milano
1.546 di Videonews
Tanta commozione ai funerali di Diana, la bimba morta di stenti in casa
Tanta commozione ai funerali di Diana, la bimba morta di stenti in casa
1.190.858 di Giorgia Venturini
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni