29 Dicembre 2021
12:20

“Le mie candele non profumano”: piovono recensioni negative, ma forse gli utenti hanno il Covid

È il secondo anno che insieme all’aumento dei contagi compaiono lamentele su Amazon. Gli studiosi però frenano: la correlazione non indica un legame causa-effetto.
A cura di Lorenzo Longhitano

Era già successo nel 2020, e ora sta accadendo di nuovo: su Amazon stanno aumentando in modo sensibile le recensioni negative legate alle candele profumate del gruppo Yankee Candle. Oggi come un anno fa, i prodotti vengono accusati di non rilasciare alcun aroma, alimentando le ipotesi che chi lascia le recensioni negative possa essere in realtà affetto da Covid-19 ed essere dunque impossibilitato a percepirne gli odori.

Grafici sovrapponibili

Alcuni studiosi sono rimasti talmente colpiti dalla tesi da aver voluto approfondire la questione a livello amatoriale, comparando i dati sull'andamento dei contagi con uno storico delle recensioni negative accumulate dalle candele Yankee Candle su Amazon. Il risultato, pubblicato su Twitter nelle scorse settimane, ha iniziato a far discutere: i grafici degli ultimi 2 anni si sono rifelati effettivamente sovrapponibili, pur se con un certo margine di errore. In poche parole: finora i casi di Covid-19 sono aumentati nello stesso periodo in cui aumentavano anche le recensioni negative delle Yankee Candle.

Conclusioni affrettate

Online si sono presto moltiplicati i tweet di chi si è convinto che le recensioni negative delle candele possano rivelarsi una spia della diffusione di Covid-19, e il filo logico che si cela dietro al ragionamento è facile da seguire. Da una parte tra i sintomi del coronavirus c'è l'anosmia, o compromissione dell'olfatto; dall'altra il punto forte delle candele in questione è proprio l'aroma, e chi non lo sente è ovviamente portato a dare una recensione negativa al prodotto. La conclusione è che sta traendo chi mette insieme queste informazioni è che gli utenti che stanno lasciando queste recensioni potrebbero in realtà aver bisogno di un tampone per capire se per caso non abbia sviluppato la malattia senza rendersene conto.

Correlazione o causalità

La realtà però – stanno facendo notare gli stessi studiosi che hanno messo insieme i dati – è più complessa, anche perché non esiste correlazione che nasconda per forza di cose anche un legame di causa-effetto. Durante il periodo natalizio ad esempio le vendite di queste candele aumentano sempre, e con esse aumenta anche il numero di chi inevitabilmente ne giudicherà l'aroma troppo blando; i dati analizzati negli ultimi giorni tengono conto anche di questa variazione periodica, ma potrebbero esserci altri insondabili motivi per cui l'andamento dei casi di Covid e quello delle recensioni negative delle candele profumate stanno andando a braccetto.

Non aver individuato questi potenziali motivi non significa necessariamente che l'unica ragione trovata per spiegare il fenomeno sia quella corretta. Una cosa però è certa: per sicurezza, chiunque stia per lamentarsi online che le candele profumate appena acquistate non hanno odore, farebbe meglio a prenotare anche un tampone.

Su Amazon il libro del presidente cinese non può avere recensioni negative: è polemica
Su Amazon il libro del presidente cinese non può avere recensioni negative: è polemica
TikTok vuole smettere di bombardare chi ha problemi alimentari con video pericolosi
TikTok vuole smettere di bombardare chi ha problemi alimentari con video pericolosi
Perché l'Antitrust ha multato per 11 milioni di euro Mediaworld, Unieuro e Leroy Merlin
Perché l'Antitrust ha multato per 11 milioni di euro Mediaworld, Unieuro e Leroy Merlin
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni