La polizia tedesca ha arrestato una ragazza di 15 anni accusata di avere ucciso il fratellastro di 3 anni. Gli inquirenti ritengono che mercoledì sera la giovane con un coltello abbia inflitto delle ferite fatali al bimbo. L'adolescente era poi fuggita, scatenando una caccia che ha visto l'impiego di elicotteri e unità cinofile. La polizia di Bielefeld ha riferito che la momento non è stato individuato il movente del delitto.

Il caso ha profondamente scosso l'opinione pubblica tedesca. Ieri sera sono stati i genitori, una coppia di origini polacche, a trovare il corpo del bambino ormai senza vita e con le evidenti ferite inflitte da un'arma da taglio. Immediatamente era stato dato l'allarme alla polizia e fin da subito i sospetti sono ricaduti su Oliwia-Marta K., questo il nome della quindicenne della quale si erano perse le tracce. Le autorità hanno impiegato le unità cinofile e gli elicotteri disponendo ricerche su un'area di decine di chilometri e diffondendo un identikit dell'adolescente: "Una ragazza alta un metro e 75 centimetri, con i capelli neri lunghi fino alle spalle. Al momento del crimine indossava una giacca nera, un maglione rosso e leggings neri", ha spiegato la polizia.

La casa in cui è stato commesso il delitto
in foto: La casa in cui è stato commesso il delitto

Le ricerche sono durate diverse ore e hanno visto l'impiego di un gran numero di agenti. Nel corso della notte Oliwia-Marta K. è stata rintracciata e posta in stato di fermo. Tutti gli indizi lasciano intendere che è stata lei ad uccidere il fratellino di tre anni con un coltello, ma il movente del delitto non è ancora stato scoperto. I genitori dei due minorenni, comprensibilmente disperati, non sarebbero stati in grado di fornire una possibile spiegazione della vicenda e sono costantemente seguiti dagli psicologi. La quindicenne verrà interrogata, con le tutele dovute a ogni minorenne, nelle prossime ore.