477 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 15 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 7 minuti fa
Opinioni
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
26 Settembre 2022
18:58

Le pagelle dei leader politici dopo le elezioni del 25 settembre: chi ha vinto e chi ha perso

Meloni, Letta, Salvini, Berlusconi, Conte, Calenda. Chi ha vinto e chi ha perso le elezioni politiche? È il momento di dare i voti. Ecco le pagelle dei leader.
A cura di Tommaso Coluzzi
477 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Chi ha vinto e chi ha perso queste elezioni politiche? È il momento di dare i voti, è il momento del pagellone. Risultati alla mano sono intervenuti uno dopo l'altro tutti i leader politici, chi parlando di una sconfitta e chi di una vittoria. Passando da chi, alla fine, non ha né perso né vinto in fondo: magari perché ha contenuto i danni, o perché ha avuto un risultato maggiore alle aspettativa ma comunque non in linea con i fasti del passato. Vediamo tutti i voti dei principali leader politici.

Giorgia Meloni, l'unica vera vincitrice

Giorgia Meloni è l'unica vera vincitrice delle elezioni. Voto 9. La leader di Fratelli d’Italia si è presa la guida del centrodestra e del Paese. Ha consolidato il vantaggio che aveva acquisito all’opposizione e ha trionfato cannibalizzando il resto della coalizione, soprattutto la Lega.

Giuseppe Conte e la rimonta (parziale)

Il secondo vincitore indubbio è Giuseppe Conte, voto 7 e mezzo. Il Movimento 5 Stelle ha perso circa sei milioni di voti rispetto al 2018, questo è vero. Ma in un certo senso ha anche vinto, recuperando molti punti in campagna elettorale e sottraendoli proprio al Partito Democratico. E ha battuto anche Di Maio nell'uninominale di Napoli Fuorigrotta, lasciando il grande ex fuori dal Parlamento.

Enrico Letta, lo sconfitto annunciato

Il primo grande sconfitto è ovviamente Enrico Letta, che si becca un bel 3. La campagna noi o loro, rosso o nero, è fallita su tutti i fronti. I cittadini non hanno percepito il pericolo per la democrazia di cui ha parlato il segretario dem per tutta la campagna e soprattutto e non hanno capito i temi del Pd. Ora si farà da parte, come ha già annunciato, per far posto a un nuovo segretario. Ovviamente, verrebbe da dire.

Matteo Salvini, il crollo del capitano

È andata malissimo anche a Matteo Salvini, che non va oltre il 4. Ha esultato subito con un tweet di ringraziamento un quarto d'ora dopo la chiusura dei seggi, ma perché? È vero che il centrodestra ha vinto e andrà al governo, ma la Lega è crollata sotto i nove punti. E ora anche nel Carroccio si aprirà inevitabilmente un momento di grande riflessione, con una finestra aperta sul futuro di Salvini: incredibilmente il segretario della Lega potrebbe rischiare il posto.

Silvio Berlusconi, la solita garanzia

Silvio Berlusconi, voto 6 e mezzo. Torna in campo, spopola su Tiktok, è il solito pozzo di aneddoti e battute da boomerone. Ma alla fine il suo lo fa: Forza Italia è sopra gli otto punti e supera quasi la Lega.

Carlo Calenda, l'ombra di Draghi

Carlo Calenda voto 6. Il Terzo polo nell’obiettivo di far rimanere Draghi a Palazzo Chigi ha fallito clamorosamente, ma alla fine ci credevano solo loro. In due mesi, però, l'alleanza tra Azione e Italia Viva è riuscita a consolidarsi poco sotto gli otto punti, il che è indubbiamente un buon risultato. E hanno anche rubato voti al Pd…

La politica e il suo più grande fallimento

In generale, però, la politica si becca l’ennesimo quattro. Come la seconda cifra di 64%. Vi dice niente? È la percentuale di italiani che sono andati a votare. Un elettore su tre è rimasto a casa. È l’ennesimo record negativo. Ed è il dato più inquietante.

477 CONDIVISIONI
Giornalista, mi occupo di politica su Fanpage.it. Appassionato di temi noiosi, come le storie e i diritti degli ultimi: dai migranti ai giovani lavoratori sfruttati. Ho scritto "Il sound della frontiera", un libro sull'immaginario americano e la musica folk.
Le quattro bombe economiche che agitano il sonno di Giorgia Meloni e del suo governo
Le quattro bombe economiche che agitano il sonno di Giorgia Meloni e del suo governo
Al governo Meloni non gliene frega nulla del cambiamento climatico, e questo sarà un grosso problema
Al governo Meloni non gliene frega nulla del cambiamento climatico, e questo sarà un grosso problema
Se la sinistra facesse la sinistra, non si stupirebbe della destra che fa la destra
Se la sinistra facesse la sinistra, non si stupirebbe della destra che fa la destra
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni