Ancora tensione a Parigi, dove un militare dell'operazione antiterrorismo ‘Sentinelle' è stato aggredito, intorno alle 6.30 di questa mattina, da un uomo con un coltello questa mattina nella centralissima stazione del metrò parigina di Chatelet. L’aggressore avrebbe urlato delle “frasi che inneggiavano ad Allah”, mentre tentava di colpirlo. Lo riporta la stampa francese, citando fonti di polizia. Il soldato si è trovato l’uomo alle spalle, questi gli si è scagliato addosso impugnando un coltello, ma è stato disarmato e bloccato dallo stesso militare. Si tratta del settimo attacco in pochi mesi a militari impegnati in operazioni di sicurezza contro il terrorismo. Sentinelle è l'operazione che schiera militari nelle strade francesi, voluta dal governo di Parigi dopo gli attentati islamisti che negli ultimi anni hanno seminato panico e morte nella capitale francese.

Solo ieri, le autorità francesi hanno comunicato in via ufficiosa l’intenzione di dispiegare sul territorio – in modo meno prevedibile – circa 7mila militari dell’operazione Sentinelle: “questo nuovo attacco – ha detto in diretta su Europe 1, appena saputa la notizia dell’aggressione, la ministra della Difesa, Florence Parly – legittima le nostre intenzioni, quelle di rendere meno prevedibile il dispositivo militare”. Gli ultimi attacchi nella Capitale hanno riguardato un uomo radicalizzato che ha investito con un veicolo un gruppo di soldati a Levallois-Perret (nord di Parigi) facendo sei feriti, mentre un individuo armato di coltello è stato fermato nei pressi delle Tour Eiffel. Alla polizia ha ammesso che il suo obiettivo era quello di colpire un militare.