209 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Campi Flegrei

Nuova scossa di terremoto poco fa ai Campi Flegrei: magnitudo 2.3, epicentro nel Parco Sommerso di Baia

Una scossa di terremoto di 2.3 di magnitudo è stata registrata alle 12.17 nei Campi Flegrei, nel Parco Somemrso di Baia. In mattinata altra scossa di 2.5.
A cura di Giuseppe Cozzolino
209 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Una scossa di terremoto di 2.3 di magnitudo si è registrata alle 12.17 di oggi, martedì 16 aprile 2024, a Napoli, all'intero del Parco Archeologico Sommerso di Baia. La scossa, molto forte, è stata avvertita in tutta l'area dei Campi Flegrei, fino a Torregaveta. Già in mattinata vi era stata una scossa di 2.5 di magnitudo sempre nei Campi Flegrei. Molte le segnalazioni di un "boato" avvertito poco prima della scossa, che ancora una volta ha gettato la popolazione, seppur abituata, nella paura. Poco prima della forte scossa di 2.3 di magnitudo si erano registrate altre due scosse di minore intensità nel giro di un minuto: poi, quella che ha fatto tremare la terra, seppur con epicentro lo specchio di mare dove sul fondale giace la città romana di Baia, sprofondata lentamente sott'acqua proprio a causa del bradisismo che da sempre caratterizza i Campi Flegrei.

Subito dopo, si sono registrate altre scosse, seppur di intensità minore: la più forte è stata di 1.3 di magnitudo, anche questa avvertita distintamente dalla popolazione. Si tratta di un nuovo sciame sismico in corso, in una zona diversa da quella dei giorni precedenti, più localizzati nell'area della Solfatara. Come aveva già spiegato a Fanpage.it nelle scorse ore Mauro Antonio Di Vito, direttore dell'Osservatorio Vesuviano dell'Ingv, lo sciame sismico in corso fa parte dei fenomeni "consueti" nell'attività dei Campi Flegrei:

Non cambia la situazione attuale, la deformazione del suolo continua. Ci possiamo aspettare altri eventi sismici, anche se non è possibile prevederli in modo deterministico. Ma stiamo analizzando tutti i dati. Non ci sono altre variazioni nei parametri che normalmente misuriamo, come deformazione del suolo, geochimica. La situazione attuale resta invariata. Al momento non c'è nessun segnale di una possibile crisi eruttiva.

209 CONDIVISIONI
215 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views