0 CONDIVISIONI
Elezioni politiche 2022

I risultati del voto, verso il nuovo governo

0 CONDIVISIONI

I risultati definitivi delle elezioni politiche 2022, si comincia a lavorare per il nuovo governo a trazione Fratelli d'Italia dopo il trionfo alle urne e i flop di Lega e PD. Con 235 seggi alla Camera (su 400) e 112 al Senato (su 206), il centrodestra ha ottenuto la maggioranza assoluta in Parlamento; con molta probabilità il Presidente Mattarella affiderà a Giorgia Meloni l'incarico di formare un nuovo governo e scegliere i ministri. Intanto lo spread sale a 254 punti.

Meloni è già al lavoro sul programma di governo e sulla squadra di ministri: ieri non ha partecipato alla conferenza stampa della Lega, alla quale sono intervenuti diversi leader e rappresentanti del partito. "Totoministri? Prematuro parlarne", afferma Donzelli, mentre i retroscenisti parlano già di figure chiave per i dicasteri all'Economia, alla Difesa, alla Giustizia, agli Esteri e all'Interno. Ed è proprio al Viminale che ambisce Matteo Salvini, il quale dovrà probabilmente fare un passo indietro, soprattutto alla luce del flop della Lega alle elezioni. Anche Roberto Maroni si è aggiunto alle voci interne al partito che criticano il leader, iniziate già ieri con le dichiarazioni di Luca Zaia. Bossi esce dal Parlamento dopo 35 anni.

Dall'altro lato ci sono gli sconfitti, anzitutto il PD: Enrico Letta ha annunciato che non si ricandiderà alla segreteria del partito, incolpando il Movimento 5 Stelle e Giuseppe Conte della sconfitta elettorale e dell'ascesa di Giorgia Meloni dopo la crisi di governo. Il leader M5S: "Letta non cerchi un capro espiatorio".

I risultati definitivi e gli eletti in Parlamento

Lo speciale elezioni di Fanpage.it:

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche 2022
28 Settembre
15:59

Bonelli (Verdi): "Se Calenda va con la destra su nucleare saremo feroci avversari"

"Noi non abbiamo mai avuto una pregiudiziale sul nome di una forza politica o di una persona, l'unica pregiudiziale è sui programmi, punto". Esordisce così il deputato e co-portavoce nazionale di Europa Verde Angelo Bonelli alla domanda se veda o meno la possibilità di aprirsi a un'alleanza con il Terzo Polo di Calenda e Renzi. "Certo è – ha aggiunto – che se Calenda dovesse andare, come ha promesso, in Parlamento e fare un'intesa con Salvini e Berlusconi per riportare il nucleare, noi saremo feroci avversari di Calenda, senza se e senza ma". "Questo – ha ribadito – lo diciamo molto chiaramente. Se Calenda pensa di andare nel Parlamento italiano e di fare alleanza con la destra per riportare il nucleare in questo Paese, sappia che a quel punto lui deciderà qual è la sua collocazione e non penso che nemmeno i suoi elettori ed elettrici ne sarebbero contenti". "Se invece – ha proseguito – si tratta di costruire un'alleanza che metta al centro il tema della crisi climatica, della giustizia sociale e fare quello che molti paesi stanno già facendo, investire sulle rinnovabili e sul risparmio energetico, noi siamo pronti a parlare su tempi e modalità. Ma quella è l'unica strada possibile". Poco prima il leader dei Verdi aveva sottolineato: "Constato che una figura storica della democrazia e della politica italiana come Emma Bonino è fuori dal Parlamento perché Calenda si è candidato nel collegio dove c'era Emma Bonino. Questo dà la misura proprio di una sorta di accanimento che c'è da parte di Calenda, che io vorrei invitare a maggiore serenità e a capire che il Paese ha bisogno di responsabilità, consapevolezza e unità".

A cura di Tommaso Coluzzi
28 Settembre
15:47

Telefonata con Berlusconi durante l'incontro Salvini-Meloni

Nel corso dell'incontro tra Giorgia Meloni e Matteo Salvini, a quanto si apprende, non è escluso che possa esserci una telefonata con il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi. Meloni e Salvini si vedranno a Roma mentre l'ex premier si trova nella sua residenza ad Arcore.

A cura di Tommaso Coluzzi
28 Settembre
15:44

La Lega dice che dal web i cittadini chiedono Salvini di nuovo al Viminale

"Solo con te l'Italia ha difeso i confini". "Matteo, torna siamo invasi", "Matteo, metticela tutta e torna a fare il ministro dell'Interno". "Presto, qui non se ne possiamo più". Sono solo alcuni dei tantissimi messaggi, tutti dello stesso tono, che i militanti leghisti stanno inviando in queste ore, sui social della Lega, per chiedere che il segretario federale torni a essere il titolare del Viminale. Lo fanno notare diversi parlamentari della Lega.

A cura di Tommaso Coluzzi
28 Settembre
15:33

Quale potrebbe essere la squadra di governo di Giorgia Meloni

Continuano a circolare ipotesi sulla formazione di un governo guidato da Giorgia Meloni, dopo la vittoria del centrodestra alle elezioni. Vediamo tutti i nomi del totoministri.

A cura di Tommaso Coluzzi
28 Settembre
15:11

Matteo Salvini e Giorgia Meloni si stanno incontrando alla Camera

Il segretario della Lega, Matteo Salvini è entrato negli uffici del gruppo di Fratelli d'Italia alla Camera per incontrare Giorgia Meloni. Salvini è entrato senza fare alcuna dichiarazione ai giornalisti.

A cura di Tommaso Coluzzi
28 Settembre
15:00

Gasparri: "Subito un governo al lavoro per dare risposte ai cittadini"

"Già in queste ore sto onorando il nuovo mandato parlamentare per un avvio operoso della legislatura. Sto incontrando associazioni di categoria, sindacati, rappresentanti del mondo dell'agricoltura, della sicurezza, del commercio e dell'impresa per mettere a punto le prime proposte di legge che insieme ad altri colleghi di Forza Italia proporremo all'avvio della legislatura. Dobbiamo essere presenti con concretezza. Del resto l'esperienza parlamentare acquisita e la possibilità di continuare a svolgere il mio ruolo nell'aula di Palazzo Madama, mi impongono il dovere di dare ascolto a tutti coloro che ci hanno dato consenso, a quanti hanno risposto agli appelli di Silvio Berlusconi, sempre attento ai contenuti e ai programmi. Una presenza concreta, quella che dobbiamo rappresentare, ancor di più in questa legislatura, per dare risposte alle categorie e ai territori. L'esperienza e la solidità sono caratteristiche che devono essere a disposizione dell'attività parlamentare, del nostro movimento e di tutto il centrodestra che torna finalmente alla guida dell'Italia". Lo dichiara il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri.

A cura di Tommaso Coluzzi
28 Settembre
14:40

Oggi si incontreranno Matteo Salvini e Giorgia Meloni

In giornata si terrà un faccia a faccia tra la leader di FdI, Giorgia Meloni e il segretario federale della Lega, Matteo Salvini. Lo si apprende da fonti parlamentari.

A cura di Tommaso Coluzzi
28 Settembre
11:34

Governo, il punto sui nuovi ministri: tutti i nomi che circolano in queste ore

In questi giorni, i contatti tra i leader del centrodestra sono continui. Potrebbe volerci ancora quasi un mese prima della presentazione di un governo di centrodestra: le Camere si riuniranno per la prima volta in 13 ottobre per eleggere i presidenti di Camera e Senato. Intanto, però, i nomi dei futuri ministri vanno concordati.

Un'ipotesi che starebbe prendendo piede, nel centrodestra, sarebbe quella di nominare due vicepresidenti del Consiglio. Si tratterebbe, nel caso, di Antonio Tajani, coordinatore nazionale di Forza Italia, e Matteo Salvini, segretario della Lega. Questo renderebbe ancora più compatta la coalizione e darebbe spazio a entrambi i leader. Per Salvini sarebbe il secondo incarico da vicepremier, dopo quello svolto (insieme a Luigi Di Maio) nel primo governo Conte.

A cura di Luca Pons
28 Settembre
11:25

Consiglio dei ministri sulla Nadef anticipato a oggi pomeriggio

Il Consiglio dei ministri chiamato a varare la Nadef – Nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza, un documento con cui il governo aggiorna le previsioni economiche e finanziarie sul Paese e i suoi obiettivi economici – era atteso per domani, ma è stato anticipato al pomeriggio di oggi, alle 16. I ministri sono stati preallertati ed è in corso, da pochi minuti, la riunione preparatoria del Cdm.

A cura di Luca Pons
28 Settembre
10:48

Pnrr, approvata la seconda tranche: 21 miliardi in arrivo. Fratelli d'Italia pensa alle modifiche

Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha confermato che la seconda tranche di pagamenti del Recovery fund per l'Italia è a un passo dall'approvazione. "Una volta che anche i Paesi dell'Unione approvano, l'Italia riceverà 21 miliardi di euro", ha twittato von der Leyen. "Questo è il risultato di buoni progressi con il Pnrr: riforme e investimenti nel 5G, educazione, innovazione e fonti rinnovabili come l'idrogeno green".

Gentiloni parla al prossimo governo, Lollobrigida (FdI): "Valuteremo le modifiche al Pnrr"

“La giornata di oggi segna un altro passo importante nell'attuazione del Pnrr italiano…Next Generation EU  è lo strumento comune più potente che abbiamo a nostra disposizione. Per l'Italia rappresenta un'opportunità unica per costruire un'economia più competitiva e sostenibile e una società più giusta”. Lo afferma il commissario europeo per l'Economia, Paolo Gentiloni. "Esorto il prossimo governo italiano a fare in modo che questa opportunità venga colta. L'adempimento dei numerosi impegni rimanenti contenuti Pnrr è fondamentale per realizzare il cambiamento strutturale necessario per spostare l'economia italiana su un percorso di crescita forte e durevole".

In un’intervista a La Stampa, Francesco Lollobrigida, capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, dichiara: "Il Pnrr nasce da una crisi economica post-pandemica, con un preciso disegno, mutato con la crisi russo-ucraina. Guardare alle nuove criticità emerse, le politiche agroalimentari ed energetiche, vuol dire valutare insieme alla Commissione Ue quali possono essere le modifiche per spendere bene le risorse".

A cura di Luca Pons
28 Settembre
10:30

Castelli (Lega): "Salvini incoerente, non è più credibile"

Roberto Castelli, storico dirigente della Lega, dice in un'intervista a La Stampa che Matteo Salvini "paga la sua incoerenza, non è più credibile". L'attuale leader del partito, che è stato riconfermato ieri dal congresso federale della Lega, "ha ribaltato e smantellato il partito, ma gli è andata male. Ha trasformato un partito autonomista e federalista in un partito nazionale per arrivare a palazzo Chigi. Con queste elezioni il tentativo è archiviato. Il nome Lega-Salvini premier è ormai demodé Si è rivelato un leader usa e getta". Per il futuro, i governatori come "Fedriga, Fontana e Zaia" sono "il nostro patrimonio".

A cura di Luca Pons
28 Settembre
10:23

Calenda: "Governo dura massimo 6 mesi, elettori hanno votato come al televoto"

"La destra non sarà capace di governare. Secondo me dura 4, massimo 6 mesi". Lo afferma Carlo Calenda, leader di Azione, in un'intervista al quotidiano La Stampa. "È una coalizione litigiosa, con una classe dirigente inesperta e incompetente. Se finiamo male, gli elettori non potranno dire ‘io non c'ero': hanno votato come se fossero a una kermesse teatrale o al televoto. Bisogna essere consapevoli delle proprie scelte". L'obiettivo per il Terzo polo ora è allargarsi, raccogliere "tutti gli elettori che presto scapperanno da Forza Italia e dalla Lega, dal Pd e da +Europa".

A cura di Luca Pons
28 Settembre
10:12

Cuperlo: "Se il Pd non viene rifondato, non cambierà niente"

"Serve l'annuncio di una vera e propria rifondazione, altrimenti tutto è destinato a rimanere così com'è". Sono parole di Gianni Cuperlo, membro della Direzione nazionale del Partito democratico, in una intervista al giornale Riformista. "La linea di Letta è stata condivisa da tutti i vertici del Pd. Nessuno di noi può alzarsi e dire ‘Io non c'ero'", afferma Cuperlo.

A cura di Luca Pons
28 Settembre
10:06

Meloni a Zelensky: "Contate sul nostro supporto leale alla causa ucraina"

"Caro Zelensky, sai che puoi contare sul nostro leale supporto per la causa della liberazione del popolo ucraino". Così ha twittato Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, in risposta al presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che ieri aveva fatto i complimenti a Meloni per la vittoria alle elezioni e detto di contare su una "proficua collaborazione".

A cura di Luca Pons
27 Settembre
17:02

Salvini: "Umberto Bossi deve essere nominato senatore a vita"

Umberto Bossi, che non è stato rieletto in Parlamento, dovrebbe essere nominato senatore a vita secondo il segretario della Lega Matteo Salvini. "Bossi senatore a vita? Sarebbe il giusto riconoscimento dopo trentacinque anni al servizio della Lega e del Paese. Porterò avanti personalmente – ha assicurato – , sicuramente con l'appoggio non solo della Lega ma di tantissimi italiani, questa proposta".

A cura di Annalisa Cangemi
27 Settembre
16:47

Totoministri, chi sono i nomi scelti da Meloni per il nuovo governo

In queste ore sta circolando una lista dei possibili ministri che faranno parte del nuovo governo Meloni. Ecco tutti i nomi papabili.

A cura di Annalisa Cangemi
27 Settembre
14:00

Cosa c'è nel programma di Giorgia Meloni su cambiamento climatico e transizione energetica

Se nel programma di Fratelli d’Italia compaiono cenni alla questione climatica, basta dare un’occhiata al resto dei punti per rendersi conto che il progetto politico di Giorgia Meloni è dichiaratamente fossilista. È inutile girarci intorno: il 26 settembre l’Italia si è svegliata nell’ennesima legislatura consacrata alla rassicurazione delle strutture di potere esistenti. Mentre ci sarebbe bisogno di una politica anti-fossilista.

A cura di Redazione
27 Settembre
13:30

+Europa chiede riconteggio voti, Bonino: "Atto dovuto"

Per Emma Bonino si tratta di un atto “dovuto e necessario”: + Europa, che si è fermato al 2,95%, chiede il riconteggio delle schede.

A cura di Redazione
27 Settembre
12:30

Crollo Lega alle elezioni, Fontana: "Riflettere con Salvini su quanto accaduto"

Attilio Fontana ha pubblicato un lungo messaggio su Facebook per commentare i risultati delle elezioni tenutesi ieri che hanno visto trionfare il centrodestra. Dice di aver già incontrato Matteo Salvini e i governatori leghisti "condividendo l’obiettivo di coinvolgere ulteriormente i sindaci, i nostri amministratori locali e ciascun militante in questo percorso".

A cura di Redazione
27 Settembre
12:30

I nomi degli eletti alla Camera e al Senato nei collegi uninominali

Tutti i candidati eletti alla Camera e al Senato nei collegi uninominali, tra big e grandi esclusi. Il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi torna al Senato (ottiene il seggio Lombardia U06, a Monza), Luigi Di Maio è invece fuori dalla Camera, battuto dall'ex compagno di partito ed ex ministro dell'Ambiente M5S Sergio Costa nel collegio uninominale di Napoli-Fuorigrotta.

Entrano invece per la prima volta Ilaria Cucchi, Claudio Lotito, Rita Dalla Chiesa e Andrea Crisanti al debutto in Parlamento. Fuori invece l'ex senatrice Emma Bonino, battuta insieme a Carlo Calenda nel collegio uninominale di Roma centro dall'esponente di FdI Lavinia Mennuni. Fuori dal Parlamento anche tutti gli altri esponenti di Impegno civico di Di Maio, a livello nazionale fermo sotto l'1%: salutano il Parlamento Vincenzo Spadafora, Lucia Azzolina e Manlio Di Stefano. Unica eccezione è rappresentata da Bruno Tabacci, sottosegretario uscente alla Presidenza del Consiglio, eletto nel collegio uninominale della Camera Lombardia 1 (Milano). Vediamo chi sono tutti gli eletti alla Camera e al Senato nei collegi uninominali.

A cura di Redazione
27 Settembre
12:21

Chi sono gli eletti nei collegi plurinominali

Ora che il risultato delle elezioni politiche è consolidato, sono disponibili gli elenchi di tutti gli eletti. A questo link tutti gli eletti per partito nei collegi uninominali.

A cura di Annalisa Girardi
27 Settembre
12:02

Cosa può cambiare per il reddito di cittadinanza con Meloni al Governo

Durante la conferenza stampa indetta ieri da Fratelli d'Italia per commentare il sorprendente risultato elettorale, si è parlato anche di reddito di cittadinanza. Il capogruppo di FdI alla Camera Francesco Lollobrigida ha dichiarato che "Il reddito di cittadinanza ha fallito miseramente e va cancellato sotto questo aspetto, ma questo non significa lasciare i deboli senza sostegno". Ma cosa prevede il programma del centrodestra in relazione a questa misura?

Secondo Matteo Salvini chi rifiuta un'offerta di lavoro non dovrebbe aver diritto al reddito. Il sussidio, dice il leader della Lega, va invece sempre riconosciuto a chi non può lavorare. Anche per Giorgia Meloni il reddito va dato a chi non può lavorare, disabili e famiglie senza reddito con minori a carico. La sua strategia però tocca anche le politiche attive per il lavoro: secondo la leader di Fratelli d'Italia i soldi stanziati vanno dati direttamente alle imprese, in modo che queste possano assumere. Quanto a Forza Italia, Silvio Berlusconi ha negato di volerlo abolire: anzi, ha detto di volerlo rafforzare per tutte le persone in povertà. Ma ha anche detto che bisogna distinguere chi ne ha veramente bisogno da chi può lavorare e in particolare sui giovani ha detto che a questi bisogna offrire un futuro e non un sussidio.

A cura di Redazione
27 Settembre
11:40

Cosa cambia con Meloni al Governo: il programma di Fratelli d'Italia

Giorgia Meloni sarà con ogni probabilità la prossima presidente del Consiglio, dopo la netta vittoria alle elezioni politiche. I seggi e i programmi dei partiti della sua coalizione, oltre che il contesto internazionale, dicono molto su come sarà il suo governo nelle prime settimane.

A cura di Redazione
27 Settembre
11:00

Renato Schifani ha vinto le elezioni regionali in Sicilia

Renato Schifani, candidato del centrodestra, ha vinto le elezioni regionali in Sicilia. "È una vittoria di tutto il centrodestra", ha assicurato.

A cura di Annalisa Girardi
27 Settembre
10:42

Berlusconi: "Nuovo governo? Noi sosterremo Meloni nelle consultazioni"

Ora chi andrà a Palazzo Chigi "lo deciderà il capo dello Stato". Ma se Fratelli d'Italia darà come indicazione il nome di Giorgia Meloni "noi lealmente la sosterremo nelle consultazioni con il presidente della Repubblica". Lo dice Silvio Berlusconi. Forza Italia nel governo "avrà il peso di una forza politica numericamente e politicamente decisiva" ribadisce. La collocazione internazionale del Paese, "per noi è una questione di fondamentale importanza". Giorgia Meloni "è stata a trent'anni ministro in un mio governo e ha lavorato molto bene. Sono sicuro che avremo con lei un'ottima collaborazione".

A cura di Annalisa Girardi
27 Settembre
10:34

Rauti (FdI): "Berlusconi regista del governo? Non so cosa intenda"

"Questa coalizione è un'alleanza di programma e di governo nella quale crediamo, un'alleanza trainata da Fratelli d'Italia. Non so cosa si intenda Berlusconi per regista e regia, so che la comprensione del governo comprenda che ci sia un presidente che viene espresso dal partito che ha preso più voti, che è Fratelli d'Italia". Lo ha detto a Non Stop News su Rtl, Isabella Rauti (FdI) commentando le parole del leader di Fi che in un video rivendicava per sé la regia del futuro governo.

A cura di Annalisa Girardi
27 Settembre
10:18

Boccia (Pd): "Complimenti a Giorgia Meloni e buon lavoro quando inizierà percorso governo"

"Complimenti per la vittoria e buon lavoro a Giorgia Meloni per quando inizierà il suo percorso al governo del Paese. Il Partito Democratico farà un'opposizione seria e saremo vigili affinché sull'aggancio all'Europa e sui diritti non ci siano passi indietro". Così Francesco Boccia, responsabile Regioni e Enti locali della Segreteria nazionale PD, in diretta a Rtl 102.5.

A cura di Annalisa Girardi
27 Settembre
10:09

Berlusconi dice che non c'è il rischio di derive populiste al governo

"Se pensassi davvero che esistesse il rischio di derive populiste, il governo non partirebbe neppure, anzi non saremmo nemmeno alleati con gli altri due partiti della nostra coalizione". Lo dichiara Silvio Berlusconi al Corriere della Sera rispondendo alla domanda se Forza Italia abbia una golden share sul rischio populismo?. "In teoria, certo l'abbiamo ma sono sicuro che non la dovremo mai usare. La maggioranza di centrodestra avrà i migliori rapporti con tutti,  ma i nostri riferimenti sono l'Ue e l'Alleanza Atlantica", ha detto.

A cura di Annalisa Girardi
27 Settembre
10:05

Tajani: "Governo? Rapporti di forza contano, ma dobbiamo guardare a qualità del contributo"

Nella maggioranza di centrodestra in vista del governo "i rapporti di forza contano, ma noi dobbiamo guardare alla qualità e non al manuale Cencelli, vogliamo essere parte del governo soprattutto per il contributo di qualità che possiamo dare". Lo ha detto, intervistato a Mattino Cinque su Canale 5, il coordinatore nazionale di Forza Italia Antonio Tajani.

A cura di Annalisa Girardi
27 Settembre
07:33

Cosa sarebbe successo se il M5s si fosse candidato con il Pd: l'analisi dell'istituto Piepoli

Secondo l'istituto Piepoli è molto difficile che l'exploit del M5s si sarebbe verificato, senza accantonare l'alleanza con il Pd: "È evidente che sommando semplicemente la quota che ha avuto il centrosinistra, alla quota che ha avuto il M5s, alla quota del campo largo, quindi mettendoci dentro anche il cosiddetto Terzo Polo, si arriva a un totale che nettamente è più alto della coalizione di centrodestra. Però va anche detto che noi abbiamo registrato la crescita del M5s. Ricordiamo che ad agosto stava a cavallo del 10%, non era neanche sicuro di arrivare alle doppia cifra. Da quel momento abbiamo registrato una crescita molto importante del Movimento, che poi è arrivato al 15,5, che è il dato di adesso. Perché è successo? È stata anche una conseguenza della fine dell'alleanza del Pd, e anche del superamento del profilo un po' più istituzionale governista, che gli aveva fatto perdere molti consensi", ha detto a Fanpage.it il vicepresidente dell'istituto Piepoli, Livio Gigliuto.

A cura di Annalisa Cangemi
0 CONDIVISIONI
790 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni