Non tutto è oro quel che luccica, ma qualcuno già parla di "rinascita" italiana. Non a caso ben diciassette libri scritti da italiani, nella settimana dal 4 al 10 novembre, sono al vertice della classifica dei libri più venduti, solitamente terreno di conquista dalla narrativa straniera. Era da diverso tempo, infatti, che in cima alla "generale" non si trovavano tanti titoli scritti da autori nostrani, tra questi un bel po' di narrativa pura. Non solo la rivincita degli italiani, ma anche della fiction. Il che non sempre implica un discorso sulla qualità, ma che in generale segna una buona affermazione degli scrittori italiani.

Il podio: Ferrante, Carofiglio, Volo

Da un lato i best seller attesi, come l'incontrastato dominio al vertice della suddetta classifica dei libri più venduti di Elena Ferrante con "La vita bugiarda degli adulti" (E/O), il nuovo di Gianrico Carofiglio ("La misura del tempo" edito da Einaudi) o di Fabio Volo  ("Una gran voglia di vivere" Mondadori), dall'altro le scoperte, che testimoniano il buono stato di salute, nonostante gli immensi problemi, dello scouting letterario nostrano (è il caso de "Il treno dei bambini" di Viola Ardone, pubblicato da Einaudi Stile Libero) unito alla capacità di promuovere un buon libro.

Settore, quello delle "scoperte", a cui non può più ascriversi di certo "I leoni di Sicilia" di Steania Auci (Nord), uno dei libri più venduti del 2019, vero e proprio successo editoriale con circa 250mila copie vendute, oppure il successo di un autore tra i più amati dai lettori forti del nostro Paese, come Sandro Veronesi, in classifica al decimo posto con "Il colibrì" (La Nave di Teso). Resistono, anche se con meno titoli di qualche settimana fa, i libri pubblicati dalle webstar, come il nuovo capitolo di "Ops" di Elisa Maino (Rizzoli).

Non solo narrativa: Zerocalcare, Cottarelli, Santarelli

Non solo narrativa, però. Di italiani ce n'è davvero per tutti i gusti. Da Zerocalcare ("La scuola di pizze in faccia del professor Calcare", Bao) al saggio di Elena Santarelli (Una mamma lo sa", Piemme), passando per Carlo Cottarelli con "Pachidermi e pappagalli. Tutte le bufale sull'economia a cui continuiamo a credere", Feltrinelli) la "generale" della classifiche dei libri più venduti questa settimana parla italiano, dalla narrativa alla saggistica, per finire alla "varia".