“Tutte le multe elevate dal 6 giugno alla data di pubblicazione della delibera saranno cancellate così come ho già annunciato, ma è un processo che sarà graduale, che richiede tempo perché per alcune categorie è più semplice e per altre meno e perché non è che le multe si stracciano o si bruciano in piazza”. A parlare è il sindaaco di Napoli Luigi De Magistris sulla vicenda delle contravvenzioni in centro città. Il Comune di Napoli, come anticipato da Fanpage.it, ha deciso di annullare le multe stradali per chi è entrato nelle aree pedonali provvisorie istituite la sera per il periodo Covid, da giugno 2020 a ottobre 2020, in corrispondenza dei varchi Ztl del Centro Storico.

Uno strumento voluto dal Municipio per poter consentire ai gestori di bar, ristoranti e caffè di poter avere più spazio per mettere i tavolini. Ma il provvedimento ha spiazzato molti automobilisti, a causa di alcune carenze nella segnaletica. Così il Comune ha deciso di cancellare le multe di chi ha violato il dispositivo di traffico. Molti cittadini si sono riuniti in una sorta di comitato che utilizza facebook e stanno discutendo in queste ore sul da farsi. Scrivono:

Molti di noi stanno ricevendo multe salate per un'area pedonale istituita su due piedi nella totale indifferenza di tutti, da ZTL ad area pedonale,il tutto per battere cassa nel post-covid e come sempre a rimetterci è quella fetta di popolazione onesta che lavora,e si trova in un periodo socio-economico difficile per tutti ad affrontare spese esose solo perché non siamo in grado neanche di installare una segnaletica giusta in questa città

De Magistris: “Ha sbagliato chi ha preso la multa”

Da quando è scattata la delibera di pedonalizzazione temporanea di alcune strade, come via Duomo, via del Sole, via Miroballo, via Santa Sofia, che la sera (dalle 19 alle 7) si trasformano da Ztl in area pedonale, il 6 giugno scorso, le multe in via Duomo sono raddoppiate rispetto allo scorso anno. Il Comune ieri ha lanciato il modello online per fare le domande di rimborso e un'App che raccoglierà le istanze dei cittadini che hanno avuto la multa. Ogni domanda di cancellazione sarà vagliata dagli uffici, che dovranno verificare i requisiti e le condizioni, prima di essere approvata.  De Magistris ha assicurato che le multe saranno cancellate e l'ha ribadito anche oggi, rispondendo alle proteste delle associazioni: “L'errore anche se in buona fede – ha detto l'ex pm – è stato fatto da chi ha preso la multa, non dall'amministrazione. Ora c'è un percorso amministrativo che richiede un po' di tempo, ma ritengo che per la fine dell'anno avremo completato l'iter che comprenderà anche il rimborso di chi ha già pagato”.

Il modulo per la domanda online

Ieri il Comune ha pubblicato sul suo sito le Delibere 331, con la quale la Giunta dà indirizzo agli Uffici competenti di “porre in essere ogni azione finalizzata all'annullamento delle multe elevate per l'accesso nelle Aree Pedonali provvisorie” e la Delibera 332, con la quale la Giunta definisce le regole per annullare le multe elevate per: residenti, domiciliati, non residenti proprietari di posti auto, veicoli diretti agli alberghi e alle autorimesse, le regole per l'autorizzazione ai veicoli per carico e scarico delle merci deperibili, attività commerciali interne. “Per tutte le diverse situazioni individuali – ha precisato il Municipio – per mettere gli Uffici nelle condizioni di intervenire secondo le decisioni e gli indirizzi della Giunta, è indispensabile e necessario che i cittadini che hanno ricevuto verbali per attraversamento dell'Area Pedonale temporanea trasmettano agli Uffici competenti i propri dati mediante l'utilizzo dell'apposita app”.