12.578 CONDIVISIONI
Opinioni
Covid 19
7 Luglio 2020
14:49

Fate qualcosa, o l’Italia non uscirà viva da questa crisi

Pil in calo dell’11,2%, 1,2 milioni di disoccupati, un quarto delle famiglie senza soldi, e un terzo delle imprese che non sanno se arriveranno a fine anno. Si dovrebbe parlare solo di questo, in Italia. E si dovrebbe fare di tutto per evitare questi scenari, o almeno per mitigarli. Invece la politica, ancora una volta, finge di non vedere quel che sta arrivando. Finirà malissimo, se va avanti così.
12.578 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Se c’è una cosa che noi italiani dovremmo fare già da tempo, e a maggior ragione ora, è smetterla di raccontarci storielle. Di dipingerci alternativamente meglio di come siamo, o più sfigati e incompresi di quanto siamo. E di guardare in faccia alla realtà per quella che è, brutta e brutale che sia. Ecco: oggi la realtà, sotto forma di Eurostat, Ocse, Bankitalia e Istat ci dice nell’ordine che il nostro Pil crollerà dell'11,2%, il peggior crollo di tutta Europa, più di quanto si pensava crollasse. Che, se ci andrà bene e terremo la pandemia sotto controllo, perderemo 1,2 milioni di posti di lavoro entro la fine del 2020. Che 4 italiani su 10 stanno già ora facendo fatica a pagare il mutuo e uno su tre brucerà tutti i suoi risparmi nel giro di tre mesi. Che più di un’azienda su tre rischia di chiudere causa Covid.

Due dettagli, i soliti, per chi non è avvezzo ai numeri. Uno: non abbiamo mai sperimentato un simile crollo dell’economia nella nostra storia di Stato unitario, nemmeno nel terribile quadriennio 2009-2012, quello che comincia con la crisi di Lehman Brothers e finisce con il governo Monti, e mai nemmeno ci siamo andati vicini. Due: quel che stiamo facendo non è sufficiente a evitare, o anche solo a mitigare, il disastro in arrivo.

Certo, ci sono i prestiti garantiti dallo Stato e le moratorie sui mutui. Certo, c’è pure il decreto semplificazione. Certo, ci sono la cassa integrazione e il blocco dei licenziamenti fino a fine anno. Certo,  ci sono i soldi messi a disposizione dal Recovery Fund europeo. Ma no, nulla di tutto questo è minimamente sufficiente a gestire un’emergenza del genere. Per fare una sinistra analogia, è come pensare di bloccare il Coronavirus chiudendo le frontiere ai cinesi e prendendo la temperatura a chi arriva dall’estero. La storia ci ricorda com’è andata a finire.

Non è sufficiente, perché i prestiti garantiti e le moratorie sui mutui sono credito concesso indiscriminatamente a imprese che presto falliranno, e che appesantiranno alternativamente il bilancio statale o quello delle banche, impedendo allo Stato di investire dove serve – scuola e ricerca sopra ogni cosa – e agli istituti di credito di dar benzine alle imprese sane.

Non è sufficiente, perché  la cassa integrazione e il blocco dei licenziamenti per nove milioni di persone – due dei quali non l'hanno nemmeno ricevuta – sono solo un barattolo scalciato poco più in là. Un calcio malriuscito, peraltro, visto che già oggi ci sono 500mila occupati in meno e che per fine anno, ad andar bene ce ne saranno poco meno di tre volte tanto. E che quanto accadrà dopo, a blocco dei licenziamenti finito, è ancora tutto da misurare. Così come è tutto da misurare l’impatto economico di una trentina di cantieri infrastrutturali modello Genova, e quel festival della clientela politica che rischia d’essere l’affidamento diretto degli appalti sotto i 150mila euro.

Non è sufficiente, perché per quanto tu possa stimolare i consumi, se quattro italiani su dieci sono col collo tirato per pagare il mutuo e stanno attingendo ai loro risparmi per sopravvivere, vuol dire difficilmente si metteranno a spendere in bar o ristoranti, alla faccia di tutti i Savonarola della movida. E che se decideranno di fare acquisti li faranno al ribasso, puntando ai discount, all’e-commerce a basso costo, privilegiando quei prodotti di fascia bassa che noi non produciamo più.

Non è sufficiente, e sinceramente non sappiamo nemmeno quanto possano essere sufficienti tutti i soldi che l’Europa mette a disposizione, anche solo per evitare che il nostro Stato vada in tensione di cassa quando comincerà a sentirsi l’effetto del crollo delle entrate tributarie dirette e indirette – 15 miliardi in meno, il 9,3%, nei primi cinque mesi dell’anno – anche se è assurda e stucchevole la polemica di chi rifiuta sdegnosamente gli aiuti, dal basso del nostro PIl in caduta l’ibera e di un debito pubblico già oggi a livelli insostenibili.

Ci permettiamo: di questo si sarebbe dovuto parlare negli Stati Generali promossi dal governo Conte. Di un Paese in emergenza quanto mai lo è stato nella sua Storia. Di tutti i suoi problemi strutturali – dalla giustizia al fisco, dalla burocrazia più anziana e lenta del mondo, alla digitalizzazione che non c’è. – da risolvere a uno a uno, senza indulgenze e senza esitazioni. E invece siamo ancora qua, tra comuni che maledicono lo smart working e sindaci che bloccano la costruzione di antenne 5G, tra governatori che fanno a gara a chi la spara più grossa e ministri che si preoccupano solamente di trovare i soldi per far nascere l’ennesima, nuova Alitalia. E di un’opposizione più capace di offrire bersagli e capri espiatori, che alternative. A costo di ripeterci, fino alla noia: basta chiacchiere, basta tattiche, basta teatrini. Non c’è più tempo.

12.578 CONDIVISIONI
Francesco Cancellato è direttore responsabile del giornale online Fanpage.it. Dal dicembre 2014 al settembre 2019 è stato direttore del quotidiano online Linkiesta.it. È autore di “Fattore G. Perché i tedeschi hanno ragione” (UBE, 2016), “Né sfruttati né bamboccioni. Risolvere la questione generazionale per salvare l’Italia” (Egea, 2018) e “Il Muro. 15 storie dalla fine della guerra fredda” (Egea, 2019)
31290 contenuti su questa storia
"Boom di contagi Covid e casi sottostimati, indossate mascherina e vaccinatevi": l'allarme di Gimbe
Il vaccino Covid ha evitato 20 milioni di morti in un solo anno: lo studio finanziato da Bill Gates
Il vaccino Covid ha evitato 20 milioni di morti in un solo anno: lo studio finanziato da Bill Gates
Monitoraggio Iss, boom di casi Covid: Rt sale a 1,07 e incidenza a 504, 9 Regioni a rischio alto
Monitoraggio Iss, boom di casi Covid: Rt sale a 1,07 e incidenza a 504, 9 Regioni a rischio alto
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni