L'arte e il turismo culturale dell'autunno 2020 ripartono dalle mostre. Dopo le vacanze estive e il blocco, dovuto al lockdown, tornano le mostre in tantissimi spazi e musei sparsi in Italia. In massima sicurezza, secondo  protocolli ormai consolidati, dopo le vacanze estive l'autunno si prepara ad essere la stagione della ripartenza per questo settore fondamentale dell'economia e della cultura nel nostro Paese. Tra le mostre più attese della stagione c'è sicuramente quella dedicata a Van Gogh, che si terrà a partire da ottobre a Padova, così come la grande mostra dedicata a Monet e gli Impressionisti al Palazzo Albergati di Bologna, mentre c'è ancora tempo per raggiungere Ferrara che ospita, nel Palazzo dei Diamanti la mostra dedicata a Banksy, così come il Chiostro del Bramante a Roma, sempre per il più famoso street artist della storia. Vediamo quali sono, nello specifico, le mostre più interessanti nel Paese quest'autunno e quelle nelle grandi città.

Le imperdibili mostre dell'autunno 2020 in Italia

Oltre 120 capolavori di Vincent Van Gogh saranno al centro della mostra Van Gogh. I colori della vita, in programma dal 10 ottobre 2020 all’11 aprile 2021 a Padova, al Centro San Gaetano.

Dal 19 Settembre 2020 e fino al 17 Gennaio 2021 a Rovigo, a Palazzo Roverella, ci sarà la grande mostra intitolata: March Chagall. Anche la mia Russia ti amerà, oltre 100 opere dell'artista francese oltre alle due serie di incisioni e acqueforti pubblicate nei primi anni di lontananza dalla Russia.

A Ravenna, invece, dopo l'inizio delle celebrazioni per i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, si è già partiti lo scorso 11 settembre con la mostra alla Biblioteca Classense Inclusa est flamma. Ravenna 1921: il Secentenario della morte di Dante dove sono esposti libri, manifesti, fotografie, dipinti, manoscritti e numerosi oggetti d’arte.

Milano in mostra: Chagall, Fellini, Artemisia Gentileschi

Artemisia Gentileschi, Giuditta decapita Oloferne
in foto: Artemisia Gentileschi, Giuditta decapita Oloferne

Milano si conferma la regina delle mostre nel nostro Paese, nonostante i blocchi dovuti al lockdown. Fra le mostre da non perdere con l'arrivo dell'autunno, c'è innanzitutto l'appuntamento alle Gallerie d'Italia di Milano con la mostra Giambattista Tiepolo. Venezia, Milano, Dresda, Madrid. Dal 29 ottobre al 1 marzo 2021, Milano celebra i 250 anni dalla morte dell'artista con una grande mostra.

C'è poi la prima mostra dedicata a Georges de La Tour a Palazzo Reale. L'esposizione si terrà fino al 27 settembre 2020. Sempre a Palazzo Reale sarà di più il tempo (fino al 15 novembre) per ammirare la mostra Federico Fellini 1920-2020, di cui ricorrono i 100 anni dalla nascita. L’esposizione ripercorre l'evoluzione del regista attraverso i film e con particolare riguardo alle figure centrali dei suoi racconti, le donne.

Al Mudec, invece, dal 7 ottobre 2020 al 7 marzo arriverà una grande mostra dedicata a Chagall. Circa 140 opere tra dipinti, acquerelli e grafiche, provenienti dall’Israel Museum.

Bisognerà invece aspettare la fine dell'autunno, per la precisione il 3 dicembre, per la mostra Signore del Barocco che, sempre al Palazzo Reale di Milano, ospiterà opere di Artemisia Gentileschi, Sofonisba Anguissola, Lavinia Fontana, Elisabetta Sirani e Fede Galizia.

A Roma Banksy e Rembrandt superstar

Sono quasi 100 le opere che compongono il percorso espositivo che racconterà al pubblico il mondo di Banksy. All’interno dell’architettura cinquecentesca del Chiostro del Bramante, a Roma, trova spazio l’artista misterioso che ha conquistato il mondo con il suo modo di mischiare arte e politica.

Non manca moltissimo, invece, al 30 settembre, termine entro cui si può visitare la mostra Rembrandt alla Galleria Corsini, dove c'è l’Autoritratto come San Paolo. Per la prima volta in Italia dopo il 1799, e proveniente dal Rijksmuseum di Amsterdam l'autoritratto di Rembrandt, nel Settecento faceva parte della collezione Corsini.

Marina Abramovic torna a Napoli

Marina Abramović
in foto: Marina Abramović

Dal prossimo 5 settembre una grande mostra arriverà a Castel dell'Ovo di Napoli: è Estasi di Marina Abramovic. L’esperienza, allestita nella Sala delle Carceri adibita nel tempo a galera del castello, è composta dal ciclo di video denominato “The Kitchen. Homage to Saint Therese”, un’opera molto significativa nella quale Marina Abramović si relaziona con una delle più importanti figure del cattolicesimo, Santa Teresa d’Avila. L’opera si compone di tre maxi video, che documentano altrettante performance tenute nel 2009 dall’artista nell’ex convento di La Laboral a Gijón, in Spagna. L’esposizione, unita al luogo e agli spettacolari allestimenti che saranno realizzati, contribuiranno a rendere incredibile l’esperienza che sta per arrivare nella città partenopea.