525 CONDIVISIONI
Le notizie sul virus Langya scoperto in Cina
12 Agosto 2022
15:02

L’Ecdc monitora il nuovo virus Langya: “Ma ora il rischio di infezione in Europa è molto basso”

Secondo l’Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, il nuovo virus Langya, del genere Henipavirus, individuato in Cina, viene monitorato e il rischio di infezione in Europa resta al momento molto basso.
A cura di Ida Artiaco
525 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Le notizie sul virus Langya scoperto in Cina

Il nuovo virus Langya, del genere Henipavirus, individuato in Cina e già collegato a 35 contagi in due diverse province, è sotto monitoraggio dell'Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie.

Tuttavia, sottolineano gli esperti dell'Agenzia, il rischio di infezione per i cittadini europei, così come per coloro che visitano le province cinesi di Shandong e Henan, è considerato molto basso.

Cosa sappiamo sul nuovo virus Langya scoperto in Cina

L'Ecdc, nel suo aggiornamento pubblicato oggi, spiega che il virus è stato identificato attraverso la sorveglianza di alcuni casi febbrili con una storia di recente esposizione di animali nella Cina orientale. Tra aprile 2018 e agosto 2021, 35 pazienti con infezione acuta da LayV (virus Langya) sono così stati rilevati nelle province cinesi di Shandong e Henan, con i seguenti sintomi: febbre, affaticamento, tosse, anoressia, mialgia, nausea, mal di testa e vomito.

La maggior parte dei casi per i quali sono disponibili informazioni, pari all'85% del totale, riguardano agricoltori. L'RNA virale è stato rilevato in tre specie di roditori e due toporagni, prevalentemente nei toporagni Crocidura lasiura.

Nessun legame epidemiologico è stato identificato tra i casi nello studio. Ciò sosterrebbe l'ipotesi di sporadiche trasmissioni zoonotiche, principalmente perché la maggior parte dei casi sono agricoltori, quindi più propensi a essere a contatto con animali rispetto alla popolazione generale.

Come avviene la trasmissione del nuovo virus: le possibilità di contagio

Al momento, dunque, non vi è alcuna indicazione di trasmissione da uomo a uomo. Tuttavia, la possibilità non può essere esclusa. Saranno necessarie ulteriori ricerche per comprendere le modalità di trasmissione di LayV.

Inoltre, fanno sapere gli esperti dell'Ecdc, nono stati riportati decessi tra i casi segnalati, il che potrebbe suggerire una gravità della malattia relativamente bassa. I sintomi e i segni riportati non sono specifici quindi non si può escludere il verificarsi di casi umani prima del 2018 e una più ampia distribuzione geografica del virus.

Tutti questi risultati, comunque, sottolineano dall'Ecdc, si basano su un numero relativamente basso di casi e "saranno necessarie ulteriori indagini e ricerche per comprendere meglio le caratteristiche epidemiologiche e microbiologiche della malattia e del virus".

La sorveglianza dell'emergenza di agenti patogeni "rimane uno strumento fondamentale per la risposta precoce a potenziali agenti patogeni pandemici".

525 CONDIVISIONI
Quali sono i sintomi del Langya Henipavirus (LayV) e come si trasmette il nuovo virus scoperto in Cina
Quali sono i sintomi del Langya Henipavirus (LayV) e come si trasmette il nuovo virus scoperto in Cina
Cosa sappiamo del Langya henipavirus (LayV), il nuovo virus scoperto in Cina che contagia l’uomo
Cosa sappiamo del Langya henipavirus (LayV), il nuovo virus scoperto in Cina che contagia l’uomo
Identificato in Cina nuovo virus di origine animale: 35 persone contagiate dall’henipavirus Langya
Identificato in Cina nuovo virus di origine animale: 35 persone contagiate dall’henipavirus Langya
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni