301 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Royals

La nuova teoria del complotto su Kate Middleton: “Il video dove rivela di avere il cancro è fake”

L’intelligenza artificiale sta alimentando la disinformazione. Secondo le ultime teorie del complotto sarebbe stata usata per creare il video in cui la principessa del Galles annuncia di avere un tumore. Ovviamente non c’è nessuna traccia del suo utilizzo.
A cura di Elisabetta Rosso
301 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

I teorici della cospirazione sono caduti in una nuova tana del coniglio. Da mesi vanno avanti assurde teorie su Kate Middleton, teorie che sembravano essere state sedate dal video messaggio della principessa dove rivela di avere un cancro. E invece no. Dopo un'effimera empatia, i complottisti sono ripartiti proprio da quel video per costruire nuove ipotesi e cospirazioni. "È falso l'ha generato con l'intelligenza artificiale", scrive un utente su X (fu Twitter).

"Non so più cosa credere, i fiori non si muovono, nemmeno l'erba, e i suoi capelli si spostano in modo strano, ci sono tutti i segni della manipolazione", aggiunge un altro. La base è questa: il video è un deepfake. La teoria è stata smentita da BBC studio, che ha confermato di aver filmato il video messaggio di Catherine la scorsa settimana al Castello di Windsor. Non solo, anche gli esperti di deepfake hanno esaminato il video e non hanno trovato nessun segno di manipolazione. 

"Tutti questi analisti forensi da poltrona là fuori affermano di aver trovato prove dell'intelligenza artificiale, è una spettacolare combinazione di ignoranza e arroganza", ha spiegato al Washington Post Hany Farid, professore all'Università della California a Berkeley, specializzato nell'analisi delle immagini digitali. Le continue congetture sul caso Kate dimostrano come l'intelligenza artificiale stia alimentando non solo la disinformazione, ma anche l'isteria del complotto. Da un lato diventa un strumento per alimentare teorie assurde, dall'altro rischia di spingere nel baratro dei miscredenti anche chi, finora, è rimasto immune.

Come l'IA alimenta le teorie del complotto

È sempre più difficile distinguere il falso dal reale. L'intelligenza artificiale sta creando una verità sintetica che confonde e alimenta la cultura della cospirazione. Se già prima i complottisti selezionavano dati e informazioni per deformare la realtà, con la nuova tecnologia qualsiasi cosa rischia di finire sulla gogna del sospetto. Come ha spigato Farid "l'IA proietta un’ombra piuttosto grande", e tutto quello che viene pubblicato online diventa "immediatamente sospetto".

Il caso di Kate conferma questa deriva, alimentata da mesi di speculazioni. A gennaio, infatti, Kensington Palace aveva comunicato che Catherine aveva superato un intervento chirurgico addominale. Poi, a inizio marzo, il palazzo ha pubblicato una foto della principessa insieme ai suoi tre figli piccoli. L'immagine però è stata modificata, a tradire la manipolazione erano stati alcuni dettagli fuori posto che avevano insospettito gli utenti. L'incidente ha alimentato nuove domande, regalando un terreno fertile alle teorie del complotto sul caso.

Il video messaggio di Kate

Il mistero delle foto modificate e dell'assenza pubblica di Kate sembrava essersi risolto con il video messaggio dove ha comunicato ufficialmente la sua malattia. I cospirazionisti si sono scusati empatizzando con il dolore della principessa. Poi sono emersi nuovi dubbi, nuove teorie e nuove prove.

"Qualcuno può spiegare come mai non si muoveva nulla sullo sfondo? né i fiori, né l'erba?" ha chiesto un utente su X. Tutti battono su questo tema, c'è anche chi dissotterra le teorie no-vax cercando qualche forma di correlazione (di nessun valore scientifico) tra i vaccini e il cancro di Kate. Gli hashtag relativi al complotto e alla malattia di Kate sono diventati virali sui social. Diversi utenti hanno iniziato a usarli per promuovere post non correlati su argomenti che ricevono meno attenzione, comprese le violazioni dei diritti umani in India e in Medio Oriente.

301 CONDIVISIONI
560 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views