276 CONDIVISIONI
Covid 19
10 Gennaio 2022
13:06

Fare continui richiami del vaccino anti Covid ci farà uscire dalla pandemia?

Dopo la terza dose di vaccino anti Covid, fondamentale contro Omicron, in molti si chiedono se ci saranno altri richiami. Ecco cosa dicono gli scienziati.
A cura di Andrea Centini
276 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Nei giorni scorsi Israele è stato il primo Paese al mondo ad aver approvato la quarta dose di vaccino anti Covid per contrastare l'ondata di variante Omicron (B.1.1.529), la cui contagiosità è stimata in oltre cinque volte quello della Delta (che ha soppiantato). Il secondo richiamo (o booster) al momento è stato autorizzato solo a specifiche categorie della popolazione: gli operatori sanitari, più esposti al rischio di contrarre l'infezione da coronavirus SARS-CoV-2, i pazienti fragili con comorbilità e gli over 60, che hanno un rischio superiore di contrarre la forma grave della COVID-19. Non vi è certezza che la quarta dose venga proposta a tutti e nemmeno che le altre nazioni seguiranno la strada tracciata dal Paese mediorientale; del resto, se per il primo richiamo (la terza dose) ci sono evidenze scientifiche sull'efficacia e della sua fondamentale importanza nella lotta alla pandemia, sulla quarta c'è scetticismo anche da parte degli esperti. Vaccinare le persone ogni tot mesi per correre dietro al virus e sconfiggerlo è infatti considerato da molti inutile, impraticabile e potenzialmente controproducente. Soprattutto se si continuano a utilizzare vaccini non aggiornati e progettati sul ceppo originale di Wuhan.

“Non è raro somministrare vaccini periodicamente, ma penso che ci siano modi migliori rispetto a fare i richiami ogni sei mesi”, ha dichiarato al New York Times la professoressa Akiko Iwasaki, immunologa di fama internazionale che lavora presso l'Università di Yale. Secondo la scienziata, infatti, è possibile seguire altre strategie invece che abbracciare questa situazione di “forever boosting”, ovvero di richiami continui a breve distanza gli uni dagli altri, come sta accadendo almeno per alcuni in Israele. “Questa non sembra essere una strategia sostenibile a lungo termine, di sicuro”, gli ha fatto eco il professor Deepta Bhattacharya, esperto di immunologia dell'Università dell'Arizona. Il punto è che sebbene i richiami aumentino sensibilmente gli anticorpi neutralizzanti – nel caso della quarta dose, in Israele, si osserva un'impennata di 5 volte -, essi sono inevitabilmente destinati a calare nel giro di poco tempo. Se nel nostro organismo circolassero livelli elevati di anticorpi contro ogni malattia infettiva che incontriamo, infatti, il sangue non sarebbe liquido, ma una sorta di brodaglia, un fluido estremamente viscoso. Gli anticorpi sono solo una parte della risposta immunitaria per difenderci dai patogeni; ci sono le "armi" della risposta cellulare – come i linfociti T che attaccano le cellule infettate – e le cellule B della memoria, che sono pronte a produrre nuovi anticorpi all'occorrenza, quando si viene nuovamente esposti a virus e batteri.

Secondo il virologo Shane Crotty, ricercatore presso il La Jolla Institute for Immunology in California, anche con un livello elevato di anticorpi in questo momento è difficile frenare la circolazione del virus, tenendo presente l'elusività della variante Omicron a causa delle numerose mutazioni. Secondo l'esperto un vaccino specifico contro di essa potrebbe fare un lavoro migliore; non a caso le case farmaceutiche lo stanno già sviluppando, sebbene non è detto che verrà immesso in commercio. “Non ha senso continuare a fare richiami contro un ceppo che è già scomparso”, ha dichiarato al NYT il professor Ali Ellebedy, un immunologo dell'Università di Washington di St. Louis. “Se hai intenzione di aggiungere un'altra dose dopo la terza, aspetterei sicuramente una progettata contro Omicron”, ha aggiunto l'esperto. Nel caso in cui venisse venisse autorizzato, tuttavia, anche in questo caso non avrebbe senso somministrare dosi a ciclo continuo. Non va infatti dimenticato che fare troppi richiami a breve distanza gli uni dagli altri potrebbe essere controproducente. Alcuni hanno ad esempio citato la cosiddetta “anergia”, una sorta di esaurimento del sistema immunitario a causa delle troppe inoculazioni, sebbene il professor Bhattacharya sottolinei che al momento non si stanno osservando gli indizi rilevatori di questa condizione.

Secondo gli esperti una strategia efficace potrebbe essere quella di somministrare un richiamo una volta l'anno e prima della stagione fredda (che avvantaggia i virus respiratori), proprio come avviene col vaccino antinfluenzale. È considerato lo scenario più ragionevole per quando usciremo dalla pandemia ed entreremo in quella di endemia, che potrebbe non essere così lontana proprio “grazie” alla diffusione della variante Omicron. “Puoi immaginare uno scenario in cui diamo semplicemente dei richiami prima dell'inverno ogni anno”, ha dichiarato al NYT il dottor Hensley. La stragrande maggioranza degli esperti e l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sono inoltre concordi sul fatto che invece di fare richiami continui nei Paesi ricchi andrebbero vaccinate le popolazioni di quelli economicamente svantaggiate; solo se tutto il mondo sarà immunizzato potremo scongiurare l'emergere di nuove varianti in grado di eludere i vaccini anti Covid.

Come specificato dal professor Michel Nussenzweig, immunologo della Rockefeller University di New York, in questo momento i ricoveri nei vaccinati “stanno andando bene” e uno degli obiettivi più importanti in una pandemia è evitare che le persone finiscano in ospedale. Cercare di prevenire tutte le infezioni con la variante Omicron “è una causa persa”, sottolinea l'esperto, mentre è fondamentale cercare di vaccinare quante più persone possibili.

276 CONDIVISIONI
31019 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni