Covid 19
17 Gennaio 2022
15:43

Come funziona obbligo vaccinale in Austria per gli over 18: multe ed esenzioni da febbraio

In Austria dal primo febbraio scatterà l’obbligo vaccinale per i cittadini di età superiore ai 18 anni. Giovedì il Parlamento dovrebbe dare il via libera al disegno di legge, che prevede multe per chi non si vaccina. Il cancelliere Nehammer: “Non è battaglia tra vaccinati e non vaccinati ma la migliore garanzia per noi per vivere insieme in libertà”.
A cura di Ida Artiaco
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

In Austria sta per scattare l'obbligo vaccinale per gli over 18. A partire da febbraio per tutti coloro che non saranno vaccinati partiranno multe e sanzioni così come confermato dal cancelliere Karl Nehammer. Il provvedimento, il primo del genere che entrerà in vigore in Europa, varrà, dunque, per i cittadini di età maggiore a 18 anni, e non a partire dai 14 anni così come era stato originariamente pianificato. Il disegno di legge, che il governo intende far approvare in Parlamento giovedì prossimo, "è concepito in modo tale da rispondere alla flessibilità del virus", ha specificato Nehammer, aggiungendo che "questa non è una battaglia tra vaccinati e non vaccinati" ma piuttosto "è la migliore garanzia per noi per vivere insieme in libertà". Ma come si procederà?

In una prima fase le autorità invieranno delle lettere alle famiglie per informarle delle nuove regole. Saranno esentate dall'obbligo vaccinale le donne in gravidanza e le persone che per motivi medici non possono essere vaccinate, compreso chi è guarito dal Covid negli ultimi sei mesi. Poi, da metà marzo, la polizia inizierà a controllare lo stato di vaccinazione delle persone durante controlli di routine. A quel punto chi non è in grado di produrre una prova di avvenuta vaccinazione sarà invitato per iscritto a farlo e in caso contrario verranno multate fino a 600 euro. Se le autorità dovessero ritenere i progressi ancora insufficienti, invieranno promemoria alle persone che restano non vaccinate, ha continuato a spiegare il cancelliere; e, se questo ancora non dovesse funzionare, le persone riceveranno un appuntamento per la vaccinazione e verranno nuovamente multate se non si presenteranno. Le multe potrebbero raggiungere i 3.600 euro. Ma non è previsto il carcere in caso di inadempimenti.

Una commissione composta da almeno due esperti medici e due legali riferirà poi al governo e al parlamento ogni tre mesi sui progressi della vaccinazione. Parti della legislazione potrebbero essere sospese dal ministro della Salute, con l'approvazione di una commissione parlamentare, se ad esempio le varianti future fossero più miti o gli esperti affermassero che la vaccinazione non è più la via da seguire, ha chiarito la ministra per le questione costituzionali, Karoline Edtstadler. Al momento, in Austria è completamente vaccinato il 71,6% della popolazione (in totale, 8,9 milioni di abitanti), ancora al di sotto della media dell'Europa occidentale.

31051 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni