1.091 CONDIVISIONI
1 Giugno 2021
09:45

In Cina il primo caso umano di nuova influenza aviaria H10N3: contagiato un 41enne di Jiangsu

La Cina ha reso noto di aver registrato il primo caso umano di influenza aviaria dopo che un 41enne della provincia orientale dello Jiangsu è risultato positivo al virus H10N3. Secondo quanto comunicato National Health Commission (NHC), l’uomo è stato ricoverato lo scorso 28 aprile con febbre e altri sintomi, ma al momento sarebbe scongiurata la trasmissione da uomo a uomo.
A cura di Ida Artiaco
1.091 CONDIVISIONI

Non solo Covid-19. La Cina ha reso noto di aver identificato il primo caso umano della nuova influenza aviaria. Si tratta di un 41enne della provincia orientale dello Jiangsu, che è risultato positivo al virus H10N3. Tuttavia, le autorità sanitarie locali non hanno saputo spiegare come sia avvenuto il contagio. Secondo quanto riportato da Reuters citando un comunicato della National Health Commission (NHC) del Paese del Dragone, l'uomo, residente nella città di Zhenjiang, è stato ricoverato in ospedale il 28 aprile dopo aver sviluppato febbre e altri sintomi. Ma l'infezione da influenza aviaria H10N3 è stata diagnosticata solo il 28 maggio. Al momento, però, il paziente è stabile e dovrebbe essere dimesso a breve. L'osservazione medica dei suoi stretti contatti non ha fatto rilevare altri casi.

Le autorità sanitarie cinesi hanno dichiarato martedì che si tratta di una trasmissione occasionale da pollame a uomo e che il rischio di una diffusione su larga scala è estremamente basso, hanno specificato gli esperti dell'NHC, secondo i quali l'H10N3 è un ceppo del virus a bassa patogenicità, o relativamente meno grave, nel pollame. Può diffondersi attraverso le goccioline respiratorie (droplets) tra gli animali, ha spiegato Yang Zhanqiu, vicedirettore del Dipartimento di biologia dei patogeni dell'Università di Wuhan, il quale ha aggiunto: "Non è noto come questa persona sia stata infettata, ma probabilmente il contagio è avvenuto attraverso goccioline respiratorie di pollame o dal contatto diretto con pollame vivo malato". In Cina sono presenti molti ceppi diversi di influenza aviaria e alcune persone si infettano sporadicamente, di solito quelle che lavorano con il pollame. Tra il 2016 e il 2017 circa trecento persone sono morte dopo aver contratto il ceppo H7N9. NHC ha comunque avvertito il pubblico di evitare per precauzione il contatto con pollame malato o morto e di cercare di evitare il contatto diretto con pollame vivo.

1.091 CONDIVISIONI
Paziente non vaccinata muore per covid, contagiata da doppia variante: primo caso accertato
Paziente non vaccinata muore per covid, contagiata da doppia variante: primo caso accertato
Maltempo Germania, 133 morti e centinaia di dispersi. In Belgio in 41mila senza elettricità
Maltempo Germania, 133 morti e centinaia di dispersi. In Belgio in 41mila senza elettricità
Brasile, Bolsonaro ricoverato in ospedale: possibile intervento d'urgenza
Brasile, Bolsonaro ricoverato in ospedale: possibile intervento d'urgenza
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni