Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Un violento temporale si è abbattuto questa mattina all'alba su Milano, provocando l'allagamento di strade e cantine, con disagi per i cittadini che stavano uscendo di casa diretti al lavoro. Il nubifragio si è rovesciato sulle vie del capoluogo lombardo poco dopo le 6.30 di oggi, martedì 22 settembre. In pochi minuti la pioggia caduta ha intasato i tombini e trasformato le strade in torrenti.

Nubifragio su Milano: strade e cantine allagate

Il centralino del comando provinciale dei vigili del fuoco è stato preso d'assalto, con decine di chiamate da parte di persone che segnalavano cantine invase dall'acqua, ma anche strade allagate perché i tombini non erano in grado di scaricare. In due ore sono stati una trentina gli interventi dei pompieri. Non si segnalano comunque situazioni di pericolo o criticità gravi in città.

Monitorati il torrente Seveso e il fiume Lambro

Nella serata di ieri la Protezione civile aveva diramato un'allerta gialla per le precipitazioni in arrivo. Il Comune di Milano aveva attivato il monitoraggio del torrente Seveso e del fiume Lambro. Al momento i due corsi d'acqua si mantengono sotto la soglia di allarme.

Traffico ferroviario in tilt per un guasto alla stazione Centrale

A causa del maltempo un black out elettrico si è verificato attorno alle 6.45 di questa mattina alla stazione Centrale di Milano. In attesa del ripristino della tensione nel nodo ferroviario milanese da parte degli operai di Rfi, il traffico ferroviario è rimasto paralizzato per circa un'ora. La circolazione è ripresa attorno alle 8, con ritardi fino a 50 minuti e disagi per i pendolari. Rallentamenti anche per la circolazione dei mezzi di superficie Atm, le linee 1, 43, 55, 60, 61, 81, 84, 86, 92 e 93 hanno risentendo delle conseguenze sul traffico.