185 CONDIVISIONI
27 Febbraio 2019
16:31

Il Carnevale in Siria, dove le maschere sono fatte di sangue e i bimbi continuano a morire

Una maschera di sangue ricopre il viso di Aseel Qatran, una bimba siriana vittima di un bombardamento aereo a Khan Sheikhoun, città della provincia nord occidentale di Idlib. Dopo oltre due ore, i soccorritori sono riusciti ad estrarla dalla macerie. L’esercito di Bashar al Assad ha ripreso a colpire duramente l’ultima area in mano ai ribelli, capeggiati dai jihadisti di Hayat Tahrir al-Sham. Negli ultimi dieci giorni sono già 45 le vittime, tra cui molte donne e bambini. E in migliaia stanno abbandonando la zona.
A cura di Mirko Bellis
185 CONDIVISIONI
L’ultimo disperato saluto di un padre alla figlia morta nel bombardamento a Khan Sheikhoun (Gettyimages)
L’ultimo disperato saluto di un padre alla figlia morta nel bombardamento a Khan Sheikhoun (Gettyimages)

Aseel Qatran, una bimba di Khan Sheikhoun, è stata estratta viva dopo oltre due ore dalle macerie della sua casa colpita ieri da un bombardamento. Nel momento in cui uno dei soccorritori l’ha tirata fuori da sotto i detriti che la seppellivano, il viso di Aseel era una maschera di sangue, ma purtroppo il Carnevale qui non c'entra nulla. Le sue condizioni sono critiche però è riuscita a salvarsi. Nello stesso attacco aereo sono morti tre bambini, tra cui le due cugine di Aseel, e due donne.

Il viso ricoperto di sangue di Aseel nel momento in cui i soccorritori l’hanno estratta dalle macerie
Il viso ricoperto di sangue di Aseel nel momento in cui i soccorritori l’hanno estratta dalle macerie

E la foto straziante di un padre dando l’ultimo bacio alla figlia senza vita, ci ricorda come i bimbi siriani continuino ad essere le vittime innocenti di una guerra che si trascina ormai da quasi 8 anni.

Khan Sheikhoun, città della provincia nord occidentale di Idlib, è da giorni obiettivo dell’artiglieria e degli aerei di Damasco. I bombardamenti sono la risposta ai recenti attacchi dei jihadisti di Hayat Tahrir al-Sham (Hts) ad Hama e Idlib, in cui hanno perso la vita 9 militari dell’esercito siriano. Per il governo di Bashar al Assad, quindi, i gruppi ribelli avrebbero violato l’intesa firmata da Russia e Turchia, che prevede la smilitarizzazione della zona e il ritiro delle formazioni estremiste. L’accordo stabilito il 17 settembre scorso a Sochi tra Putin ed Erdogan era stato raggiunto proprio per evitare l’offensiva dell’esercito siriano sulla provincia di Idlib, dove hanno trovato rifugio quasi due milioni di sfollati.

A seguito dell’aumento della violenza di questi ultimi giorni, sono sempre di più le persone che cercano di scappare. Khan Sheikhoun, già colpita in passato anche con l’uso di armi chimiche, è una città fantasma. Sono migliaia gli sfollati in fuga dall'ultima area ancora sotto il controllo dei ribelli, capeggiati dalla formazione Hayat Tahrir al-Sham (Hts), vicina ad Al Qaeda. Negli ultimi dieci giorni, secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, sono già 45 le vittime, tra cui molte donne e bambini.

Nel solo mese di febbraio le Nazioni Unite hanno documentato la fuga da Khan Sheikhoun e le altre aree sotto attacco di 7mila siriani, tra cui molte famiglie con figli piccoli. “L'Onu è profondamente preoccupata per la sicurezza e la protezione di migliaia di persone sfollate di recente da Khan Sheikhoun a seguito dell’aumento delle ostilità”, ha dichiarato David Swanson, portavoce dell'ufficio regionale delle Nazioni Unite per la crisi siriana. La maggior parte degli sfollati si è trasferita nella città di Idlib ma c’è anche chi ha preferito raggiungere Afrin, nella provincia di Aleppo, sotto il controllo dell’esercito libero siriano, la fazione dei ribelli appoggiata dalla Turchia.

Se i bombardamenti dell’artiglieria e i raid aerei dovessero preannunciare un’offensiva in grande stile dell’esercito di Bashar al Assad per riconquistare la provincia di Idlib, per migliaia di civili sarebbe difficile mettersi in salvo. La Turchia, infatti, ha chiuso le proprie frontiere e impedisce di fatto ai profughi siriani di entrare nel suo territorio. Un’escalation militare sarebbe quindi il peggiore degli scenari per centinaia di migliaia di sfollati dalle tante battaglie che hanno insanguinato la Siria dal 2011.

185 CONDIVISIONI
Ucraina, Zelensky attacca Mosca durante il Natale ortodosso:
Ucraina, Zelensky attacca Mosca durante il Natale ortodosso: "Tregua falsa, pace solo con espulsione"
Passeggero tocca e avverte il pilota, poi il disastro: gli istanti prima dello schianto tra elicotteri
Passeggero tocca e avverte il pilota, poi il disastro: gli istanti prima dello schianto tra elicotteri
La provincia cinese in cui il 90% della popolazione ha il Covid:
La provincia cinese in cui il 90% della popolazione ha il Covid: "Contagiate 88 milioni di persone"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni