Con la proroga dello stato d’emergenza viene confermato anche il pagamento anticipato delle pensioni agli sportelli postali di tutta Italia. Per evitare assembramenti, infatti, Inps e Poste prevedono un calendario per il pagamento delle pensioni in contanti del mese di settembre, così come già avvenuto da aprile ad agosto. Il ritiro dell’assegno, quindi, avverrà in anticipo rispetto alle normali scadenze. Le pensioni saranno disponibili, per chi le ritira alle Poste, a partire da mercoledì 26 agosto e si dovrà seguire, per il ritiro, il calendario predisposto sulla base della lettera del cognome del titolare del trattamento previdenziale. L’anticipo e il calendario valgono per i trattamenti pensionistici, gli assegni, le pensioni e le indennità di accompagnamento erogate agli invalidi civili.

Pensioni, il calendario per ritirare l’assegno di settembre

Il calendario predisposto da Poste italiane e comunicato dall’Inps varrà per le pensioni ritirate in contanti agli sportelli. Ecco il calendario per il ritiro della pensione di settembre agli uffici postali, sulla base dell’iniziale del cognome:

Dalla A alla B: mercoledì 26 agosto

Dalla C alla D: giovedì 27 agosto

Dalla E alla K: venerdì 28 agosto

Dalla L alla O: sabato 29 agosto

Dalla P alla R: lunedì 31 agosto

Dalla S alla Z: martedì 1 settembre

I pensionati possono anche delegare un’altra persona al ritiro dell’assegno. In questo caso chi ritira la pensione deve comunque seguire l’indicazione della lettera iniziale del cognome del pensionato e non quella del delegato. Il pagamento resterà a disposizione, oltre la data di riscossione prevista, per altri 60 giorni.

Pensioni, consegna a domicilio per gli over 75

Per i cittadini con almeno 75 anni d’età, inoltre, è possibile ricevere l’assegno attraverso la consegna a domicilio. Un servizio messo a disposizione proprio per l’emergenza Covid-19 e per proteggere e tutelare maggiormente le fasce più fragili della popolazione, come gli anziani. Per chiedere la consegna a domicilio, che vale per chi normalmente riscuote l’assegno in contanti e chi non ha già delegato altri soggetti al ritiro, ci si può rivolgere ai carabinieri o a Poste italiane. Nello specifico, si può effettuare la richiesta a Poste italiane attraverso il numero verde 800556670, oppure ci si può rivolgere direttamente alla stazione dei carabinieri più vicina.