Per poche centina di sterline al mese sono arrivati a escogitare e a mettere in atto un piano orribile: uccidere una senzatetto, disfarsi del suo corpo e fingere poi che nulla fosse accaduto per intascare il sussidio statale che la donna riceveva ogni mese. La drammatica storia arriva da Birmingham, in Inghilterra,  dove ora i due responsabili sono stati condannati da un tribunale locale per omicidio e occultamento di cadavere.  I fatti risalgono al 2013 e vedono protagonista in negativo un coppia inglese formata da Kevin Flanagan e Kathleen Salmond. Secondo quanto ricostruito dall'accusa, i due avrebbero attirato in trappola la vittima designata, Lisa Bennett, invitandola a casa loro con una scusa e, dopo averle offerto un pasto, l'hanno uccisa a sangue freddo. Infine il suo corpo è stato fatto sparire, forse fatto a pezzi e gettato nei bidoni della spazzatura e comunque mai più ritrovato.

Probabilmente i resti della vittima furono inceneriti in una struttura per i rifiuti della zona e nessuna traccia del corpo è stata mai trovata. Da quel momento i due hanno messo in piedi una vera  e propria truffa, fingendo che la donna fosse viva e che stesse bene, riuscendo così ad incassare per mesi il suo sussidio per un somma totale di quasi 5mila sterline. Kathleen Salmond ha finto di essere la signorina Bennett per far cambiare il conto su cui versare l'assegno mensile da duecento sterline mentre Kevin Flanagan si è occupato di inviare periodicamente messaggi ai familiari della vittima con il  suo telefono. La coppia è stata scoperta solo nel 2014 quando il fratello di Flanagan ha denunciato la donna alla polizia spiegando che era stata lei a confessare di aver ucciso la signora Bennett.