Hanno visto il loro bimbo appena nato essere portato via davanti ai loro occhi e con il loro consenso da quella che credevano essere una dottoressa dell'ospedale. L'incubo di qualsiasi neogenitore, vedere sparire il proprio bimbo, si è materializzato improvvisamente e ha lasciato sotto shock una coppia di genitori spagnoli poche ore dopo il parto. Mamma e papà infatti erano ancora in ospedale  quando è avvenuto il fatto. Una donna, fingendosi dottoressa, è entrata in stanza e ha detto che doveva portare via il piccolo per alcune visite mediche, una procedura che avviene spesso nei reparti di maternità degli ospedali ma sfruttata questa volta dalla malintenzionata a per rubare il piccolo. L'episodio sabato scorso nell'ospedale di Guadalajara,

I genitori del bimbo inizialmente non hanno sospettato  nulla. L'agghiacciante scoperta è avvenuta solo quando i due si sono rivolti al personale sanitario chiedendo il perché di quel prolungato ritardo nella riconsegna del piccolo alla mamma. Quando gli infermieri e i medici hanno ribadito che nessuno aveva richiesto visite e analisi sul nascituro, è scattato l'allarme. La polizia si è subito messa sulle tracce della donna visualizzando tutti i filmati di sicurezza dell'ospedale  e, anche grazie ad alcune segnalazioni, in poche ore si è risaliti alla sua identità. La donna è stata ritrovata in casa sua insieme al piccolo e arrestata. Si tratta di una 35enne affetta da depressione dopo aver perso un figlio a pochi mesi di vita. Dopo aver rapito il bimbo si era diretta con lui in una farmacia chiedendo latte in polvere e altre informazioni ma il suo atteggiamento è stato notato dal farmacista che poi ha raccontato tutto agli agenti.