217 CONDIVISIONI
Elezione del Presidente della Repubblica 2022
25 Gennaio 2022
19:41

Quirinale, giorno due: nessuna intesa tra i partiti, ancora pioggia di schede bianche

Come il primo scrutinio, anche il secondo giorno di votazioni per l’elezione del presidente della Repubblica si è concluso con un nulla di fatto: i principali partiti hanno votato scheda bianca, mentre continuano a cercare un accordo.
A cura di Annalisa Girardi
217 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezione del Presidente della Repubblica 2022

Terminato anche il secondo giorno di votazioni per l'elezione del presidente della Repubblica. E come il primo scrutinio, anche il secondo si è concluso con un nulla di fatto: i principali partiti hanno votato scheda bianca, mentre continuano a cercare un accordo. Le schede bianche sono state, per la precisione, 527: i più votati sono stati, con 39 preferenze ciascuno, Paolo Maddalena e Sergio Mattarella.

Oggi il centrodestra ha messo sul tavolo una rosa di tre nomi per il Quirinale: Letizia Moratti, Marcello Pera e Carlo Nordio. Sia Enrico Letta che Giuseppe Conte si sono detti disponibili a valutare queste figure: "Sono nomi di qualità, sicuramente li valuteremo senza pregiudiziali", ha sottolineato il segretario del Partito democratico. "Non diamo patenti di legittimità alle forze politica, lo fanno i cittadini. Le forze di centrodestra hanno il diritto ed il dovere di presentare proposte. Le valuteremo ma la premessa è che nessuno può vantare un diritto di prelazione", ha precisato il presidente del Movimento Cinque Stelle.

Rimane sempre l'incognita di Mario Draghi al Quirinale. "Il mio ruolo è difendere Draghi? Non è difendere il destino dei singoli, ma l'interesse nazionale, l'interesse del Paese e dei cittadini il nostro percorso è molto lineare perché M5s parla ai cittadini in modo trasparente. Stiamo affrontando questo Paese con l'obiettivo di difendere l'interesse nazionale", ha proseguito Conte parlando con i giornalisti. Per poi aggiungere: "Un anno fa ci siamo predisposti a un perimetro di maggioranza non certo confortevole. Oggi secondo noi se abbiamo affidato a un timoniere questa nave in difficoltà non ci sono le condizioni perché si possano fermare i motori, cambiare equipaggio o chiedere al timoniere un altro incarico".

Anche Matteo Salvini, parlando con i giornalisti prima di entrare alla Camera, ha commentato: "Draghi è a Chigi e lavora bene a Chigi". E ancora: "Con Draghi non parlo di poltrone e ministeri, ma di vita reale. Se tutti vanno avanti con lo stesso spirito, si sceglie un nome e poi si torna a occuparsi di tutto il resto".

217 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni