5.563 CONDIVISIONI
17 Gennaio 2023
15:22

Va in ospedale per una “gastroenterite”, bimbo di 8 anni muore per un tumore al cervello

Isaiah Jarrett, un bambino di Birmingham, è morto lo scorso 20 luglio per un medulloblastoma, ma soltanto adesso sua mamma, Dena, ha deciso di raccontare la sua dolorosa storia. “Spero di aiutare a porre fine ai tumori cerebrali che uccidono tutti, specialmente i bambini piccoli”.
A cura di Biagio Chiariello
5.563 CONDIVISIONI

Isaiah Jarrett, un bimbo di 8 anni di Castle Vale, Birmingham, in Inghilterra, è morto otto mesi dopo che gli era stato diagnosticato un medulloblastoma, il tipo più comune di tumore al cervello nei bambini. Un male scoperto troppo tardi. Inizialmente infatti i medici gli avevano diagnosticato una semplice gastroenterite.

Successivamente ha iniziato a vomitare sangue e soffrire di continui mal di testa, facendo preoccupare sempre più i suoi genitori. Isaiah è stato così sottoposto ad una TAC al Birmingham Children's Hospital; solo a questo punto è venuta fuori la realtà, drammatica: un cancro al cervello delle dimensioni di una pallina da golf.

Dopo un intervento chirurgico di circa 15 ore, la famiglia del bambino è stata informata che si trattava di un tumore maligno. Isaiah ha perso la voce dopo l'operazione e ha subito un intenso trattamento di chemioterapia e radioterapia. Ha perso la lotta contro quel terribile male nel luglio 2022.

La mamma, che ha altri sei figli, ha parlato del trauma vissuto in quei mesi: "Dopo il suo primo intervento chirurgico, il 20 dicembre, non ho più sentito la voce di Isaiah. Alla fine ha imparato a comunicare attraverso gesti e mormorii. Tutto ciò che poteva andare storto è andato storto", ha detto la 36enne Dena Allen.

Isaiah Jarrett
Isaiah Jarrett

Sulla diagnosi choc racconta: "Ho pensato che potesse avere qualcosa a che fare con la sua pancia, mai in un milione anni mi aspettavo che mi dicessero che il mio bambino aveva un tumore al cervello", le sue parole.

La donna è stata costretta ad abbandonare il lavoro per occuparsi a tempo pieno del figlio, soprattutto durante il periodo di chemioterapia e radioterapia. Ora si è unita all'ente ‘Brain Tumor Research' come attivista con l'obiettivo di fare 10.000 passi al giorno a febbraio per raccogliere fondi per la ricerca contro il cancro.

"Nessun'altra famiglia dovrebbe affrontare l'angoscia e il dolore di perdere una persona cara. Dobbiamo far conoscere e parlare di tumori al cervello, comprenderli e meglio per essere in grado di fornire un trattamento migliore e, infine, una cura per impedire a chiunque altro di soffrire di questa malattia crudele" conclude Dena.

5.563 CONDIVISIONI
Malore improvviso in vacanza, muore a 8 anni per leucemia fulminante: “Avevi già lasciato il segno”
Malore improvviso in vacanza, muore a 8 anni per leucemia fulminante: “Avevi già lasciato il segno”
Esorcismo sul figlio di 4 anni: il bimbo muore. Era avvolto in un lenzuolo e bloccato sul pavimento
Esorcismo sul figlio di 4 anni: il bimbo muore. Era avvolto in un lenzuolo e bloccato sul pavimento
Va in ospedale col mal di schiena, ma ha un tumore: muore tre settimane dopo a 19 anni
Va in ospedale col mal di schiena, ma ha un tumore: muore tre settimane dopo a 19 anni
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni