Il premier del Portogallo Antonio Costa
in foto: Il premier del Portogallo Antonio Costa

Il Portogallo corre ai ripari per frenare l’aumento dei nuovi casi di Coronavirus. Il governo ha deciso di inasprire le proprie restrizioni sanitarie a pochi giorni dall’inizio del nuovo anno scolastico, in un momento in cui nel Paese si registra appunto una ripresa dell’epidemia. Le nuove misure annunciate oggi da Lisbona entreranno in vigore martedì 15 settembre: il numero di persone che possono incontrarsi scenderà da 20 a 10 in tutto il Paese, come già avviene nella capitale e nella sua regione. Come già succedeva a Lisbona, inoltre, nel resto del Paese la vendita di bevande alcoliche sarà vietata a partire dalle ore 20:00, così come il loro consumo negli spazi pubblici. Dal 15 settembre infine gli esercizi commerciali dovranno chiudere tra le 20 e le 23.

Portogallo, aumento sostenuto dei nuovi casi di Covid-19

Il premier Antonio Costa è intervenuto con la stampa per spiegare cosa sta succedendo in Portogallo: "Abbiamo osservato dall'inizio di agosto un aumento sostenuto del numero di nuovi casi", ha detto annunciando le misure giù severe che i cittadini dovranno rispettare. "Non possiamo ignorare l'incidenza di questa pandemia è particolarmente concentrata a Lisbona e Porto", ha aggiunto. Nella giornata di ieri il Portogallo ha registrato 646 nuovi casi in 24 ore, il numero più alto di contagi da Covid-19 dal 20 aprile. Il premier ha spiegato che la maggior parte di questi nuovi contagi riguarda persone di età compresa tra i 20 e i 39 anni e la maggior parte di loro sono asintomatici. Il primo ministro ha invitato le aziende a continuare a promuovere il più possibile il telelavoro o varie modalità di lavoro alternato. Il Portogallo, con i suoi 10 milioni di abitanti, ha registrato finora un totale di 62.126 casi e 1.852 morti per Covid-19.

La prossima settimana ricomincia la scuola in Portogallo

Lisbona ha inizialmente ricevuto elogi per la sua risposta alla pandemia di Coronavirus (a inizio agosto si contavano circa 100 casi al giorno), ma poi il "modello Portogallo" ha mostrato le sue crepe e i casi positivi sono tornati ad aumentare. Nelle ultime 24 ore, dopo il record di ieri, le autorità sanitarie hanno segnalato 585 nuove infezioni, principalmente nella Grande Lisbona e nella regione settentrionale. L'annuncio delle nuove restrizioni arriva mentre circa un milione di giovani si stanno preparando per tornare a scuola tra lunedì e mercoledì.