Elezione del Presidente della Repubblica 2022
25 Gennaio 2022
09:57
AGGIORNATO26 Gennaio

La seconda giornata di elezione per il Quirinale di martedì 25 gennaio 2022

Tutto quello che è successo nella seconda giornata di voto per il Presidente della Repubblica.

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezione del Presidente della Repubblica 2022
25 Gennaio
22:28

Renzi: "Draghi ancora in pista per il Quirinale, Casini? Potrebbe essere garante istituzioni"

"Secondo me Draghi è ancora in pista per fare il presidente della Repubblica. Penso che Casini potrebbe essere garante delle istituzioni, ma penso che Draghi potrebbe andare al Quirinale": lo dice Matteo Renzi, ospite della trasmissione Cartabianca, parlando dell'elezione del presidente della Repubblica.

A cura di Annalisa Girardi
25 Gennaio
22:22

Salvini dice che si può eleggere il presidente della Repubblica anche a maggioranza risicata

"La storia delle elezioni del presidente della Repubblica ci dice che ci sono state elezioni risicate al 53% ed elezioni che hanno sfiorato l'80%. Un conto è il governo, un altro è il presidente della Repubblica": così Matteo Salvini parlando con i giornalisti al termine del secondo giorno di votazioni per l'elezione del presidente della Repubblica. Tra i nomi che si sono fatti nelle ultime ore, oltre a quello di Mario Draghi, ci sono quelli di Pier Ferdinando Casini ed Elisabetta Casellati: "Lei è la presidente del Senato, è una donna. La richiesta che mi è arrivata da Alternativa C'è, dagli scoiattoli, molti mesi fa, fu assolutamente no Draghi, non uno di centrosinistra, ma uno di centrodestra che non sia Berlusconi", ha commentato invece Vittorio Sgarbi, che nei giorni scorsi aveva partecipato con Silvio Berlusconi all'operazione scoiattolo, alla ricerca dei voti a favore del Cavaliere fuori dall'area di centrodestra.

A cura di Annalisa Girardi
25 Gennaio
21:54

Lega: "Da cdx nomi di spessore, basta veti a ripetizione"

"A differenza di chi cambia idea dopo poche ore, la Lega continua a lavorare con contatti a tutto campo. Restiamo convinti dell'assoluto spessore delle candidature presentate oggi per il Quirinale ed è evidente la differenza tra noi e chi dice No a ripetizione e mette veti": è quanto affermano fonti della Lega.

A cura di Annalisa Girardi
25 Gennaio
21:43

Elezione del presidente della Repubblica, Italia Viva vuole fare due votazioni al giorno

"Ci sono le condizioni, organizzando meglio i lavori e iniziando prima le votazioni, per fare due scrutini al giorno per la Presidenza Della Repubblica. Chiediamo al presidente Fico di accelerare. Lo impongo le tante urgenze e il contesto nazionale e internazionale": lo scrive su Twitter l'esponente di Italia Viva Marco Di Maio.

A cura di Annalisa Girardi
25 Gennaio
21:30

Fumata nera al secondo scrutinio per il Quirinale, domani si comincia a votare alle ore 11

Fumata nera nella seconda votazione per il presidente della Repubblica. Il presidente della Camera, Roberto Fico, ha proclamato il risultato dello spoglio comunicando che nessuno ha raggiunto il quorum. Domani, ultimo giorno in cui è necessaria la maggioranza qualificata dei due terzi, si comincerà a votare alle ore 11.

A cura di Annalisa Girardi
25 Gennaio
20:38

Quirinale, verso scheda bianca per centrosinistra e centrodestra anche domani

Secondo quanto si apprende da fonti parlamentari, sia il centrosinistra che il centrodestra andrebbero verso la scheda bianca anche alla terza votazione per il Presidente della Repubblica. Ci sono anche le ipotesi di andare alla conta su alcuni candidati nel centrodestra, ma al momento prevale l'idea di continuare a trattare senza bruciare candidature.

A cura di Tommaso Coluzzi
25 Gennaio
20:17

Quirinale, terminato lo spoglio: 527 schede bianche

Come il primo scrutinio, anche il secondo giorno di votazioni per l’elezione del presidente della Repubblica si è concluso con un nulla di fatto: le schede bianche sono state 527. Invece 39 voti sono andati a Paolo Maddalena e altrettanti a Sergio Mattarella.

A cura di Annalisa Girardi
25 Gennaio
20:08

Conte: "Non è momento di fare muro contro muro, acceleriamo dialogo e troviamo soluzione"

"Oggi abbiamo deciso di non presentare una rosa di nomi. In questo modo acceleriamo il dialogo con il centrodestra con l'impegno di trovare nelle prossime ore una soluzione condivisa": lo dice Giuseppe Conte lasciando il vertice del centrosinistra. "L'Italia non ha tempo da perdere. Non e' il momento del muro contro muro".

A cura di Annalisa Girardi
25 Gennaio
19:49

Letta: "Non facciamo nomi per arrivare a soluzione condivisa e super partes"

"Abbiamo voluto dimostrare che abbiamo la volontà di arrivare a una soluzione condivisa e super partes": così Enrico Letta spiega come mai il centrosinistra, a differenza di quanto fatto dal centrodestra, non ha presentato una rosa di nomi per il Quirinale. "La proposta che facciamo é quella di chiuderci dentro una stanza e buttiamo via le chiavi, pane e acqua, fino a quando arriviamo a una soluzione, domani è il giorno chiave", ha aggiunto parlando del vertice allargato proposto per domani.

A cura di Annalisa Girardi
25 Gennaio
19:34

Voto Quirinale, Pd, M5s e Leu propongono incontro al centrodestra

"Nella giornata di domani proponiamo un incontro tra due delegazioni ristrette in cui porteremo le nostre proposte", si legge nel comunicato congiunto diffuso al termine del vertice fra Pd, M5S e Leu, che hanno bocciato la terna proposta dal centrodestra, cioè Pera, Moratti e Nordio. Il centrosinistra dovrebbe confermare scheda bianca anche alla chiama di domani.

A cura di Annalisa Cangemi
25 Gennaio
19:21

Quirinale, per il M5s l'ipotesi migliore è ancora il Mattarella bis

Lo spoglio dopo la seconda giornata di votazioni è ancora in corso, e i partiti non sembrano aver fatto grossi passi avanti nella trattativa: il centrodestra ha proposto una terna di nomi, che però il centrosinistra non è disposto a votare. L'accordo per il nuovo Presidente della Repubblica è ancora lontano, ma nel Movimento sempre piede sempre di più uno scenario, che è più di una speranza: l'opzione sullo sfondo è sempre quella del Mattarella bis. Se il Capo dello Stato accettasse un secondo mandato allora Mario Draghi potrebbe restare a Palazzo Chigi fino alla fine della legislatura, come sperano i dem e i pentastellati.

A cura di Annalisa Cangemi
25 Gennaio
19:21

Pd, Movimento 5 Stelle e Leu hanno bocciato i tre candidati di centrodestra al Quirinale

"Prendiamo atto della terna formulata dal cdx che appare un passo in avanti, utile al dialogo. Pur rispettando le legittime scelte del centrodestra, non riteniamo che su quei nomi possa svilupparsi quella larga condivisione in questo momento necessario – scrivono Pd, Movimento 5 Stelle e Leu in un comunicato congiunto – Riconfermiamo la nostra volontà di giungere ad una soluzione condivisa su un nome super partes e per questo non contrapponiamo una nostra rosa di nomi. Nella giornata di domani proponiamo un incontro tra due delegazioni ristrette in cui porteremo le nostre proposte".

A cura di Tommaso Coluzzi
25 Gennaio
19:12

Quirinale, fumata nera anche alla seconda votazione: nessun candidato raggiunge il quorum

Anche il secondo giorno di votazioni per il Quirinale si è concluso con un nulla di fatto. A metà dello scrutinio la stragrande maggioranza delle schede sono bianche, numericamente parlando ormai nessun candidato può raggiungere il quorum di 673 voti.

A cura di Tommaso Coluzzi
25 Gennaio
19:05

Il centrodestra candida Letizia Moratti al Quirinale, ex ministra ed ex sindaca di Milano

Nella rosa dei tre candidati alla Presidenza della Repubblica proposta dal centrodestra c'è anche Letizia Moratti. L'ex ministra dell'Istruzione, ex presidente della Rai, ex sindaca di Milano e attualmente vicepresidente della Regione Lombardia, viene considerata una candidatura apartitica.

A cura di Tommaso Coluzzi
25 Gennaio
18:47

Chi è Marcello Pera, ex presidente del Senato candidato dal centrodestra al Quirinale

L'ex presidente del Senato, Marcello Pera, è tra i candidati del centrodestra per il Quirinale. Berlusconiano e cattolico, ha una lunga esperienza sia politica che accademica, e potrebbe convincere anche i grandi elettori di Italia Viva.

A cura di Tommaso Coluzzi
25 Gennaio
18:28

Salvini: "Con Draghi non parlo di poltrone, scegliamo nome e torniamo a occuparci del resto"

"Con Draghi non parlo di poltrone e ministeri, ma di vita reale. Se tutti vanno avanti con lo stesso spirito, si sceglie un nome e poi si torna a occuparsi di tutto il resto": lo ha detto Matteo Salvini uscendo da Montecitorio alla fine delle votazioni per l'elezione del presidente della Repubblica.

A cura di Annalisa Girardi
25 Gennaio
18:26

Elezione Presidente della Repubblica, conclusa la seconda votazione

La seconda votazione per il Presidente della Repubblica si è appena conclusa, a breve il presidente della Camera, Roberto Fico, leggerà i risultati.

A cura di Tommaso Coluzzi
25 Gennaio
17:45

Perché Mario Draghi non è adatto al Quirinale

Sulla candidatura di Mario Draghi al Quirinale si è raggiunto un paradosso: il presidente del Consiglio non può essere eletto al Colle per preservare la stabilità del governo, ma allo stesso tempo minaccia di lasciare comunque l'esecutivo se non dovesse essere eletto.

A cura di Tommaso Coluzzi
25 Gennaio
17:29

Quirinale, Salvini: "Bene l'apertura di Letta al confronto, scegliamo in fretta"

"Bene l’apertura al confronto di Letta, dal centrodestra nessun tatticismo. Scegliamo in fretta, il meglio per l’Italia", commenta il segretario della Lega, Matteo Salvini, dopo le parole del leader del Pd sui candidati per il Quirinale proposti dal centrodestra.

A cura di Tommaso Coluzzi
25 Gennaio
17:11

Elezione Presidente della Repubblica, Conte: "Draghi deve restare a Chigi"

Secondo Giuseppe Conte non ci sono le condizioni affinché Mario Draghi possa lasciare il governo ed essere eletto Presidente della Repubblica. Il leader del Movimento 5 Stelle ha spiegato ai cronisti, paragonando Draghi al timoniere di una nave in difficoltà, che ora non può abbandonarla perché ancora non siamo usciti dalla crisi pandemica e dagli altri problemi del Paese.

A cura di Tommaso Coluzzi
25 Gennaio
16:58

Quirinale, Letta: "Nomi fatti dal centrodestra sono di qualità, li valuteremo"

Quelli proposti dal centrodestra sono "nomi sicuramente di qualità e li valuteremo senza spirito pregiudiziale", ha commentato a caldo il segretario dem Enrico Letta, dopo la proposta avanzata dalla coalizione che comprende il terzetto Marcello Pera, Letizia Moratti e Carlo Nordio.

A cura di Tommaso Coluzzi
25 Gennaio
16:48

Meloni: "Cdx ha diritto di fare delle proposte, sinistra ha scelto tutti ultimi presidenti"

"Crediamo sia nostra responsabilità cercare di fare un passo avanti con proposte concrete. Il centrodestra non ha i numeri per eleggere da solo il presidente, ma ha i numeri maggiori e ha il diritto di fare delle proposte e chiedere agli altri di esprimersi": lo ha detto Giorgia Meloni alla conferenza stampa del centrodestra, sottolineando che gli ultimi capi dello Stato siano stati tutti scelti dal centrosinistra.

A cura di Annalisa Girardi
25 Gennaio
16:33

I nomi del centrodestra per il Quirinale: Pera, Nordio e Moratti

Dopo 30 anni in cui la sinistra ha proposto ed eletto i presidenti della Repubblica, questa volta è diritto del centrodestra mettere sul tavolo i nomi per il Quirinale. Lo ha detto Matteo Salvini durante la conferenza stampa del centrodestra. I nomi che la coalizione propone quindi sono: Marcello Pera, Carlo Nordio, Letizia Moratti.

A cura di Annalisa Girardi
25 Gennaio
16:20

Letta: "Rosa nomi dal Pd? Ci vediamo alle 17 e decidiamo"

Se il Partito democratico proporrà una rosa di nomi per il Quirinale? "Ci vediamo alle 17 e decidiamo la strategia": lo ha detto il segretario dem Enrico Letta, intercettato dai giornalisti alla Camera.

A cura di Annalisa Girardi
25 Gennaio
16:11

Elezione presidente della Repubblica: finita chiama per i senatori, iniziano a votare i deputati

È finita la seconda chiama dei senatori per la votazione del presidente della Repubblica. È quindi ora il turno dei deputati.

A cura di Annalisa Girardi
25 Gennaio
16:04

Maddalena: "Gratificante essere stato il più votato ieri, non so se faranno mio nome anche oggi"

"Ieri è stato gratificante ascoltare la votazione, abbiamo bucato il neoliberismo e battuto il pensiero unico che ha offuscato molte menti. Non so se oggi voteranno di nuovo per me, non ho chiesto voti ma mi fa piacere se emerge l'idea di attingere alla nostra Costituzione", lo ha detto Paolo Maddalena alla trasmissione Un Giorno da Pecora su Rai Radio 1. Ieri il suo è stato il nome più votato durante il primo scrutinio per la presidenza della Repubblica. Alla domanda se escluda categoricamente di diventare il prossimo capo dello Stato, l'ex magistrato ha risposto: "Bisognerebbe fare i conti con le mie possibilità e le mie scelte".

A cura di Annalisa Girardi
25 Gennaio
15:45

Il centrodestra voterà scheda bianca anche oggi

Il centrodestra voterà anche oggi scheda bianca. In un tweet Coraggio Italia scrive: "Concordato con gli alleati durante il vertice di centrodestra, voteremo scheda bianca anche oggi alla seconda votazione per il Quirinale".

A cura di Annalisa Girardi
25 Gennaio
15:38

Renzi: "Se centrodestra ha nome lo faccia e lo porti in Aula, manca una regia come nel 2013"

"Le cinquine si fanno a tombola, questo è il Parlamento non una sala Bingo… Chi ha un candidato non fa una cinquina, se c'è un nome, il centrodestra ha diritto di farlo ma anche la responsabilità di portarlo in Aula e farlo crescere": lo ha detto Matteo Renzi parlando con i giornalisti al suo arrivo a Montecitorio. "Noi non facciamo parte né della rosa del centrodestra né della rosa del centrosinistra. Sette anni fa abbiamo deciso, la stessa cosa si dovrebbe fare oggi, è la politica, mi sembra ci sia una mancanza di regia molto simile al 2013. Quello che chiediamo ai colleghi è fate presto un nome. Questo non è uno show, è il Parlamento, mi auguro prevalga la responsabilità", ha aggiunto.

A cura di Annalisa Girardi
25 Gennaio
15:21

Voto Quirinale, slitta vertice del Csx: Pd, M5s e Leu prepara controproposta per il Colle

Slitta a metà pomeriggio il vertice M5S-Pd-Leu preannunciato per le 15, al gruppo Pd della Camera, convocato per fare il punto sulle candidature del centrosinistra al Quirinale. La riunione dovrebbe tenersi alle 17,15. Secondo quanto si apprende si sta valutando la presentazione, soprattutto su sollecitazione M5S, di una rosa di papabili da contrapporre a quella che il centrodestra presenterà nel corso dei una conferenza stampa convocata per le 16 a Montecitorio.

A cura di Annalisa Cangemi
25 Gennaio
15:17

In corso vertice del centrodestra, a breve la conferenza stampa per presentare la rosa di nomi

È in corso il vertice del centrodestra alla Camera. A breve ci sarà anche la conferenza stampa in cui verranno proposti i nomi di area: a quanto si apprende la rosa di nomi comprenderebbe Elisabetta Alberti Casellati, Marcello Pera e Carlo Nordio. Nessuno spazio, invece, per Franco Frattini e Pier Ferdinando Casini.

A cura di Annalisa Girardi
25 Gennaio
15:02

Quirinale, cominciata la seconda votazione: dove vederla in diretta

La seconda votazione per il Presidente della Repubblica, dopo la fumata nera di ieri, è appena cominciata. Si può seguire in diretta sul sito della Camera, o sul canale Youtube di Montecitorio che mostrerà tutte le fasi della votazione. Si stima che le operazioni di voto termineranno intorno alle 18, poi il presidente Fico leggerà i risultati.

A cura di Tommaso Coluzzi
25 Gennaio
14:39

Quirinale, alle 16 la conferenza stampa del centrodestra con la rosa di nomi

I leader del centrodestra terranno una conferenza stampa alle 16 in una sala della Camera dei deputati. È uno snodo importante per la corsa al Quirinale, visto che la coalizione dovrebbe presentare una rosa di nomi su cui dialogare con le altre forze politiche. Dovrebbe trattarsi di indipendenti e non di profili politici, ma non si sa ancora molto.

A cura di Tommaso Coluzzi
25 Gennaio
14:27

In corso vertice alla Camera tra Enrico Letta e Antonio Tajani

È in corso alla Camera l'incontro tra il segretario del Partito democratico, Enrico Letta, e il coordinatore di Forza Italia, Antonio Tajani.

A cura di Annalisa Girardi
25 Gennaio
14:24

Rosato (IV): "Entro la settimana ci sarà presidente della Repubblica, oggi scheda bianca"

"Non rischiamo di andare avanti due settimane, al massimo entro venerdì troveremo un presidente della Repubblica": lo ha detto a Rai Radio 1, ospite della trasmissione Un Giorno da Pecora, il presidente di Italia Viva, Ettore Rosato. "Bisogna trovare le modalità di sedersi ad un tavolo, fino a giovedì mattina c'è tempo per fare tutto quello che serve. Cosa succederà oggi? Credo che oggi tutti i gruppi voteranno scheda bianca".

A cura di Annalisa Girardi
25 Gennaio
14:14

Salvini: "Draghi è a Chigi e lavora bene a Chigi, tra poco rosa nomi di centrodestra"

Mario Draghi non sarà nella rosa di nomi che il centrodestra proporrà per il Quirinale. Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, intercettato dai giornalisti mentre si recava alla Camera. "Draghi è a Chigi e lavora bene a Chigi. Tra poco proporremmo nomi dell'area culturale di centrodestra. Spero non arrivino solo no, non si può andare avanti solo con i no, io sto lavorando per arrivare a un sì. Io non dico no preventivi, mi auguro che nessuno abbia il pregiudizio per cui la cultura liberale, conservatrice e moderata non possa nemmeno fare proposte. Siamo tutti dialoganti, sono soddisfatto".

 
A cura di Annalisa Girardi
25 Gennaio
14:06

A che ora iniziano le votazioni per il presidente della Repubblica e dove seguirle

Cominceranno anche oggi alle 15 le votazioni per il presidente della Repubblica. Si potranno seguire dalla diretta web di Montecitorio, o sulla pagina della Camera deputati o su YouTube.

A cura di Annalisa Girardi
25 Gennaio
13:54

Voto Quirinale, Lega vota scheda bianca, Salvini: "Pronti a fare i nostri nomi, basta veti"

Il centrodestra anche oggi per la seconda votazione dovrebbe votare scheda bianca. La coalizione presenterà una rosa di nomi durante una conferenza stampa, convocata per le 16:00.

"Il centrodestra oggi è la maggioranza nel Paese, ci aspettiamo che il candidato al Colle possa essere una espressione del nostro schieramento, il centrodestra farà alcuni nomi di alto profilo, 5, 6 o 7", ha detto Salvini incontrando i grandi elettori della Lega. Il leader della Lega, a poche ore dal secondo voto di Montecitorio, spiega che sui nomi del centrodestra non si aspetta ora veti, dopo il passo indietro di Berlusconi. "Il periodo è economicamente difficile e quindi va tenuto sempre un occhio alla situazione di imprese e famiglie", avrebbe detto ancora il leader, spiegando come ora "spetta alla sinistra di farsi carico di assumere un ruolo responsabile" aprendosi al dialogo. A quanto si apprende anche oggi la Lega, salvo imprevisti, sceglierà la scheda bianca.

La Lega avrebbe comunque un piano B: se nessuno di questi nomi dovesse convincere il centrosinistra, spiega uno dei grandi elettori leghisti, il centrodestra allora tenterà di portare un proprio per provare ad attrarre nel segreto dell'urna tutti i grandi elettori che non vogliono Draghi al Colle, dai Cinque Stelle vicini a Conte a pezzi del Pd.

A cura di Annalisa Cangemi
25 Gennaio
13:42

Letta e Renzi contrari a ipotesi Frattini alla presidenza della Repubblica

Contro l'ipotesi Franco Frattini alla presidenza della Repubblica, di cui avrebbero parlato ieri Giuseppe Conte e Matteo Salvini secondo alcune ricostruzioni di stampa, si forma l'asse Pd e Italia Viva. Sia Enrico Letta che Matteo Renzi sarebbero contrari, in quanto l'attuale presidente del Consiglio di Stato non rispecchierebbe il profilo atlantista, con posizioni troppo vicine a Mosca. E questo, considerando anche quanto sta accadendo nella vicenda Ucraina, sarebbe un problema. "Ci vuole qualcuno in grado di unificare il Paese, rassicurare mercati, un profilo atlantista", ha detto Letta parlando a Cnbc. Parole quasi identiche a quelle pronunciate da Renzi a Radio Leopolda: "Italia Viva non sosterrà candidati che non abbiano un profilo in purezza europeista e atlantista".

A cura di Annalisa Girardi
25 Gennaio
13:36

Draghi al Colle e Gentiloni al governo: lo schema possibile per il Quirinale

Secondo l'ex presidente del Consiglio Lamberto Dini uno schema possibile per risolvere il rebus del Quirinale sarebbe quello di eleggere Draghi al Colle, e di lasciare la guida del governo all'ex premier Gentiloni. "Nelle trattative di questi giorni se i partiti delle due parti politiche principali, non trovano un accordo su Pier Ferdinando Casini o su Marcello Pera, che sono personalità che hanno ricoperto importanti incarichi istituzionali, allora il prossimo capo dello Stato sarà Mario Draghi", ha detto all'AdnKronos l'ex premier Lamberto Dini, spiegando come il nome dell'attuale presidente del Consiglio "al Quirinale sarebbe una garanzia per i prossimi sette anni".

"Se resta a Palazzo Chigi nel 2023 sarà un illustre pensionato, perdiamo una persona di grande valore e competenza, riconosciuto e autorevole all'estero", spiega Dini. Nel caso in cui Draghi traslocasse al Colle più alto, Dini prevede la nascita "di un governo elettorale, in cui i partiti si posizionano per il voto, dove non sarà possibile fare molto".

"Qualunque sarà il governo – avverte l'economista fiorentino – dovrà però essere in grado di garantire la continuazione dei progetti del Pnrr, che è l'interesse nazionale". La persona giusta secondo Dini potrebbe essere Paolo Gentiloni, "che ha già fatto il premier ed è un commissario europeo importante, lui può andare bene".

A cura di Annalisa Cangemi
25 Gennaio
13:25

Elezione Quirinale, Casini non è nella rosa dei nomi del centrodestra

"Casini in questo momento non è più un uomo del centrodestra". Lo ha detto il coordinatore nazionale di Forza Italia Antonio Tajani, arrivando a Montecitorio, chiarendo quindi che il nome dell'ex presidente della Camera non sarà nella rosa di nomi per il Colle che la coalizione presenterà alle 16:30, dopo l'ennesimo vertice. Tra le candidature proposte ci saranno invece qiasi sicuramente la presidente di Palazzo Madama Elisabetta Casellati, Marcello Pera e Carlo Nordio, l'ex magistrato che piace a Giorgia Meloni.

A cura di Annalisa Cangemi
25 Gennaio
13:18

Elezione del presidente della Repubblica, oggi le votazioni cominciano alle ore 15: da domani alle 11

Il Parlamento torna a riunirsi oggi in seduta comune per l’elezione del presidente della Repubblica alle ore 15. Da domani in poi, invece, gli scrutini cominceranno alle ore 11. Nel frattempo continuano i confronti tra le forze politiche per trovare l’accordo sul Quirinale.

A cura di Annalisa Girardi
25 Gennaio
13:16

Presidente della Repubblica, Europa Verde e Sinistra italiana votano Luigi Manconi

I parlamentari di Europa Verde e Sinistra italiana voteranno Luigi Manconi per il Colle. Manconi è stato senatore e presidente della commissione parlamentare straordinaria per la tutela dei diritti umani e direttore dell'ufficio nazionale anti discriminazioni razziali.

"Luigi Manconi è persona che ha servito le istituzioni e ha fatto della politica un luogo dove dare la voce agli ultimi e ha promosso la mobilitazione intorno alla drammatica vicenda di Giulio Regeni di cui oggi ricorre l'anniversario della sua scomparsa – hanno detto i co-portavoce nazionali di Europa Verde Angelo Bonelli e Eleonora Evi insieme al segretario nazionale di sinistra italiana Nicola Fratoianni – Luigi Manconi è un'ecologista, un garantista, profondo conoscitore della nostra Costituzione e forte difensore dello Stato di diritto ed è il politico che si è battuto per combattere i casi di malagiustizia come quello di Federico Aldrovandi e Stefano Cucchi. La sua candidatura è per noi anche una risposta a quanto di grave sta accadendo inquietante queste ore. La trattativa per l'elezione del presidente della Repubblica tra i leader dei dei gruppi parlamentari sembra riguardare non chi farà il presidente della Repubblica ma chi guiderà il governo e come sarà composto se sarà eletto Draghi. Sono consultazioni per il nuovo governo a cui partecipa il presidente del consiglio in carica che non è ancora stato eletto presidente della Repubblica e lo sarà solo se troverà un equilibrio su divisione dei ministri e guida del futuro governo. Questo scenario non si era mai visto nella storia della Repubblica e rappresenta una forzatura della nostra Costituzione",

A cura di Annalisa Cangemi
25 Gennaio
13:08

Presidente della Repubblica, le candidature 'fantasiose' per il Colle

Nello spoglio della prima votazione per il Quirinale i Grandi elettori hanno proposto alcuni nomi inaspettati: alcune schede riportavano il nome di Fulvio Abbate e Alfonso Signorini. Altre preferenze fantasiose proponevano per il Colle Bruno Vespa, Giuseppe Cruciani della trasmissione radiofonica La Zanzara, il conduttore tv Amadeus e Alberto Angela.

A cura di Annalisa Cangemi
25 Gennaio
12:55

Quirinale, il risultato della prima giornata di votazione

Ieri, come era stato previsto, la prima votazione per l'elezione del Presidente della Repubblica si è chiusa senza un nulla di fatto: 672 schede bianche, i due terzi del plenum, che ieri era di 1008. Le schede nulle sono state 49, i voti dispersi 88. I Grandi elettori presenti e votanti sono stati 976. Si ricomincia oggi pomeriggio alle 15 con il secondo scrutinio.

A cura di Annalisa Cangemi
25 Gennaio
12:42

Quirinale, proclamata la deputata Sessa: Grandi elettori sono di nuovo 1009

Rossella Sessa è stata proclamata deputata. Ad annunciarlo nell'Aula della Camera il presidente di turno, Andrea Mandelli, riferendo l'esito della Giunta delle elezioni. Sessa, esponente di Forza Italia, prende il posto di Vincenzo Fasano, parlamentare sempre di FI scomparso domenica. Sessa, 48 anni, è stata la prima dei non eletti nella circoscrizione Campania 2. Salernitana. È considerata molto vicina al ministro per il Sud e la Coesione territoriale Mara Carfagna.

Il plenum dei grandi elettori per l'elezione del presidente della Repubblica, a partire dal prossimo scrutinio, torna quindi ad essere di 1.009

A cura di Annalisa Cangemi
25 Gennaio
12:31

Quirinale, centrosinistra vota scheda bianca anche al secondo scrutinio

Il MoVimento 5 Stelle, Pd e Leu – i cui leader torneranno a incontrarsi oggi alle 15 per fare il punto della situazione sulle trattative per il Quirinale – secondo quanto si apprende da fonti pentastellate sarebbero orientati per la scheda bianca anche nella seconda votazione per il Presidente della Repubblica, che inizierà oggi alle 15.

A cura di Annalisa Cangemi
25 Gennaio
12:18

Quirinale, continuano gli incontri: alle 15 si vedono Pd, M5s e Leu, nel pomeriggio vertice Cdx

Si terrà oggi alle 15 al gruppo Pd della Camera l'incontro delle delegazioni di Pd, M5s e Leu. Letta spera ancora in un possibile accordo con Salvini: "Lo spero, è necessario, senza un accordo il presidente non può essere eletto".

"Per questo dico, non fatelo – ha aggiunto – Non provate a dividere il Paese proponendo una candidatura divisiva. È importante trovare un uomo o una donna come Mattarella, molto inclusivo, capace di unificare il Paese. Questo è il nostro approccio", ha sottolineato il leader del Pd in un'intervista.

Dopo pranzo è previsto un vertice con la presidente di FdI Giorgia Meloni, il leader leghista Matteo Salvini e il coordinatore nazionale di Forza Italia, Antonio Tajani. Il centrodestra unito ha annunciato che presenterà la sua rosa di nomi in una conferenza stampa alle 16:00.

A cura di Annalisa Cangemi
25 Gennaio
12:01

Quirinale, centrodestra presenterà le sue candidature per il Colle alle 16:30

Il centrodestra sta ultimando la sua rosa di nomi, e intorno alle 16:30 (inizialmente era stato detto alle 14) terrà una conferenza per proporre i suoi nomi: Casellati, Pera e Nordio saranno sicuramente in rosa, probabilmente anche Letizia Moratti, mentre sicuramente non ci sarà Casini, che dunque continua ancora ad essere un possibile nome bipartisan. Sembra al momento escluso il nome di Franco Frattini, anche se ci sarà ovviamente una riunione, "speriamo in presenza", tra i leader della coalizione per stilare la lista definitiva dei candidati da offrire al confronto.

A cura di Annalisa Cangemi
25 Gennaio
11:58

A che ora inizia l'elezione del Presidente della Repubblica e dove seguirla in diretta

La seconda votazione per l’elezione del Presidente della Repubblica inizierà oggi alle 15, la durata dello scrutinio per le elezioni del presidente della Repubblica sarà di circa sei ore. Poi da domani, mercoledì 26 gennaio in poi, si voterà alle 11 ogni giorno. La deputata Maria Rosa Sessa sta per arrivare da Salerno a Roma per prendere parte, questo pomeriggio, alle votazioni del nuovo capo dello Stato, sostituendo. il deputato di Forza Italia, Enzo Fasano, morto domenica: il plenum dell'assemblea tornerà a quota 1009. La votazione sarà trasmessa in tv, in diretta su Rai1, Sky TG24, LA7 e Rete4, e anche in streaming sul canale YouTube della presidenza della Repubblica e della Camera, e sarà visibile sul live di Fanpage.it.

A cura di Annalisa Cangemi
25 Gennaio
11:27

Mattarella ritorna al Quirinale: ha finito il trasloco da Palermo a Roma

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella è partito questa mattina da Palermo per fare ritorno a Quirinale. Per tutta la giornata di ieri il Capo dello Stato è stato impegnato con il trasloco. Una ditta romana ha portato via mobili, quadri e materassi che saranno portati nel nuovo appartamento preso in affitto a Roma. Ad aiutarlo i due figli Laura e Bernardo. Il Capo dello Stato ha fatto capire in più di un'occasione di non essere disponibile per un bis, anche se nei giorni scorsi sia Latta sia molti parlamentari Cinque Stelle hanno ribadito che la soluzione migliore sarebbe un secondo mandato per Sergio Mattarella. Questo potrebbe essere l'unico schema che consentirebbe di andare avanti con questa legislatura, con Draghi a Palazzo Chigi, allontanando il rischio delle elezioni anticipate.

A cura di Annalisa Cangemi
25 Gennaio
11:20

Elezione Presidente della Repubblica, Letta: "Il mio ruolo è proteggere Draghi"

"Il mio ruolo è proteggere Mario Draghi ed è assolutamente importante averlo nelle istituzioni del Paese". Il segretario del Pd Enrico Letta lo ha ribadito in un'intervista alla Cnbc, ha aggiunto di ritenere il premier ed ex presidente della Bce "un asset straordinario".

A cura di Annalisa Cangemi
25 Gennaio
11:14

Come funziona l'elezione, il quorum e i numeri della seconda votazione

Per la seconda votazione del Presidente della Repubblica, così come è stato per la prima, è necessario il raggiungimento del quorum dei due terzi dei componenti dell’Assemblea, ovvero 673 voti, cioè la maggioranza qualificata. Ieri i Grandi elettori sono stati 1008, dopo la morte del senatore Vincenzo Fasano di Forza Italia, scomparso domenica. A partire da oggi si tornerà al plenum di 1009, con l'ingresso del primo dei non eletti, la deputata Maria Rosa Sessa detta Rossella. Dal quarto occorre invece la maggioranza assoluta, 505 voti.

A cura di Annalisa Cangemi
25 Gennaio
11:00

Quirinale, Lega smentisce trattativa Salvini-Draghi sul Colle

"Non è in corso alcuna trattativa tra il Senatore Matteo Salvini e il Presidente del Consiglio Mario Draghi a proposito di un presunto rimpasto". È questa la nota della Lega che smentisce le ricostruzioni uscite fino ad ora, dopo il colloquio del leader del Carroccio con il premier Draghi.

"È infondato e irrispettoso per il Senatore Salvini e per il Presidente Draghi immaginare che in questa fase – anziché discutere di temi reali come caro-energia, inflazione, scenari internazionali, opere pubbliche o Covid – siano impegnati a parlare di equilibri di governo. A proposito di Quirinale, il Senatore Salvini è al lavoro su alcuni nomi – donne e uomini – di altissimo profilo. Nessuna confusione né perdite di tempo: la Lega vuole essere garante di stabilità, responsabilità e concretezza".

A cura di Annalisa Cangemi
25 Gennaio
10:36

Quirinale, i nomi dei possibili candidati Presidente della Repubblica

Presidente della Repubblica 2022, i nomi dei possibili candidati all’elezione
Presidente della Repubblica 2022, i nomi dei possibili candidati all’elezione

Dopo la prima giornata di votazioni il favorito nelle trattative con i leader sembra essere ancora Mario Draghi. Il presidente del Consiglio da ieri è entrato nella partiti: ha avuto colloqui, sperati, con Salvini, Letta e Conte. Si è aperto anche un canale di dialogo tra il leader della Lega e quello del Pd, che cercheranno anche oggi di trovare insieme una possibile soluzione, che metta d'accordo tutti. Tra i principali nomi che circolano in queste ore si fa quello della diplomatica Elisabetta Belloni, nominata proprio da Draghi appena 8 mesi fa a capo del Dipartimento per le informazioni e la sicurezza (Dis). Uno schema possibile, per bloccare lo stallo, sarebbe quello di ‘spostare' Draghi al Colle, e far subentrare al suo posto proprio Belloni. Perché, è ormai chiaro, qualsiasi accordo per il Quirinale non può prescindere da un patto tra i leader anche sul nuovo governo. Secondo il M5s però la diplomatica sarebbe un ottimo nome anche per essere eletta Presidente della Repubblica. In queste ore prende piede anche la candidatura di Franco Frattini, l'ex ministro degli Esteri che potrebbe essere lanciato al Colle da Matteo Salvini, sostenuto dal centrodestra. Giorgia Meloni ieri a sorpresa ha proposto un altro nome, non politico: quello dell'ex magistrato Carlo Nordio. Più Europa e Azione hanno invece votato fin dal primo scrutinio per l'attuale ministra della Giustizia Marta Cartabia.

A cura di Annalisa Cangemi
25 Gennaio
10:15

Quirinale, le previsioni di Renzi: "Quello che ha l'asso nella manica è Matteo Salvini"

"Quello che ha l'asso in mano per chiudere questa partita si chiama Matteo Salvini, ha l'asso in mano e deve scegliere quando calarlo", parola del leader di Italia viva Matteo Renzi, intervenuto a Radio Leopolda. Secondo Renzi il segretario della Lega "Ha quattro ipotesi: insistere su un nome di centrodestra anche contro un pezzo del parlamento, sperando che passi. Cercare un grande accordo con tutti su un nome fuori dal giro; terza ipotesi accordo con Conte; infine un sistema di usato sicuro. Queste sono le olimpiadi della politica. Suggerisco di utilizzare nelle prossime 24, 36 ore di far prevalere la politica, se vanno alla ricerca di effetti speciali rischiano di far la fine di Bersani".

A cura di Annalisa Cangemi
25 Gennaio
10:08

Elezioni Presidente della Repubblica 2022, oggi la seconda votazione in diretta: orario e candidati

Oggi prevista la seconda giornata di votazioni per il Presidente della Repubblica per eleggere il successore di Sergio Mattarella. Si ricomincia oggi alle 15, quando inizierà la seduta della chiama per il secondo scrutinio. I leader politici sono ancora alla ricerca di un accordo per un candidato, che possa raccogliere il più largo consenso. Al termine dello spoglio nell'Aula di Montecitorio, le schede bianche sono state 672: 36 voti sono andati al magistrato Paolo Maddalena, mentre 16 al presidente uscente Sergio Mattarella. In tutto i presenti e i votanti sono stati 976 rispetto ai 1008 previsti. Il quorum necessario a eleggere il Presidente della Repubblica non è stato quindi raggiunto. Il nome su cui tutti i partiti stanno cercando di accordarsi è quello del presidente del Consiglio Mario Draghi, che potrebbe traslocare al Colle, ma solo nel caso in cui si trovi la quadra anche per il nuovo esecutivo. Proseguono gli incontri tra i partiti: ieri Salvini ha visto Draghi, e poi ha sentito i leader del Pd e del M5s Letta e Conte. Ma una soluzione sembra ancora lontana.

A cura di Annalisa Cangemi
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni