Nell'industria della ristorazione, la maggior parte degli imprenditori si vanta che i propri piatti siano i migliori della città. Feigang Fei, che gestisce il ristorante cinese Aunt Dai a Montreal, in Canada, ha deciso di adottare un approccio diverso, con un menu che offre descrizioni semplicemente oneste delle pietanze offerte. "Rispetto al nostro pollo General Tao, questo non è così buono", recita la voce per il pasticcio di carne. "Ad ogni modo, non sono un grande fan del cibo cinese nordamericano ed ora tocca a te" si legge nella descrizione del piatto. Un'altra voce avverte: "Non lasciarti ingannare dal nome, questo NON è autentico cibo cinese". E ancora Fei ammette candidamente di "non essere un grande fan" della versione del ristorante delll'insalata di maiale in agrodolce.

Il ristorante sta ora assistendo a un aumento dei clienti dopo che un tweet sul menu è diventato virale. Fei ha spiegato che dopo aver aperto il suo ristorante sette anni fa, è rimasto deluso quando i clienti spedivano indietro il cibo non consumato. "Alcuni clienti che non avevano provato determinati piatti sono rimasti sorpresi dal livello di spezie o consistenza", ha detto.

Così si è messo a scrivere descrizioni più dirette. "Gli intestini sono fritti, ed un po' troppo secco. Rispetto all'intestino di maiale saltato in padella, consiglio il primo", si legge nella voce per gli intestini di maiale wok a secco. Sotto “pollo da leccarsi i baffi”, Fei scrive: “Non siamo soddisfatti al 100% del sapore ora e migliorerà molto presto. PS: sono sorpreso che alcuni clienti ordinino ancora questo piatto".

Ex ingegnere informatico, Fei è immigrato in Canada 14 anni fa. Dopo che un incendio ha distrutto la la prima sede di Aunt Dai, ha ingrandito la nuova sede del ristorante così da trasformare il secondo piano  in un'area dove i nuovi immigrati possono prendere lezioni di francese e inglese, oltre che incontrarsi per condividere competenze. "Così tanti immigrati vengono in questo paese troppo qualificati", ha detto. "Ho visto in prima persona quante opportunità sono state perse perché qualcuno è troppo timido. Volevo cambiare la situazione" dice al Guardian. "Non abbiamo la bacchetta magica, qualcosa di complesso e che mostri il genio della cucina. Il nostro cibo sarà sempre buono, ma semplicemente non siamo i migliori ", ha detto. "Beh, forse un po' sopra la media!" ammette.