1.056 CONDIVISIONI
6 Maggio 2022
12:19

Ucraina, due terzi dei bambini costretti a fuggire: “Hanno visto cose a cui nessuno dovrebbe assistere”

Due terzi dei bambini ucraini sono fuggiti dalla guerra dopo aver assistito all’orrore del conflitto. I dati sono stati diffusi da Unicef che spiega come ci siano tanti minori ancora in Ucraina a cui è difficile portare assistenza medica o dare educazione in questo momento.
A cura di Chiara Ammendola
1.056 CONDIVISIONI

L'incubo della guerra anche e soprattutto per i bambini, uccisi, feriti o costretti a fuggire. Secondo i dati forniti da Unicef, il Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia sarebbero quasi due terzi i minori che hanno lasciato le proprie case, soli o accompagnati, traumatizzati dalla violenza della guerra alla quali sono stati costretti ad assistere.

“Ogni giorno di guerra in Ucraina è un incubo per milioni di bambini. Quasi due terzi dei bambini dell'Ucraina sono stati costretti a fuggire. Molti hanno visto cose a cui nessun bambino dovrebbe assistere. Le loro case sono state colpite. Le scuole sono state attaccate, insieme a tutti i sistemi che potrebbero aiutarli a sopravvivere”, sono queste le parole pronunciate da Catherine Russell, direttore generale Unicef, intervenuta alla Conferenza Internazionale di Alto Livello dei Donatori per l'Ucraina. “Non dobbiamo dimenticare le centinaia di bambini che non sono sopravvissuti – molti dei quali uccisi da armi esplosive – e le altre centinaia di bambini feriti in questa guerra senza senso – ha continuato Russell – ogni minuto conta nell'impegno di aiutare ogni bambino colpito dalla guerra. Raggiungerli è estremamente complicato, soprattutto nelle zone dell'Ucraina orientale dove bombardamenti e attacchi sono continui. Dall'inizio di questa guerra, l'Unicef sta lavorando ovunque i bambini abbiano bisogno di noi, dalla linea del fronte ai confini, ai paesi che ospitano i rifugiati”.

Finora i rifugiati ucraini sarebbero, secondo i dati forniti da UNHCR, l'agenzia ONU per i Rifugiati, 5.757.014, molti dei quali sono bambini. Dall'inizio dello scoppio della guerra lo scorso 24 febbraio, sono 223 i minori rimasti uccisi e 408 quelli feriti. La maggior parte delle vittime è stata registrata nelle regioni di Donetsk, Kiev, Kharkiv, Chernihiv. Chi è riuscito a fuggire ha raggiunto il confine raggiungendo Leopoli o superandolo dirigendosi verso la Polonia, l'Ungheria, la Romania e la Moldavia. Molti sarebbero stati invece deportati in Russia, come denunciato dal presidente Zelensky. Unicef sta supportando con assistenza sanitaria ed educazione i bambini vittime della guerra.

“Abbiamo garantito milioni di dollari di aiuti di emergenza a ospedali, rifugi, stazioni ferroviarie, scuole, centri per la protezione dei bambini e trasportato acqua sicura per oltre 1 milione di persone. Sia in Ucraina sia nei paesi vicini – ha spiegato Russell – stiamo lavorando con i nostri programmi per raggiungere i bambini con servizi di protezione, istruzione, cure mediche e sostegno alla protezione sociale. Continueremo a fare tutto ciò che possiamo per i bambini dell'Ucraina, per rispondere ai loro bisogni urgenti e per supportare servizi sociali di base per costruire resilienza affinché possano ricostruire le proprie vite un giorno. Vorrei che questo fosse sufficiente. Ma non lo è. Solo la pace potrà ridare a questi bambini anche solo una frazione di quello che hanno perso”.

1.056 CONDIVISIONI
10 cose che dovremmo aver capito dopo 100 giorni di guerra in Ucraina
10 cose che dovremmo aver capito dopo 100 giorni di guerra in Ucraina
Ucraina, nessun accordo in Europa sull'embargo al petrolio russo per il sesto pacchetto di sanzioni
Ucraina, nessun accordo in Europa sull'embargo al petrolio russo per il sesto pacchetto di sanzioni
La Russia potrebbe giustiziare i due mercenari americani catturati in Ucraina
La Russia potrebbe giustiziare i due mercenari americani catturati in Ucraina
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni